CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Le regole del gioco



Niccolò Nisivoccia



Articoli collegati:
Le regole del gioco
Senza parole
La singolare dialettica del duello
La mano dell’artista


In tutti gli sport, prima di iniziare a giocare gli avversari si stringono la mano (negli sport collettivi a farlo sono i capitani delle rispettive squadre); e la stessa cosa accade quando la partita è terminata (anzi, talvolta gli avversari giungono a farsi reciprocamente i complimenti, ad abbracciarsi, a scambiarsi le casacche).

È questa una regola molto importante, e molto simbolica: in una stretta di mano gli avversari trovano e si garantiscono reciproco riconoscimento, trovano e si garantiscono la certezza che anche per questo motivo la partita sarà leale, trovano e si garantiscono la promessa che sapranno rispettivamente accettare e gestire l’esito della partita qualunque sarà, trovano e si garantiscono l’impegno a continuare a riconoscersi come legittimi e leali avversari anche quando la partita sarà terminata; in una stretta di mano gli avversari sanciscono un patto di grande civiltà, e niente più di una stretta di mano potrebbe vincolarli a questo patto - non la firma di un contratto, non la garanzia di un terzo -, proprio perché niente più del simbolo è capace di obbligare l’animo degli uomini quando essi sono chiamati a confrontarsi con grandi imprese. Diceva infatti Pessoa che nella vita tutto è simbolo, tutto è analogia; e niente più del simbolo è idoneo a conferire significato ad un patto di civiltà: i patti di civiltà hanno bisogno di simboli, e la stretta di mano fra gli avversari prima e dopo la partita è veramente una di quelle ipotesi in cui si può dire che la forma diventa contenuto.

Soprattutto, è molto importante e molto simbolico che la stretta di mano fra gli avversari abbia luogo prima e dopo la partita; all’interno di questo prima e di questo dopo sarà giocata la partita, e potrà essere una partita senza esclusione di colpi, violenta: ma la violenza non potrà essere esercitata né prima né dopo il tempo e lo spazio che le strette di mano saranno valse a delimitare, a garantire. Proprio in questo tempo e questo spazio è il contenuto di civiltà che nella stretta di mano fra gli avversari trova simbolicamente espressione: in questa reciproca accettazione di precise regole entro le quali la violenza potrà essere esercitata.

A questo proposito, Norbert Elias ha affermato che la civilizzazione delle società non deve essere misurata secondo che più o meno alta sia la soglia di violenza che questa o quella società è disposta a tollerare, ma semplicemente secondo che questa violenza - quand’anche tollerata fino alle più alte soglie, come nei giochi dell’antica Grecia - sia o non sia esercitata entro i limiti che l’etos consente, e dunque entro i confini di regole condivise. In altre parole, non è l’assenza della violenza a fare di una società una società civile (o civilizzata, come Elias si esprime), ma la presenza di regole al cui rispetto anche chi eserciti la violenza - perché per ipotesi gli sia concesso - si senta vincolato.

In un simile contesto, il rispetto dell’altro diventa la prima delle regole; e poiché nessun rispetto può prescindere dal reciproco riconoscimento, ecco che il riconoscimento dell’altro diventa a propria volta il presupposto di ogni contesa: il presupposto perché una contesa possa essere definita tale, e non dissidio fine a se stesso. Cioè, ecco ancor più chiaramente il senso del simbolo della stretta di mano prima della partita: il riconoscimento del contendente come avversario - nonostante la contesa, e proprio in virtù della contesa -, e non come nemico - come straniero la cui identità deve essere negata, secondo il pensiero di Carl Schmitt -; ed ecco ancor più chiaramente il contenuto del simbolo della stretta di mano dopo la partita: l’accettazione della sconfitta, l’elaborazione della vittoria, l’ulteriore riconoscimento che - nonostante la sconfitta, nonostante la vittoria - l’avversario rimane tale e come tale deve continuare ad essere rispettato.

Soltanto così qualunque contesa può aspirare a svolgersi dentro i confini di una convivenza civile; altrimenti essa non è più contesa, ma atomistico dissidio senza posto, dissidio irriducibile ad essere sanato - dove la differenza è tutta nelle etimologie, è tutta nel “cum” dello stare insieme e del confrontarsi (dentro un contesto di regole condivise e reciprocamente accettate) e nel “dis” del dissidio, della dispersione, dell’essere irrimediabilmente l’uno contro l’altro, l’uno all’altro straniero.

Purtroppo, la politica è troppo spesso insensibile e sorda a questi precetti di convivenza civile, a questi insegnamenti che essa potrebbe trarre dal gioco e dallo sport: la campagna elettorale della scorsa primavera si era svolta per molti aspetti all’insegna del “dis”, agli elettori non era stato concesso di assistere ad alcuna stretta di mano fra i contendenti della destra e della sinistra, a nessun diretto confronto fra i capitani delle due squadre; nessun simbolo sembrava preludere a niente, e ciò che ha fatto seguito alle elezioni - ad ormai un anno di distanza da esse - non ha fatto che confermare i più foschi presentimenti. Le parti in gioco continuano a negarsi reciproco riconoscimento, nessuno sembra disposto a riconoscere all’altro il ruolo di avversario; l’immagine dell’Evgenij Onegin di Pu_kin, dei duellanti come “avversari” che “si stan davanti secondo il vecchio rituale”, è e sembra poter rimanere soltanto letteraria.

Per questa via, la conclusione si riduce alla solita, multiforme domanda del “cosa assomiglia a che cosa”: è l’arte ad imitare la vita, o è la vita a dover inseguire gli universali valori dell’arte? Esiste un’etica della letteratura, o la letteratura non ha niente a che vedere con la moralità cui il comportamento degli uomini dovrebbe informarsi? Infine, e soprattutto, la politica deve essere superiore interprete delle pulsioni dei consociati, o deve farsene mera esecutrice? La politica non è un gioco, è una cosa molto seria; ma talvolta il gioco e lo sport sanno essere altrettanto democratici, e sarebbe bello che la politica cercasse di prenderne esempio.

 

Articoli collegati:
Le regole del gioco
Senza parole
La singolare dialettica del duello
La mano dell’artista

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo