CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Quando abbaiava la volpe



Articoli collegati:
Barbara Spinelli e il mito di Cassandra
L’ora del ritorno
Il fabbricone, un cortile di storie
Intellettuali a Milano: come eravamo
Alla ricerca dei monumenti perduti
Anteprima/Alzheimer
Segnalazione/Totalitarismi a confronto
Segnalazione/Internet e l'oblio
Segnalazione/Quando abbaiava la volpe
Segnalazione/Guida OPI dell'Antiquariato Italiano


Riceviamo e pubblichiamo:



Benito Mazzi, Quando abbaiava la volpe, Interlinea, pp.192, lire 25 000 (€ 12,91).

Quando nelle vallate alpine e nelle campagne imperava solenne la miseria anche le volpi affamate si spingevano alle porte dei paesi e “abbaiavano” come cani. È un’immagine intensa quella ripresa da Benito Mazzi nel titolo del suo nuovo libro, Quando abbaiava la volpe, una delle novità 2001 della collana Nativitas di Interlinea.

Un libro di memoria corale: quaranta persone di età compresa tra i 94 e i 37 anni rivivono i loro Natali lontani. Scorrono così, in sequenze quasi filmiche, accanto agli aneddoti divertenti o di un toccante candore, le nubi plumbee della guerra e della fame, della morte e del dolore, della solitudine e dello sfruttamento, del dramma e dell’abbandono. Squarciate, a fatica, dai raggi della speranza e della fede. Un ritratto a tutto tondo dell’incrollabile tenacia della gente di montagna.
Quando abbaiava la volpe è un libro che parla di montagna alla gente di montagna e a tutti: tra momenti divertenti e episodi tragici, la memoria dei personaggi “raccontati” da Mazzi si fa letteratura.

Benito Mazzi, nato in Val d’Ossola, è uno dei migliori scrittori italiani di vicende legate alla montagna, alla sua gente e alle sue tradizioni. Per Interlinea ha pubblicato - tra gli altri - Nel sole zingaro, romanzo dedicato al mondo dei contrabbandieri, finalista al premio Strega nel 1995 e Un uomo che conta, secondo classificato al Bancarella Sport nel 1999. Tra i suoi libri vanno ricordati anche Almeno quest’anno fammi promosso scritto con Gaetano Afeltra (Rizzoli) e il recente Fam, fum, frecc (Priuli & Verlucca).

Con il suo nuovo libro Mazzi tocca il vertice della sua capacità di rendersi interprete di un mondo, spesso percepito come chiuso e ostile, ma al contrario denso di sentimenti, di relazioni, di storia e di tradizione.

È la montagna che parla attraverso la penna di Mazzi e i ricordi dei suoi protagonisti, tutti veri, tutti viventi, tutti interpreti di un romanzo-realtà tra i più interessanti degli ultimi anni. Di grande interesse anche le immagini inedite d’epoca raccolte nel libro, che, insieme ai testi, compongono un mosaico che appassionerà i lettori di ogni età.

Articoli collegati:
Barbara Spinelli e il mito di Cassandra
L’ora del ritorno
Il fabbricone, un cortile di storie
Intellettuali a Milano: come eravamo
Alla ricerca dei monumenti perduti
Anteprima/Alzheimer
Segnalazione/Totalitarismi a confronto
Segnalazione/Internet e l'oblio
Segnalazione/Quando abbaiava la volpe
Segnalazione/Guida OPI dell'Antiquariato Italiano

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo