CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Ma con la DC era peggio



Gerardo Marletto



Articoli collegati
Come adattarsi all'idea senza perdere la faccia
Il centrosinistra, anche se sconfitto, "riparte dal nord". E da Milano.
Democrazia e retorica deliberativa
Ma con la DC era peggio
Non è razzista chi critica il populismo


Forse non sono i giorni giusti per dirlo, ma stiamo meglio adesso che con la Democrazia Cristiana. Certo, Berlusconi ha vinto; ma non mi pare proprio che per questo si debba gridare allo scandalo o pensare alla fuga.

Berlusconi ha vinto perché ha capito che in un sistema maggioritario bisogna presentarsi con coalizioni compatte e coese, mentre il centrosinistra ha perso schegge in tutte le direzioni. Ma Berlusconi per vincere ha dovuto rinunciare alla funzione nobilitante della DC: invece di educare l'elettorato moderato, ne ha solleticato la parte più becera e cialtrona. Risultato: la maggioranza del Paese non è con lui e nel nord produttivo e aziendalista non si è registrato quel plebiscito che si aspettava.


Ciò che conta è che con queste elezioni un'epoca si è per fortuna chiusa. D'ora in poi, finalmente, la destra e la sinistra concorreranno per governare il Paese. La sinistra non è più chiusa nell'angolo dal fattore K e costretta solo a fare opposizione nei palazzi e nelle piazze. E la sinistra ha i numeri e le forze per tornare a governare.

Per farlo deve attirare a sé le forze moderate più democratiche e più attente ai valori sociali e le forze antagoniste pronte a confrontarsi con l'aspro mestiere del riformismo. Per farlo dovrà continuare - come purtroppo per anni colpevolmente non ha fatto - a denunciare le mistificazioni del neoliberismo, a difendere i diritti dei lavoratori, a restituire dignità alle politiche pubbliche, a perseguire uno sviluppo più umano, in Italia e nel Mondo.

Quindi, non rimpiangete la DC; guardatevi i risultati delle elezioni collegio per collegio, ne ricaverete un'immagine meno sconfortante del nostro Paese. E, ne sono certo, vi tornerà la voglia di darvi da fare.


Articoli collegati
Come adattarsi all'idea senza perdere la faccia
Il centrosinistra, anche se sconfitto, "riparte dal nord". E da Milano.
Democrazia e retorica deliberativa
Ma con la DC era peggio
Non è razzista chi critica il populismo

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo