CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Il racconto di una vita spezzata



Paola Damiani



Articoli collegati:
"Cara amica...", una vita confidata per posta
"Aristo si è sposato e l’ho saputo soltanto dai giornali"
L’ultimo canto
L’eterna fanciulla dalla voce imperfetta
Il racconto di una vita spezzata

Questo articolo è apparso sul numero 43 di Reset del dicembre 1997.

"Aver dei difetti ma essere insostituibile, questo è il genio. Trionfare su una folla divisa è la gloria. Maria Callas ha l'una e l’altra cosa". L’opinione di un cronista del "Figaro" che ha assistito alla Norma a Parigi nel 1964 è il segno distintivo della tormentata carriera di Maria Callas, quella che insieme a Greta Garbo è ormai la diva per eccellenza del nostro secolo.

Maria Anna Cecilia Sofia Kalageropoulos nasce a New York nel 1923 e poco dopo la famiglia cambia per praticità il complicato cognome in Callas. La leggenda vuole che il suo straordinario talento musicale venga scoperto in casa quando la giovane e robusta bambina studia e imita il canto di un canarino cui è molto affezionata. Ma in realtà è la madre, le cui sorelle sono tutte cantanti, che decide di affidare Maria ad una prima e oscura insegnante privata ed è sempre la madre poi, viste le sorprendenti qualità della figlia, che sceglie di trasferirsi in Grecia nel 1937, per procurarle maestri migliori a costi ragionevoli.

Qui la Callas studia prima con Maria Trivello e poi con Elvira de Hidalgo, che è stata una cantante celebre ed acclamata in tutto il mondo e che per prima coltiva la spiccata vena divistica di Maria. A quindici anni debutta in una esecuzione privata di Cavalleria rusticana e nel 1940 canta in teatro, ad Atene, in un opera ormai dimenticata, il Boccaccio di Franz von Suppé.

In Grecia acquista una certa notorietà, ma la guerra e le sue conseguenze pesano sul paese e per questo Maria Callas torna a New York nel luglio del 1945, dove continua a studiare con Louise Castellotti. Il debutto internazionale avviene però in Italia, nel 1947, all’Arena di Verona in Gioconda; è un successo, ma non clamoroso. La critica infatti non si accorge subito della Callas neppure alla sua prima apparizione alla Scala nel 1950 e solo con la stagione successiva del teatro milanese arrivano i primi trionfi ne I Vespri Siciliani, Norma e I Puritani all’Opera di Roma.

Da questo momento in poi la carriera della cantante accende l’interesse delle platee di tutto il mondo e le sue doti vocali così originali e controverse, il talento drammatico e l'intelligenza musicale che la impongono sulla scena si mescolano agli aneddoti sulla vita privata, sul carattere impossibile che le faceva lasciare le recite a metà e sulle rivalità con i colleghi contribuendo a creare un personaggio pubblico enorme.

Così Camilla Cederna racconta l'annoso confronto Tebaldi-Callas in una breve biografia apparsa nel 1969, quando la cantante aveva quasi del tutto abbandonate le scene: "Di qui la ragazzona padana timida e scontrosa, che ama gli agnolotti, adora la madre, ha una voce che nel '46 Toscanini definì 'angelica'; di là l'italogreca affamata di prestigio sociale e a tavola inappetente, che detesta la madre (...), che dopo un litigio il maestro Serafin definì 'un diavolo con istinti diabolici'".

Anche le caratteristiche vocali della Callas non contribuiscono a renderle la vita facile: la sua è una voce "multipla" che copre ruoli a volte troppo diversi e inoltre ha alcuni difetti che nel tempo si faranno sempre più evidenti come alcune note alte o i bruschi passaggi di registro che lasciano perplessi pubblico e critica.

Ma l'artista durante l'esecuzione riesce quasi sempre a dissimulare le sue debolezze e perfino ad usarle in senso espressivo per creare suggestioni uniche. Uno dei meriti musicali maggiori di Maria Callas è stato quello di aver riportato in scena molte opere all'epoca ingiustamente dimenticate come Armida e Il turco in Italia di Gioacchino Rossini o la Medea di Gaspare Spontini.

I riconoscimenti indiscussi sono stati invece quelli alla Callas attrice che lavora al meglio con registi innovativi come Luchino Visconti e Franco Zeffirelli. La sua passione per la recitazione la porta a interpretare nel 1969, quando ormai si limita a tenere pochi, attesissimi concerti, il film Medea di Pierpaolo Pasolini e più tardi, nel 1973, a curare la regia dei Vespri Siciliani per l'inaugurazione del teatro Regio di Torino, ricostruito dopo un incendio.

Maria Callas muore improvvisamente nella sua casa di Parigi il 16 novembre 1977.

 

Articoli collegati:
"Cara amica...", una vita confidata per posta
"Aristo si è sposato e l’ho saputo soltanto dai giornali"
L’ultimo canto
L’eterna fanciulla dalla voce imperfetta
Il racconto di una vita spezzata

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo