CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Il Cammello: Come cambia RadioDue


Massimo Cervelli, Sabrina D'Orsi, Roberto Gentile e Antonio Santirocco con Paola Casella

 

Articoli collegati
Liberi di rischiare: fino a quando?
Resto ad Alcatraz, la tv mi soffoca
Il coniglio ruggisce ancora
Il Cammello: Come cambia RadioDue
La Barcaccia? Scherza con i santi

Il Cammello e' il nuovo esperimento di Radiorai: in onda su RadioDue tutti i giorni della settimana, e da febbraio anche durante i weekend, e' un unicum che abbraccia l'intera giornata, creando collegamenti fra uno spazio musicale e il successivo, fra un'intervista e un servizio di attualita', e fra i programmi-culto dell'emittente, quelli che il direttore Valsania chiama "i gioielli della corona": Fabio e Fiamma, Se telefonando, Il ruggito del coniglio, Caterpillar.

A meta' fra il contenitore televisivo domenicale (ma con frequenza quotidiana) e il flusso musicale non-stop delle radio private (ma con numerosi inserti redazionali), Il Cammello cerca di conciliare intrattenimento e informazione, la "radio parlata" con l'hit parade dei brani piu' richiesti, e rappresenta il maggior numero di ore di trasmissione radiofonica coordinate in un'unica trasmissione attualmente in onda in Italia. Un esperimento azzardato per una rete istituzionale, e una scommessa professionale per tutti coloro che ne sono direttamente coinvolti, dai conduttori agli autori (la redazione e' la piu' vasta per un'emittente di intrattenimento, al di fuori delle testate giornalistiche), dai dirigenti di RadioDue alla responsabile del programma, Marina Mancini.

Abbiamo chiesto ad Antonio Santirocco, caporedattore del Cammello, di spiegarci come funziona il programma, e a tre dei suoi conduttori piu' popolari - Massimo Cervelli, Sabrina D'Orsi e Roberto Gentile - di raccontarci le loro impressioni "a caldo".

cmmll.jpg (10961 byte)

"Il Cammello ha cominciato ad andare in onda il 27 settembre, e conclude il suo primo ciclo il 21 di gennaio", attacca Santirocco. "L'idea era quella di creare un flusso di musica commerciale e contemporanea, al ritmo di 12 brani all'ora, che e' la media delle radio private, inframmezzato pero' dai programmi 'storici' di RadioDue e da una serie di raccordi promozionali da un minuto per 'lanciare' quei programmi, evitando i famosi 'buchi' radiofonici fra un'Onda verde e un pezzo musicale.

"All'interno del Cammello, sono incastonati alcuni servizi brevissimi: non piu' di tre minuti di parlato consecutivi, anche trattando di cose serissime, il che per la Rai, notoriamente prolissa, e' una vera novita'. I servizi sono di natura diversa: si va dall'intervista al musicista o allo scrittore alla presentazione di un film al flash su un nuovo sito Internet. Sono segmenti informativi ma anche divertenti, perche' vogliamo mantenere il tono dell'intrattenimento, non quello della trasmissione giornalistica. Ci interessa soprattutto l'agilita' nel passare da Sepulveda a Beppe Signori a Laura Pausini senza mai storcere il naso, facendo conoscere personaggi diversi a diversi tipi di ascoltatori.

"E gli ascoltatori a quanto pare ci seguono: i dati sono molto buoni, soprattutto nella fascia pomeridiana. La fascia piu' difficile e' quella mattutina, perche' il pubblico di RadioDue a quell'ora e' composto di persone che non erano abituate ad ascoltare tanta musica. Ma se Il Cammello ha scontentato gli ascoltatori piu' anziani, ha avvicinato il quarantenne che va a lavorare presto la mattina, e questo ha contribuito a svecchiare l'ascolto, che era uno dei nostri obbiettivi.

"La redazione e' gigantesca, sia come numero di persone che come quantita' di materiale che 'passa' quotidianamente. Io ho a che fare con quattro registi, tre dirigenti, tre redattori, otto conduttori. Spesso faccio la notte, e comunque alle cinque di mattina accendo la radio per non perdermi l'inizio della trasmissione.

"I conduttori sono assolutamente diversi fra loro per gusti, tipo di conduzione, sesso e anche eta': i 'giovani', cioe' Flavia Cercato, Massimo Cervelli, Sabrina D'Orsi e Roberto Gentile, e i 'meno giovani', cioe' Maurizio Becker, Barbara Condorelli, Barbara Marchand e Riccardo Pandolfi. Ognuno ha la sua specialita': Barbara Marchand si occupa di New Age, Riccardo Pandolfi tiene uno spazio fisso per i comici, Sabrina D'Orsi spiega al pubblico le nuove tecnologie. Alcuni lavorano in Rai da anni, altri sono arrivati da poco. Il tentativo e' quello di creare una grande famiglia, i cui componenti si alternino al microfono senza soluzione di continuita'".

"C'è un rischio, però", osserva Roberto Gentile, trentenne con un passato di DJ a TMC2, "quello dell'omologazione totale: la trasmissione viene riconosciuta come tale nell'arco della giornata, ma i conduttori diventano indistinguibili fra loro. Oltretutto, mettendo insieme un'umanita' cosi' varia, c'e' il rischio che, invece di un flusso unico, si crei un'accozzaglia."

"Io e Roberto, che eravamo abituati a lavorare in coppia (al talk show Fusi Orari, di loro ideazione, nda), siamo riusciti a condurre insieme solo dopo un mese e mezzo dall'inizio del Cammello", aggiunge Massimo Cervelli, 33 anni, gia' conduttore, oltre che di Fusi Orari, anche de I duellanti con l'Andrea Pellizzari delle Iene. "Adesso accettiamo le levatacce - noi che adoravamo dormire fino a tardi - perche' la mattina e' zona franca, ci sono spazi per parlare di tre, anche quattro minuti, che rispetto a quelli del pomeriggio sono praterie. Durante il resto della trasmissione riesci appena a disannunciare un disco e annunciare il successivo, che parte inesorabile."

"Anche io parlo solo due volte all'ora", conferma Sabrina D'Orsi, la piu' giovane del gruppo (e l'ultima arrivata in Rai: Il Cammello e' il suo primo programma da conduttrice, prima si occupava della grafica del sito Internet di Hit Parade), che conduce lo spazio pomeridiano insieme a Cervelli e Gentile, oltre ai miniservizi sulle nuove tecnologie. "I ritmi sono molto serrati, gli spazi di informazione ridotti, a scapito dell'approfondimento: una certa superficialita' diventa un requisito necessario, e questo diminuisce il livello di qualita' della trasmissione."

"A volte e' comodo avere cosi' poco tempo: quando non hai voglia di parlare, metti il pilota automatico e vai", dice Gentile. "Viceversa quando sei allegro e hai tante cose da dire la mancanza di spazio e' frustrante, cosi' come e' frustrante la mancanza di contatto con il pubblico."

"Devastante", rincara Cervelli, nel suo classico tono laconico, quello che, fra le altre cose, gli fa patire la mancanza di spazi di interazione con gli ascoltatori ("se non parlo con qualcuno, faccio subito dormire"). "E' un formato che lascia poco spazio alla spontaneita', e la conduzione rischia di diventare spersonalizzante"

"Adesso pero', dopo qualche mese di rodaggio, il concetto di famiglia del Cammello comincia a funzionare" dice D'Orsi. "Si e' creato un rapporto di affetto non solo fra noi conduttori, ma anche con gli ascoltatori, che ci riconoscono come gruppo."

"La varieta' delle voci che si alternano al microfono, alla fin fine, e' un dato positivo", aggiunge Gentile, "come lo sono il fatto di eliminare i compartimenti stagni fra i programmi Rai e la scelta musicale basata sui dischi nuovi".

"Bisogna trovare il giusto equilibrio tra spazi di conduzione e musica, per utilizzare al meglio il nostro 'mestiere'", conclude Cervelli. "E bisogna creare gli abbinamenti giusti fra i conduttori: ognuno ha la sua specialita', i suoi punti di forza. E' un gioco a incastro: il fatto di essere amici, per me e Roberto, e' un bel vantaggio".


Articoli collegati
Liberi di rischiare: fino a quando?
Resto ad Alcatraz, la tv mi soffoca
Il coniglio ruggisce ancora
Il Cammello: Come cambia RadioDue
La Barcaccia? Scherza con i santi

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo