CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



I politici alla guerra degli spot


Silvio Berlusconi, Fausto Bertinotti e Vincenzo Vita con Bibi David

 

Articoli collegati
I politici alla guerra degli spot
Solo negli Usa si vince con la pubblicità tv
E il Cavaliere rinnegò l'Europa

Continua, a colpi di vivaci schermaglie polemiche, la battaglia sulla par condicio, in un botta e risposta tra maggioranza e opposizione. La prossima tappa del confronto parlamentare è fissata per il 18 Gennaio, e il voto dell'aula di Montecitorio è previsto per il 21. Il disegno di legge approvato dal Senato riguarda tutte le competizioni elettorali e tutti i programmi, esclusi i TG, e vieta ai partiti di trasmettere e vendere spot durante la campagna elettorale sulle reti nazionali (Rai, Mediaset, Tmc).

Abbiamo chiesto ad alcuni autorevoli esponenti del centrosinistra e del centrodestra di fare il punto della situazione su questo tema che rappresenta il primo, fondamentale banco di prova del D'Alema bis.

parcondicio.jpg (11827 byte)

FAUSTO BERTINOTTI (segretario di Rifondazione Comunista) "Quella del voto di Rifondazione Comunista a favore del provvedimento sulla par condicio è una questione seria, ben più seria di quanto comunemente si pensi. Non intendiamo certo supplire a un'eventuale defezione dello Sdi, al no dei cossighiani e dei socialisti, visto che nè Boselli nè Cossiga e La Malfa e neppure i Verdi appaiono soddisfatti del disegno di legge sulla par condicio: non credo che si possa rimpiazzare un appoggio con un altro.

Non escludo un dialogo con il Governo, ma quella sulla par condicio deve essere solo una compenente, pur importante, di un discorso più vasto, che comprenda temi decisivi come quelli delle pensioni, delle norme sul lavoro e delle rappresentanze sindacali, oltre, naturalmente, alla ridiscussione - sulla quale continuiamo a insistere - del problema del conflitto d'interessi e della necessità che la Rai resti saldamente in mano pubblica"

SILVIO BERLUSCONI (leader di Forza Italia) "Questo ennesimo rinvio della discussione sulla par condicio non è altro che un ulteriore segno di debolezza della maggioranza. La legge passata al vaglio del Senato è assolutamente discriminatoria e antidemocratica. Ne sono indignato. Per questo, in un recente appello, mi sono rivolto a cattolici e laici, al Trifoglio e anche a Rifondazione Comunista affinchè scelgano di votare contro un disegno di legge che vuole penalizzare la minoranza per non consentirle di prendere, alle prossime elezioni politiche, il posto di questa rissosa e inefficiente maggioranza.

parcondicio2.jpg (13962 byte)

Vorrei anche sottolineare quanto sia pretestuosa l'accusa ricorrente che mi viene mossa di detenere le reti Mediaset: dicendo questo si vuole nascondere il predominio pressochè assoluto che la sinistra e il governo esercitano sulla comunicazione. Si tratta di un dominio che non ha uguali in nessun altro Paese democratico! Eppoi, veramente suscitano sdegno e pietà le violente reazioni che si sono scatenate contro i miei auguri natalizi ai cittadini. Si pensa al mio messaggio e non ci si occupa dei problemi veri, drammatici, che tormentano questo nostro Paese!..."

VINCENZO VITA (sottosegretario alle Comunicazioni - Ds) "Sono ottimista per quanto riguarda il provvedimento. Credo proprio che la situazione, in questi ultimi, giorni, si sia sbloccata. La maggioranza può contare, mi sembra, su un possibile ripensamento da parte dello Sdi di Boselli che, bisogna ricordare, siede al tavolo della famiglia eurosocialista. Proprio la necessità di continuare il dialogo con i socialisti mi fa ritenere saggia e opportuna la decisione di rinviare il dibattito a dopo l'importante appuntamento del congresso diessino. Certamente, dal 16 Gennaio, si potrà affrontare con maggiore lucidità e concentrazione un tema delicato come quello della regolamentazione degli spot, fondamentale per essere al passo con le altre democrazie europee.

"Sono poi fiducioso in un eventuale appoggio da parte di Rifondazione Comunista. Su alcuni punti trovo abbia una convergenza di vedute con il Governo. Se Bertinotti chiede, come ha lasciato intendere, che insieme alla par condicio si discuta anche del conflitto d'interessi e si riveda il sistema radiotelevisivo pubblico contro rischi - per la verità del tutto ipotetici - di privatizzazione della Rai, penso che vi siano le basi per dialogare. Come sottosegretario alle Comunicazioni, non posso non auspicare una soluzione del problema della par condicio e una ridefinizione dell'assetto radiotelevisivo. Le sfide che ci attendono, in un futuro che sarà dominato da Internet e dalla globalizzazione, sono enormi e anche appassionanti"


Articoli collegati
I politici alla guerra degli spot
Solo negli Usa si vince con la pubblicità tv
E il Cavaliere rinnegò l'Europa

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo