CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Django zuccherato



Francesco Mandica



Articoli collegati:
Recensione/Chocolat
Django zuccherato
Vip e cacao


La colonna sonora di Chocolat è uno strano variegato. Uno di quelli che si sciolgono troppo presto, gonfiati come sono d’aria, e ci sporcano le mani.

Tutto il film ha l’aspetto di una strana misticanza: l’ambientazione francese, nei pressi di Tolosa (meravigliosa, calda città in bilico tra Atlantico e Mediterraneo) dove un vento troppo foriero di neve imperversa costantemente quasi ci trovassimo a Helsinki, ma dove le scritte (puntuali riproduzioni tipografiche dell’epoca) sono in rigoroso inglese, e dove la musica gitana, in ultimo, prende le forme di uno strano country-etno-folk più vicino all’amatriciana che alla bouillabaisse.


L’America sembra a due passi in Chocolat: da un momento all’altro ci si aspetta che gli abitanti del villaggio organizzino un barbecue all’aperto con hamburger (all’epoca dell’ambientazione ancora savi) e patatine liofilizzate. L’America degli anni Cinquanta, quella meravigliosamente descritta in un film come Big night a cui questa pellicola è fortemente debitrice (la scena della festa in onore dell’anziana diabetica è quasi un plagio).

La musica, della quale si diceva, è quella di uno strampalato emulo del chitarrista francese di origini gitane Django Reinhardt, interpretato da Johnny Deep, più vicino a Robert Clay che al mirabolante Emmet Ray di Accordi e disaccordi di Woody Allen. Il paradosso americano al quale si faceva riferimento a proposito dei conflitti d’interesse di questo film si ritrova anche e soprattutto in ambito musicale: un chitarrista manouche che si scalda allo strumento suonando un blues rurale con tanto di “slide” (strano aggeggio che si mette al dito per dare l’effetto bluesy) è l’equivalente di un calciatore che per allenarsi tira a canestro.

Minor Swing
, cavallo di battaglia di Reinhardt, diventa all’interno del film un cameo dove si da sfogo alla “gitanita’” trasmutata in una asettica world music con poca anima e tanti ammiccamenti (il Kusturica di Gatto nero gatto bianco, ad esempio). Caravan (povero Duke Ellington) viene imbottita di suggestioni orientaleggianti, quanto basta per rendere ammaliante la castigata scena di sesso fra Juliette Binoche e il nostro pseudo-Django.


Il tutto viene inframezzato da una colonna sonora che risulta una perfetta sintesi fra Chopin e Piovani, per non scontentare nessuno, soprattutto quella fetta di pubblico statunitense che confonde l’idea di Europa unita con quella di un continente omologabile.

Django Reinhardt andò in America al culmine della sua carriera, non si trovò bene, pare fossero tutti un po’ invidiosi del modo in cui questo picaro distinto suonava la chitarra, perdipiù con due dita di meno….L’America incassa il colpo e non dimentica, oggi ci serve in questa tazza bollente una cioccolata che forse piacerebbe solo a Claude Chabrol.

Il link alla colonna sonora di Chocolat:
http://www.chocolatsoundtrack.com/


Segnalazione/Paolo Fresu Django D'Or 2001

Riceviamo e pubblichiamo:

Da: ThanitART . paolo carta <geova@tin.it>
A: <Undisclosed-Recipient:@bedford.clarence.com;>
Data: Sabato, 17 marzo 2001 3:11
Oggetto: ThanitART ZIP - Paolo Fresu Django d'Or 2001

Il prestigioso trofeo internazionale Django d'Or 2001 è stato consegnato la sera del 16 Marzo 2001 a Paolo Fresu per la categoria Musicista staniero di jazz con l'opera discografica "Mélos" registrata per la BMG France con il suo Quintetto italiano.

La premiazione (registrata dalla televisione France3) si è svolta nel Teatro "L'Heure Bleue" di Grenoble nell'ambito del Festival internazionale di Jazz davanti ad un pubblico numeroso e dopo il concerto dell'Orchestra nazionale di jazz francese diretta da Paolo Damiani e con ospiti Gianluigi Trovesi e Anouar Brahem.

Il Django d'Or, che giunge questo anno alla decima edizione, è stato creato da Frank Hagège e Babik Reinhardt in onore del grande chitarrista gitano Django Reinhardt scomparso nel 1953 ed è formato da una giuria di circa 300 esperti tra musicisti, autori, giornalisti, discografici, artisti ed altri operatori del settore musicale. Nato in Francia il premio Django d'Or ha oggi una edizione in Belgio, Svezia, Germania, Danimarca e, dallo scorso anno, in Italia.

Il trofeo consiste in un'opera d'arte in metallo fabbricata con tecnica particolare (ogni pezzo è unico) creata dall'artista Raymond Moretti. Paolo Fresu aveva già ricevuto il prestigioso premio nel 1996 per la categoria Musicista europeo di jazz con l'opera discografica "Night on The City" per la OWL ( che è stato ristampato proprio ora per la Universal) mentre lo scorso anno ha avuto la nomination assieme a Keith Jarrett e Charlie Haden sempre per la categoria Musicista staniero di jazz con il CD "Metamorfosi" per la BMG France.

ThanitART . Paolo Fresu - http://www.thanitart.com/paolofresu 

Articoli collegati:
Recensione/Chocolat
Django zuccherato
Vip e cacao

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo