CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Mario Luzi: scrivere come euforia vitale



Serena Vinattieri



Articoli collegati:
Contro la volgarità del cuore umano
Un veicolo di libertà
Il poeta e i suoi luoghi
L'amore del tempo
La Residencia de Estudiantes
Il pensiero dominante
Mario Luzi: scrivere come euforia vitale
Lettera aperta di un piccolo editore
Una finzione intenzionale


Per Mario Luzi la poesia “è quel supplemento di verità di cui sentiamo il bisogno…”. A lui è stato dedicato il Luziday, celebrato lo scorso17 maggio alla Fiera del Libro di Torino.

Riconosciuto oggi come uno dei maggiori poeti del Novecento, Luzi è una figura intellettuale di primo piano: narratore, saggista, autore di teatro e traduttore di numerosi colleghi francesi, inglesi e spagnoli.

È nato a Castello nei pressi di Firenze e festeggerà ottant'anni il prossimo venti ottobre. Nel 1926 si trasferisce con la famiglia a Siena di cui ricorda “mi ritiravo in una grotta detta la Riccia e lì leggevo e fantasticavo”. Tre anni dopo è di nuovo a Firenze dove compie gli studi liceali e universitari, laureandosi con una tesi sullo scrittore cattolico francese François Mauriac. Per qualche anno insegna nella scuole superiori e dal 1955 al 1985 è professore di letteratura francese alla facoltà di Scienze Politiche di Firenze.

Luzi scrive la sua prima poesia a otto anni: “Stavo giocando con dei compagni nella strada, nel giardino. Ad un certo punto lasciai la compagnia perché avevo bisogno di andare a scrivere…”. Al liceo è anche molto interessato alla filosofia:“Non sapevo quale sarebbe stato il mio destino. Sentivo queste due attrattive. Certo i momenti di creatività mi rendevano felice. L’interesse per la poesia mi eccitava l’intelletto, la mente”.


I suoi esordi letterari risalgono agli anni prima della guerra, quando comincia a frequentare altri giovani poeti della scuola ermetica (Bigongiari, Parronchi, Bo) e collabora a riviste d'avanguardia come Frontespizio e Campo di Marte. La Barca del 1935 è il simbolo di un viaggio cominciato a vent’anni, che ha toccato varie tappe e di cui l’autore non conosce il destino: se l’approdo o il naufragio.

Luzi si definisce come “l’assenza di un riflesso fisso a luce costante, il rispecchiamento di un flusso mobile in preda alla memoria e alla coscienza”: colui che ha sempre attribuito molta importanza all’esperienza e al colloquio con gli altri. La poesia è una necessità per chi la pensa e la scrive ed è una necessità per chi la riceve: la parola è uscita dal silenzio del circoscritto ego per dirigersi verso un suo simile, un fratello.

Per chi scrive, il numero dei destinatari non può essere prevedibile: uno o mille lettori? Non ha importanza, dice Luzi, perché la poesia non arriva attraverso un comizio o un festival, non è un’imposizione del megafono o della pubblicità. Essa può arrivare solo attraverso un incontro imprevisto, come l’innamoramento per alcuni versi.

“In un mondo dove l’identità è perduta - sostiene il poeta toscano - la poesia è la chiave per ritrovare e risvegliare nella natura dell’uomo la capacità di desiderare ancora, di prendere coscienza dell’impoverimento e delle sottrazioni cui tutti siamo stati soggetti”.

La poesia è utile all’uomo perché lo richiama di fronte a se stesso e gli fa sentire quello che gli viene tolto. È un’utilità indiretta, ma molto profonda e costante. “Probabilmente noi non saremmo gli stessi se non fosse esistito Leopardi. che aveva pochissimi lettori ma questo non significa che non abbia influito sulla cultura contemporanea e futura; quindi, per vie indirette e un po’ sotterranee, la poesia s’infiltra e domina tutta la cultura”.

Per Luzi il successo è fortuito e accidentale. Ogni giorno il poeta deve scendere dal proprio effimero piedistallo e immergersi nell’anonimato, che è la vera condizione di partenza, da cui deriva la percezione e anche il giudizio sul mondo. A volte, però, qualcuno gli ha confidato di aver ricavato beneficio dalla lettura dei suoi lavori: “per esempio, quando arrivano certe lettere o testimonianze di ragazzi e ragazze che confessano che si sarebbero buttati nel terrorismo o avrebbero continuato con la droga se non avessero incontrato i miei versi… Io stupisco. Ma comprendo che quella a me stesso inconfessata speranza mi aveva sostenuto nel mio lavoro e che sarebbe mostruoso senza di essa continuare a farne, di versi”.

Il mestiere di scrivere è quell’euforia vitale, quel senso di essere al mondo che certe persone provano unicamente:“La poesia è stata la ragione della mia vita, perché credo non avrei trovato un motivo sufficiente d’impegno e di convinzione nella continuità dell’esistere, nell’essere presente al mondo, senza questo cimento con la parola”.


I link:

Articolo di “Repubblica” del 18 maggio 2001

Conversazione. Interviste 1953-1998 a cura di Annamaria Murdocca. Volume di interviste scelte di Mario Luzi.

Biografia

Biografia

(ingl) Biografia

(fr) Biografia e opere

Interviste e poesie de “L'opera poetica”

Centro Studi Mario Luzi "LA BARCA"

Articoli collegati:
Contro la volgarità del cuore umano
Un veicolo di libertà
Il poeta e i suoi luoghi
L'amore del tempo
La Residencia de Estudiantes
Il pensiero dominante
Mario Luzi: scrivere come euforia vitale
Lettera aperta di un piccolo editore
Una finzione intenzionale

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo