CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Il sentimento di comunità in America prima e dopo l'11 settembre






Articoli collegati:
Il sentimento di comunità in America prima e dopo l'11 settembre
Siamo tornati a giocare a bowling insieme
Che partita è se gioco da solo?


A partire dal 1985 l'Associazione di cultura e di politica il Mulino organizza ogni anno una "lettura" che ha per protagonista uno degli intellettuali più prestigiosi fra quelli che fanno riferimento al gruppo del Mulino. Oltre a mettere a fuoco un tema di particolare interesse dal punto di vista culturale, la "lettura" intende offrire un'occasione di incontro a collaboratori e amici coinvolti nelle molteplici attività dell'Associazione.

La lettura 2002 sarà tenuta sabato 16 novembre alle 16:30 presso l'Aula Magna dell'Università di Bologna (Via Castiglione 36) da Robert D. Putnam che parlerà de Il sentimento di comunità in America prima e dopo l'11 settembre.
Caffè Europa anticipa qui un breve sunto del contenuto della lettura e traccia un profilo di Putnam e del suo pensiero in tema di democrazia statunitense, argomento del saggio Bowling Alone: The collapse and revival of American community, in uscita per il Mulino.

Dieci anni fa pubblicai i risultati di una indagine ventennale sulle regioni italiane che sottolineava l'importanza, per la realizzazione di una democrazia effettiva, del cosiddetto "capitale sociale," cioe' di una larga partecipazione civica e comunitaria. Da allora in poi ho continuato le mie ricerche su questa tematica, concentrando la mia attenzione non più sull'Italia ma sul mio paese, gli Stati Uniti.

Gli studi svolti hanno rivelato una tendenza inaspettata, almeno nelle sue dimensioni: gli ultimi decenni del ventesimo secolo sono stati caratterizzati da una diminuzione costante delle relazioni individuali e di tipo associativo nella società americana. Calo inarrestabile dei votanti, rarefazione del tessuto associativo, crescita del disimpegno nelle sue più varie manifestazioni - dalla fuga nel privato all'aumento di atteggiamenti di sfiducia nei confronti del prossimo, dalla atomizzazione delle relazioni sociali e familiari alla caduta progressiva del solidarismo - ci hanno accompagnati lungo il finire del millennio. Dati molteplici dimostrano che gli americani sono diventati in modo considerevole meno cittadini, meno impegnati politicamente, meno coesi socialmente, meno fiduciosi e meno volti al bene comune. Sempre più spesso abbiamo detto "io" e sempre meno spesso abbiamo detto "noi".

Chiedersi "perché?" e domandarsi "allora che cosa facciamo per capovolgere questa tendenza?" sono domande molto importanti per noi americani. Forse sono domande importanti anche per cittadini di altri paesi avanzati che potrebbero essere colpiti da una simile tendenza disgregatrice ed anticivica.

L'indicibile tragedia dell'11 settembre 2001 ha drammaticamente interrotto questa tendenza. Quasi immediatamente abbiamo scoperto amici, vicini, istituzioni pubbliche e il nostro comune destino. Questa immensa tragedia potrebbe essere (o avrebbe potuto essere) un'opportunita' rarissima per ricreare una societa' piu' civica e piu' solidaristica.

Ma l'11 settembre è un punto fermo che segna la fine di un'epoca e apre un nuovo capitolo della nostra storia più attento ai valori della comunità o è soltanto una virgola, una breve pausa durante la quale si solleva lo sguardo per un momento e poi si torna alle nostre occupazioni individuali? In breve, quanto profondamente e durevolmente i valori americani e le tradizioni civiche sono stati trasformati dagli attacchi terroristici? Questo è il quesito che oggi abbiamo di fronte. Le prime ricerche condotte sembrano orientare la risposta in due direzioni: da un lato i comportamenti nella sfera privata non hanno registrato variazioni reali e durature, dall'altro, per ciò che concerne la sfera pubblica, gli americani hanno dato e stanno dando prove incontrovertibili di un nuovo atteggiamento.

Ma e' passato troppo poco tempo per capire se e quanto questo possa consolidarsi e diventare la base di una iniziativa politica, di cui peraltro ancora non si vedono le tracce. Dall'aumentato tasso di fiducia nel governo federale alla diversa considerazione con cui si guarda ai decisori politici della propria comunità, dalla maggiore disponibilità a impegnare parte del proprio tempo in attività di utilità pubblica all'atteggiamento di maggiore fiducia con cui si guarda al proprio prossimo, una serie di indicatori di diversa natura, ma tutti convergenti, mostra tuttavia come, rispetto a prima dell'11 settembre, sia cresciuta sensibilmente una dimensione comunitaria e una propensione a creare "capitale sociale", quale non si riscontrava da decenni.

 

Articoli collegati:
Il sentimento di comunità in America prima e dopo l'11 settembre
Siamo tornati a giocare a bowling insieme
Che partita è se gioco da solo?

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo