CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffč Europa - Attualitą

Caffe' Europa
Attualita'



Viva viva il presidente

Antonio Carioti

 

Articoli collegati
Ciampi, il migliore dei presidenti possibili
Ciampi/Biografia dell'inquilino del Colle
Rassegna stampa/Viva viva il presidente
www.Quirinale.it
Letti per voi/Un paese finalmente normale
Letti per voi/Nell'urna svanisce il sogno centrista

 

Quella che segue e' la rassegna stampa di venerdi' 14 maggio 1999 dei sette maggiori quotidiani nazionali. Ogni giorno potete trovare questo servizio all'indirizzo http://www.caffeeuropa.it/rassita/ oppure abbonarvi per riceverla gratuitamente via posta elettronica a http://www.caffeeuropa.it/adomicilio/

 

Un coro unanime di consensi accoglie l'ascesa al Quirinale di Carlo Azeglio Ciampi, salutato da tutti come la migliore scelta possibile. E' bastata la prima votazione, con il quorum dei due terzi, nonostante i numerosi franchi tiratori.

Tutte sul nuovo presidente, com'e' ovvio, le aperture dei quotidiani. Titoli telegrafici sul "Messaggero" ("Ciampi subito Presidente") e sull'"Unita'" ("E' Ciampi"). Si dilunga invece il "Corriere della Sera": "Il Parlamento dice si': Ciampi eletto presidente". "La Repubblica" esalta il "presidente di tutti". "Il Sole 24 Ore" parla di "scelta di unita'". "La Stampa" cita una frase del neoletto: "meritero' la vostra fiducia". "Il Giornale" si preoccupa di spiegare ai lettori "Perche' il centrodestra ha votato per Ciampi".

I commenti grondano soddisfazione. Il piu' prodigo di elogi e' il direttore di "Repubblica", Ezio Mauro: non solo per Ciampi e per il premier Massimo D'Alema, che a suo avviso si e' comportato da "uomo di Stato", ma anche per il Polo, che "per la prima volta" ha agito " da destra costituzionale", e perfino per il segretario del Ppi Franco Marini, che "non ha messo in discussione la coerenza di centrosinistra".

Si rallegra anche il direttore dell'"Unita'" Paolo Gambescia, secondo cui l'elezione di Ciampi apre la strada alla "stagione delle riforme", prima fra tutte l'elezione diretta del capo dello Stato. Non la pensa cosi' Indro Montanelli, che nel fondo del "Corriere", dopo aver manifestato una festosa incredulita' per la scelta di Ciampi, pone una domanda imbarazzante: se la decisione fosse stata affidata al popolo, sarebbe stata altrettanto saggia?

quiri02.jpg (7773 byte)

Edmondo Berselli, nel fondo del "Sole 24 Ore", sottolinea a sua volta le difficolta' che attendono il presidente, cui i partiti hanno delegato l'arduo compito "di essere un punto di sintesi rispetto alla grande frantumazione della sfera politica e civile". E Giovanni De Luna, sull'"Unita'", richiama la tradizione azionista da cui Ciampi proviene: una cultura che ha sempre privilegiato la dimensione del governo rispetto a quella della politica di partito.

Nel fondo del "Messaggero" Giovanni Sabbatucci sostiene che Ciampi e' stato designato in base a una logica "squisitamente bipolare", attraverso un accordo tra il capo del governo e quello dell'opposizione. Concorda, sul "Corriere", Angelo Panebianco, secondo il quale in questo modo "viene definitivamente chiusa l'era della Dc".

Anche Giuseppe Caldarola, sull'"Unita'", segnala un rilancio del "meccanismo bipolare", accompagnato da un brusco "avvitamento" del Ppi. E Paolo Guzzanti, sul "Giornale", descrive una "coppia vincente" composta da Berlusconi e D'Alema.

Nel fondo della "Stampa" il direttore Marcello Sorgi evidenzia come il ruolo giocato dall'opposizione nell'elezione presidenziale sia una costante della storia repubblicana, ma una novita' per il Polo: se si prosegue su questa strada, conclude, la Grande Riforma diventa possibile.

"Il Giornale" pubblica affiancate due opinioni divergenti. Gianni Baget Bozzo loda la "credibilita' morale" e "l'indipendenza" di Ciampi, definendolo "l'uomo che puo' 'dire di no' a D'Alema". Marcello Veneziani ribatte che il neoeletto non e' affatto al di sopra delle parti, ma rappresenta piuttosto la supremazia della finanza e dei mercati sulla politica.

Di tutt'altro parere Alessandro Galante Garrone, che con il nuovo presidente condivide la passata militanza nel Partito d'Azione: il governo Ciampi, scrive sulla "Stampa", e' stato "uno dei punti piu' alto di questo dopoguerra". Domenico Siniscalco, sul "Sole 24 Ore" evidenzia la credibilita' internazionale accumulata dal capo dello Stato negli anni passati alla guida della Banca d'Italia.

Secondo Bruno Ugolini, dell'"Unita'", l'elezione al Quirinale di uno strenuo sostenitore del patto sociale e' di buon auspicio per i lavoratori metalmeccanici, impegnati in una dura vertenza. Roberto Martinelli, del "Messaggero", chiede a Ciampi un impegno sulla giustizia, per tenere a freno il protagonismo di certi magistrati.

Non mancano ovviamente le note di colore. Gian Antonio Stella, sul "Corriere", ironizza sulla "beatificazione" del neoeletto, osservando che "ciascuno brinda a un Ciampi differente dall'altro". Sebastiano Messina, su "Repubblica", nota che fra coloro che hanno applaudito fragorosamente l'esito del voto si annidava una folta pattuglia di franchi tiratori.

Massimo Gramellini, della "Stampa", scommette sul fatto che Ciampi "non esagerera' mai": manterra' il suo stile compassato, sfuggendo alle tentazioni di protagonismo in cui sono caduti i suoi predecessori.

A proposito di predecessori, si registrano due addii di tono opposto a Oscar Luigi Scalfaro. E' al veleno il commiato di Massimo Teodori, che sul "Giornale" accusa il presidente uscente di aver "usato i poteri di capo dello Stato per influire sul sistema politico". E' al miele il saluto di Gad Lerner su "Repubblica": quella di Scalfaro, afferma, "e' stata una presidenza politica" per via delle condizioni drammatiche in cui si e' trovato a operare. Senza di lui, conclude, oggi non avremmo certo "un'Italia migliore" e forse nemmeno "un sistema ancora in piedi".

Quel poco altro che si trova sui giornali riguarda Kosovo e dintorni. Inquieta la scoperta di ordigni nelle acque della laguna veneta: forse sono stati sganciati da aerei Nato. Carlo Bastasin, sulla "Stampa", deplora la "violenza" dei pacifisti tedeschi, che hanno gettato vernice sul ministro degli Esteri Joschka Fischer. Su "Repubblica" il commediografo Arthur Miller deplora la mancanza di un leader della statura di Roosevelt alla guida dell'Occidente in guerra.

 

Articoli collegati
Ciampi, il migliore dei presidenti possibili
Ciampi/Biografia dell'inquilino del Colle
Rassegna stampa/Viva viva il presidente
www.Quirinale.it
Letti per voi/Un paese finalmente normale
Letti per voi/Nell'urna svanisce il sogno centrista

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio attualitą

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier |Reset Online |Libri |Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media |Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo