CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Rassegna Estera

Caffe' Europa
Rassegna Internazionale




Russia: glasnost addio?



Raffaele Oriani

Die Zeit, 2 maggio 2001


Il numero della Zeit in edicola questa settimana dedica al difficile momento del cancelliere Gerhard Schroeder alle prese con problemi di bilancio e con la necessita’ di colmare il buco di cassa causato da una crescita economica che procede meno speditamente del previsto. Alle pagine interne troviamo invece un ampio servizio su quello che potrebbe essere il carurante della crescita di domani: il lavoratore esperto, adulto, addirittura anziano. Zeit infatti suona la sveglia e, primo fra i grandi media europei, passa direttamente dalla riflessione sulle difficolta’ della new economy allo smantellamento del culto del lavoratore giovane, del manager ragazzino, del trentenne cui affidare chiavi in mano il destino delle aziende. Secondo il settimanale liberal di Amburgo nel sistema imprenditoriale tedesco si sta infatti propagando un effetto domino esattamente inverso: una dopo l’altra le aziende che contano si stanno accorgendo che nulla puo’ sostituire il valore dell’esperienza e che il vero problema da qui a qualche anno potrebbe essere proprio la mancanza di lavoratori anziani. Dopo anni e anni in cui la parola d’ordine e’ stata ‘liberarsi degli anziani’, prepensionare i cinquantenni, fare largo ai giovani diplomati, trasformare ogni dipendente in imprenditore di se stesso, ci si accorge ora con una certa inquietudine che solo il 39 per cento delle donne e degli uomini sopra ai 55 anni e’ ancora attivo nel mondo del lavoro; e si comincia contemporaneamente a capire che fino ai 65 anni di eta’ la differenza di produttivita’ resta essenzialmente di tipo orizzontale: molto piu’ marcata tra due coetanei diversi per impegno e talento che non tra un vecchio e un giovane con le stesse caratteristiche professionali e personali. Il futuro insomma pare appartenere ai vecchi, tanto che secondo la Zeit e’ in caduta libera anche il mito dei corsi di riqualificazione professionale: nessuno insomma pensa piu’ che la ‘didattica frontale’ possa sostituire l’esperienza e il learning by doing a contatto con la realta’ della produzione.

homeindice sezionearchivio

Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo