CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Risposte vip



Bibi David



Articoli collegati:
Come prenderla con filosofia
Felici in un mondo globale
La paura del vuoto
Lasciar essere le cose
Segnalazione/E’ una questione di testa
Segnalazione/Felicerotto e altri gadget
Le risposte della gente
Le risposte dei vip


Non è per niente facile dare una definizione di Felicità, breve o lunga che sia. "La felicità è come i desideri. Simile a raggi di sole in una stanza buia. Sembrano solidi, finché non provi ad afferrarne uno" - diceva il rabbino Nachman di Brazlav, fondatore del movimento chassidico. E' dunque impalpabile e non circoscrivibile. Nonostante questo, noti personaggi dello spettacolo, romanzieri e psicanalisti, hanno cercato di rispondere a un interrogativo che da secoli tormenta l'uomo: che cos'è la felicità?

Maurizio Costanzo (presentatore tv): “Non è possibile soffermarsi sul concetto di felicità. In tutte le epoche filosofi e studiosi hanno dedicato enorme erudizione per concettualizzare tale stato d'animo, ma con scarsi risultati, astraendosi alquanto dalla realtà. A mio modesto giudizio una saggia definizione di felicità, che mutuo da Ennio Flaiano, è: La felicità consiste nel desiderare quello che si ha”.

Carmen Llera (scrittrice): “Per me personalmente il concetto di felicità è assolutamente irraggiungibile. La felicità non dura, è un'esplosione e al massimo ci si può avvicinare a uno stato di felicità effimera, nulla di più. La mia aspirazione è sempre stata quella di essere meno infelice
possibile, non di essere felice”.

Luciano De Crescenzo (scrittore): “Bisogna fare una distinzione: ci sono due tipi di felicità, quella degli epicurei e quella degli stoici. I primi cercano il 'carpe diem', di afferrare il momento ed essere felici nel presente; gli stoici credono invece che la felicità sia unicamente nella vita futura e, di conseguenza, sono felici quando, in questo mondo, soffrono. Pensiamo ai martiri cristiani e ai talebani, che muoiono come kamikaze per ritrovarsi in paradiso con 72 bellissime vergini. Dunque, per far felice un epicureo, portalo a un banchetto, per far felice una bella ragazza, al letto; per far felice un talebano, ammazzalo!”

Tinto Brass (regista): "Le cose felici o si fanno o si dicono. Non si ha il tempo di parlare di felicità se si vuole essere felici, perché il soffermarsi su un concetto tutto genera fuorché felicità!

Piero Angela (presentatore tv): “Ho scritto un libro, Premi e punizioni. Alla ricerca della felicità, nel quale spiego che noi sfuggiamo dalle punizioni e cerchiamo premi durante la nostra vita. La gioia, la felicità, si ha nel momento rapido, breve, in cui ci avviciniamo maggiormente al premio. Se devo poi dare una mia definizione di felicità, mi rifaccio a Linus, un personaggio di Snoopy, che diceva: "La felicità è tornare a casa dall'ospedale". Solo quando si ritrovano cose che si credevano perdute si ha infatti la capacità di apprezzare ciò che si ha
e di essere felici”.

Aldo Carotenuto (psicanalista): “La felicità appartiene a chi sa che non esistono soluzioni definitive ma solo sforzi per dominare i problemi che ci si presentano ogni giorno. Queste persone hanno capito che in qualsiasi circostanza ciò che conta è ampliare i fondamenti della propria libertà, per far diventare la vita più razionale e più umana. Nessuno di noi vive la felicità del paradiso ma possiamo vivere lo sforzo continuo per raggiungere quelle mete per noi importanti, che danno un senso alla nostra vita”.

Alberto Bevilacqua (romanziere): “Ho scritto un libro, Lettere alla madre, sul tema della felicità. Per me la felicità è il risorgere dalle cose negative. E' Cristo che riesce a non morire sulla croce, ritorna a Betlemme e riprende il mestiere di falegname. Felicità è ritornare a essere vivi e liberi e soprattutto non avere noie e fastidi dalle persone sciocche che ci sono intorno. E' liberarsi di quei pesi morti, incapaci integrali con i quali magari abbiamo dovuto per anni lavorare o dividere la nostra esistenza”.



Articoli collegati:
Come prenderla con filosofia
Felici in un mondo globale
La paura del vuoto
Lasciar essere le cose
Segnalazione/E’ una questione di testa
Segnalazione/Felicerotto e altri gadget
Le risposte della gente
Le risposte dei vip

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo