CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualità

Caffe' Europa
Attualita'



Letti per voi/Nell'urna svanisce il sogno centrista

Angelo Panebianco

 

Articoli collegati
Ciampi, il migliore dei presidenti possibili
Ciampi/Biografia dell'inquilino del Colle
Rassegna stampa/Viva viva il presidente
www.Quirinale.it
Letti per voi/Un paese finalmente normale
Letti per voi/Nell'urna svanisce il sogno centrista

 

Accade di rado che il Paese possa legittimamente rallegrarsi del comportamento della sua classe politica. Questo è uno di quei rari momenti. Per le caratteristiche dell'uomo che è stato eletto presidente della Repubblica. Quanto al modo di elezione, la convergenza al primo turno del grosso della maggioranza e dell'opposizione sul nome di Ciampi è un grande successo dei principali leader dei due schieramenti, da Veltroni a D'Alema, da Berlusconi a Fini, a Casini, e crea anche le premesse per un clima di collaborazione (ma aperta, non sottobanco) anche su altri impegnativi temi dell'agenda politica italiana.

Quanto alla figura dell'eletto, con Ciampi - secondo governatore della Banca d'Italia che sale al Quirinale, dopo Luigi Einaudi - l'Italia si dà un presidente che gode di unanime stima nelle capitali europee.

ciampihogr.jpg (5769 byte)

Non per ingenerosità nei confronti del presidente uscente, ma solo per amore di obiettività, possiamo dire che con l'elezione di Ciampi viene definitivamente chiusa l'epoca della Dc, di cui la presidenza Scalfaro è stata in molti modi la coda finale. Scalfaro venne eletto nel 1992, quando la Dc era ancora il partito di maggioranza, secondo un rituale tante volte utilizzato nei decenni precedenti: dopo che il candidato ufficiale alla presidenza (era allora Forlani) era stato bruciato dai franchi tiratori, si ricorse all'outsider, al nome inizialmente inaspettato (anche lui democristiano).

Sulla base della regola secondo cui, al gioco delle correnti dc, conveniva l'elezione di un democristiano non troppo potente dentro il partito.

L'elezione di Ciampi è la prima dell'epoca post democristiana. Essa ha, fra l'altro, il vantaggio di mettere la parola fine su quei confusi progetti di ricostituzione del "partito di centro" che tanti ex democristiani, ovunque fossero politicamente collocati, e dunque non solo nel Partito Popolare, hanno coltivato in questi anni.

Dimenticando che se la Dc ebbe grandi meriti (e li ebbe senz'altro, insieme anche ad alcuni demeriti) nella storia della Repubblica, nell'intervallo che separò la fine della Seconda guerra mondiale dalla fine della Guerra fredda, l'idea di ricostituire oggi qualcosa di simile era assurda, antistorica, comunque destinata a fallire, magari dopo avere procurato danni al Paese. A dispetto di coloro che strillano, sbagliando bersaglio, contro il "consociativismo" la modalità di elezione di Ciampi, con la convergenza sul suo nome dei due poli, di maggioranza e di opposizione, ha attuato precisamente quello che dovrebbe essere il modo "normale" di elezione del presidente della Repubblica in una democrazia che resta (almeno per ora) parlamentare ma che, al tempo stesso, ha scelto, sia pure fra mille contraddizioni, la strada del confronto "bipolare" fra schieramenti contrapposti: si converge su un candidato che, per la sua statura, il suo prestigio, la sua credibilità personale, promette di comportarsi da presidente "al di sopra delle parti", in grado di garantire, allo stesso modo, entrambi gli schieramenti.

ciampi6.jpg (8971 byte)

Ogni presidente neo-eletto è sempre, almeno per certi versi, un oggetto misterioso. Non importa quanto crediamo di sapere di lui e della sua storia passata. La solitudine del ruolo fa sì che spesso i suoi comportamenti come presidente riservino sorprese. In una Repubblica che, dopo il crollo dei grandi partiti, ha affidato all'inquilino del Quirinale un peso politico di primissimo piano, avremo presto modo di osservare le mosse del nuovo presidente in situazioni delicate e difficili.

Resta sempre aperto il problema di come conciliare un'accresciuta politicizzazione del ruolo del presidente con una modalità di elezione alla carica che (nelle intenzioni dei costituenti) quella politicizzazione escludeva. Per chi ancora ci crede, di questo dovrebbe soprattutto occuparsi la riforma della Costituzione.

 

Articoli collegati
Ciampi, il migliore dei presidenti possibili
Ciampi/Biografia dell'inquilino del Colle
Rassegna stampa/Viva viva il presidente
www.Quirinale.it
Letti per voi/Un paese finalmente normale
Letti per voi/Nell'urna svanisce il sogno centrista

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio attualità

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier |Reset Online |Libri |Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media |Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo