CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Itinerario/Se ne parla in Rete



Ludovica Valori



Articoli collegati:
Eutanasia, un puzzle di opinioni
Olanda, che cosa dice la legge
La legislazione nel resto del mondo
La dolce morte
Itinerario/Se ne parla in Rete


Di cosa si parla quando si parla di eutanasia? Alcuni la considerano frutto di un atteggiamento puramente egoistico, altri come un diritto da esercitare - liberamente e consapevolmente - su se stessi, senza lasciarsi condizionare da dettami religiosi e culturali: spesso idealizzata, la “dolce morte” e’ di sicuro un argomento molto delicato, specie se inquadrato nel contesto piu’ vasto delle questioni di bioetica e di tecnologie mediche sempre piu’ avanzate.

Le domande, indubbiamente, sono tante: fin dove arriva il diritto di medici e/o parenti di decidere sulla vita di un paziente? Quali sono i criteri secondo i quali vale o no la pena di continuare a vivere, e quale legge puo’ sancirli definitivamente? Non esistono gia’ delle norme che preservino i pazienti dall’accanimento terapeutico e che diano loro la possibilita’ di scegliere se avvalersi o meno di cure dolorose e/o inutili? Chi puo’ decidere per un paziente che non sembra piu’ in grado si decidere per se’?

Questioni delicate, che non mettono in gioco solo l’etica professionale dei medici ma potrebbero anche dare l’occasione per un riesame del tipo di concezione e di gestione della sofferenza, della malattia e della morte nella nostra societa’ “supersviluppata”, e della scala di valori sulla quale essa sembra basarsi: vitalita’, salute ed efficienza totale innanzitutto.

Lo spunto per la discussione in Europa e’ fornito dal “caso Olanda” ma e’ piu’ o meno dai tempi di Ippocrate che il problema divide. Vediamo cosa ci offre la Rete.

Cosa succede in Europa

EXIT (nuovo nome della Voluntary Euthanasia Society of Scotland) (ingl)
Sito molto vasto che si propone di informare sugli argomento pro e contro le pratiche di “interruzione volontaria e/o assistita della vita”, contiene anche dossier su alcuni paesi, primo tra tutti l’Olanda , e una panoramica sull’atteggiamento delle varie religioni sul tema del suicidio e dell’eutanasia (finora avevamo trovato pareri essenzialmente contrari, ma a quanto pare non e’ sempre cosi’).

Voluntary Euthanasia Society (ingl)
L’Organizzazione londinese sostiene il diritto a esprimere (in anticipo e per iscritto) la propria volonta’ di NON ricevere determinate cure (“living will” o “advance refusal”): il modulo (cinque pagine, sintetico e assai preciso) e’ disponibile in formato PDF, corredato di istruzioni per la compilazione e la consegna al proprio medico. Si tratta comunque di una cosa diversa dall’eutanasia, che attualmente non e’ legale nel Regno Unito: la sezione “voluntary euthanasia” illustra il punto di vista dell’associazione al riguardo e offre una vasta raccolta di “factsheets”  e articoli accademici , per meglio approfondire la questione.

Euthanasie: sites francophones (franc)
Lista di siti in francese - vi troviamo articoli da Belgio, Canada, Francia, Svizzera - che affrontano il tema nei suoi aspetti giuridici ed etici.

Derecho a morir dignamente (spagnolo)
La situazione in Spagna: link, notizie e documenti.

In Italiano

Da Repubblica.it: “Legge sull’eutanasia, l’Olanda e’ la prima”
L’articolo e’ del 28 novembre 2000, data in cui e’ entrata in vigore in Olanda la legge sull’eutanasia, e illustra esaurientemente il caso olandese mettendolo a confronto con altre situazioni: ad esempio il caso (celebre qualche anno fa) del “Dottor morte”, l’americano Jack Kevorkian, che si fece addirittura riprendere in TV mentre era all’opera (ma forse era solo un po’ in anticipo sui tempi?…).

EXIT Italia - Centro di Studi e Documentazione sull’eutanasia
Oltre a informazioni e notizie, sul sito di questa organizzazione, fondata nel 1996 a Torino, troviamo il “testamento biologico” (simile nelle intenzioni all’inglese “living will” di cui sopra), compilando il quale possiamo rifiutare “qualsiasi forma di rianimazione o di continuazione dell’esistenza dipendente da macchine”.

Dal Centro di Bioetica dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma (italiano, inglese)
Una raccolta di “notizie di bioetica” ordinate per temi: naturalmente non manca l’eutanasia, e troviamo tra vari articoli e commenti (prevalentemente contrari, data la matrice cattolica del sito) anche l’interessante contributo di un’esperta americana , Rita Marker, che spiega come alcune istituzioni -tra cui la “Open Society” di George Soros - sostengano economicamente le organizzazioni pro-eutanasia negli USA.

Unione degli Atei, agnostici e razionalisti
Una interessante sintesi di articoli, interviste e commenti apparsi tra il 28 novembre ed il 20 dicembre 2000 in Italia a proposito della legalizzazione dell’eutanasia in Olanda. Si arrivera’ a una legge simile anche in Italia? Sembrerebbe difficile, data l’influenza della Chiesa Cattolica sui nostri “affari privati”: ma ora che siamo in Europa, chissa’…

La situazione fuori dall’Europa

World Federation of Right to Die Societies (inglese)
Fondata nel 1980, raccoglie 38 organizzazioni di 22 paesi del mondo e sta organizzando un congresso che si terra’ a Bruxelles nel settembre 2002: tra gli ospiti, naturalmente, il ministro della sanita’ olandese, signora Els Borst. In prima pagina le notizie dal mondo: immancabile la newsletter e, alla voce “resources”, i link ai progetti e ai siti utili per chi - si tratti di medici o di pazienti - voglia documentarsi meglio.

Euthanasia.com, ovvero pensateci bene… (ingl)
Articoli, testimonianze e commenti di medici e pazienti dagli USA e dal mondo: lo stato dell’Oregon, ad esempio, permette il suicidio assistito (diverso dall’eutanasia: in questo caso, infatti, il paziente stesso viene messo in condizione di porre termine alle sue sofferenze), e in Australia si stanno discutendo provvedimenti legali simili. Il sito affronta il tema in tutti i suoi aspetti senza trascurare quelli religiosi (vedere la sezione “religion and euthanasia” ). Con un taglio dichiaratamente contrario: non a caso si fa anche riferimento all’uso dell’eutanasia nella Germania nazista.

Euthanasia World Directory, il diritto di morire (ingl)
Sito curato dalla ERGO, organizzazione no-profit che ha la sua base per l’appunto nello Stato dell’Oregon, e che si dedica alla discussione delle tematiche legate al “Right-to-die”. Ci sono anche i testi della legge conosciuta col nome di “Death With Dignity Act”. In piu’, newsletter e aggiornamenti sulle innovazioni tecnologiche al riguardo e sulla situazione legale in vari paesi del mondo.

Un punto di vista storico-filosofico (ingl)
Dalla Internet Encyclopaedia of Philosophy, a cura dell’Universita’ del Tennessee, un sintetico quadro storico delle discussioni e delle posizioni che hanno accompagnato questo tema, da Ippocrate ai giorni nostri.

Una prospettiva islamica sulla questione, dalla Malesia (ingl)

Articoli collegati:
Eutanasia, un puzzle di opinioni
Olanda, che cosa dice la legge
La legislazione nel resto del mondo
La dolce morte
Itinerario/Se ne parla in Rete

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo