CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Costume

Caffe' Europa
Attualita'



Cosmesi/Italiani, ovvero 13 mila miliardi di vanita'

Nicoletta Perfetti

 

 

Diego Dalla Palma esorta: "Uomini, dimenticatevi il mito dell'uomo che non deve chiedere mai". A giudicare dai miliardi spesi in cosmesi maschile lo scorso anno , (ben 462, rispetto ai 252 nel '97)) l'uomo italiano si posiziona tra i più attenti alla cura della propria immagine. I dati sono stati forniti dalla UNIPRO (L'associazione italiana delle industrie cosmetiche) in occasione della 32° edizione del Cosmoprof , salone internazionale della profumeria e della cosmesi, tenutosi nei giorni scorsi presso i padiglioni fieristici bolognesi :63.907 mq di superficie espositiva e 1553 espositori provenienti da ogni parte del globo. Tutto quanto c'è da sapere per la cura del corpo, dall'hair-styling al maquillage, dai profumi ai trattamenti snellenti, riducenti, leviganti, opacizzanti, lucidanti, abbronzanti, sbiancanti, anticellulite, antidiqua ed antidilà. L'imperativo è: "belli fuori". Con tutte le sue varianti: "non esistono donne (uomini) brutti ma solo donne trascurate", "la bellezza viene da dentro ma se si è belli anche fuori è meglio". Gli italiani lo sanno bene: 12.400 miliardi spesi nel '98, con un aumento dei consumi pari al 6,1%, circa 220 mila lire procapite. Gli incrementi di consumo più rilevanti si sono distribuiti nei prodotti del trucco per gli occhi (14,6%), nei prodotti per il viso (8,3%), in quelli per il trucco viso (8,5%) , nella profumeria alcolica (6,6%) e nei trattamenti pressi gli istituti di bellezza ed estetiste (9,5%). Consoliamoci, non siamo certo l'unico popolo edonista.: la crescita dei consumi si ritrova anche nel resto d'Europa con un + 7,7% in Francia, + 6,7% nel Regno Unito, +10,8% in Spagna. Il mercato dell'Unione Europea ha assorbito quasi 900.000 miliardi di prodotti cosmetici e per l'igiene della persona.

pro02.jpg (7458 byte)

In testa alla classifica italiana , neanche fosse un gioco di parole, sono i prodotti per capelli: 1861 miliardi volati nel '98. A seguire quelli per il corpo (1503) e per il viso (1402). Insomma, ci trattiamo bene. Dopo aver conquistato il mercato maschile, ora l'industria cosmetica punta sulle ragazzine, accorse in massa al Cosmoprof, pronte ad acquistare tutto ciò che brilla:lacche, gommine e rossetti. Difficile trovarne una tredicenne che non abbia almeno una ciocca colorata, o rossetto sulle labbra. Rappresentano il target del 2000. Tra un mare di proposte, inebrianti profumi, marchingegni che sembrano usciti direttamente da un laboratorio della Nasa, come orientarsi per capire cosa "è di moda" per la prossima stagione? Impresa quasi disperata ma non impossibile perché -rassicurano gli operatori del settore- esistono sì le tendenze , ma è anche vero che ogni donna alla fin fine si crea il proprio look. Dunque. Le tendenze. Pare ci sia un ritorno alla grande dell'ombretto, meglio se metalizzato, ma senza l'effetto bambola. Molto molto rimmel , e su questo sono tutti d'accordo. Come per le labbra: rigorosamente lucide e mai sottolineate. Sui colori è meglio non dire , perché non basterebbero quelli dell'arcobaleno, arcobaleno personalizzato da ogni casa produttrice. Le tonalità del fucsia sembrano comunque riscuotere particolare gradimento. Un must è senz'altro il " niente mascheroni". Che trucco sia, ma non pesante. Completamente out quindi, le artificiosissime abbronzate, ghepardate e con airbag dentale sottolineato. I capelli: lunghi e diritti, o lunghi ma con ricciolo naturale. Il corto deve essere invece a caschetto con taglio sfilacciato.

pro03.jpg (5773 byte)

Per quanto riguarda la cura del corpo c'è solo l'imbarazzo della scelta: sono talmente tanti i macchinari, gli strumenti, gli elettrostimolatori, le piastre, le bende, le pinze , le tute per ridurre, levigare, depilare, drenare, tonificare che non basterebbe il +42,75% dello spazio fieristico (12.000 mq) dedicato all'estetica professionale per descriverli. Negli USA stanno affermandosi comunque le day beauty farm, centri di bellezza cittadini da frequentare per un paio d'ore al giorno . Il vantaggio è che ci sì può dedicare ai trattamenti senza doversi trasferire in qualche amena località per la più classica settimana . L'Italia sembra andare invece verso la cura del corpo in formato domestico:dalle poltrone shiatzu, al bagno turco portatile, alle macchinette per l'elettrostimolazione. Novità anche dai profumi: da mangiare. Fragranze al cioccolato, caffè e latte cotto per l'uomo, ambra e vaniglia per la donna. I bambini possono ancora non preoccuparsi, per poco, delle tendenze modaiole. Dopo aver convinto "l'uomo che non deve chiedere mai", dopo aver agganciato le tredicenni, l'industria cosmetica strizza l'occhio ai più piccini con il Premio internazionale Cosmopack 2000 destinato a chi progetta confezioni destinate ai cosmetici per bambini dagli 8 ai 12 anni, " con forme e materiali che oltre alla funzione ludica possano assolvere anche una funzione educativa suggerendo un corretto utilizzo del prodotto". Un esempio? La saponetta della Chicco con sorpresa: più il bimbo la usa, prima arriva alla sorpresa. Magari lasciandola comodamente sotto il getto d'acqua mentre fa i compiti.

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Costume


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo