CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualità

Caffe' Europa
Attualita'



I lettori scrivono

 

Da: Giulio Barberis <giulio.barberis@italtel.it
Organizzazione: Italtel BUCT-OSS
A: <caffeeuropa@caffeeuropa.it
Data: Mercoledì, 16 maggio 2001 1:50
Oggetto: Ma con la DC era peggio




Carissimo Gerardo Marletto,

ma come fa a sostenere che con la DC era peggio. La vecchia DC era un partito che ha governato dal centro, è vero, ma sempre guardando a sinistra. Anche a partire dal 1948 una componente socialdemocratica è sempre stata presente al governo del paese. Dopo il 1963 poi il Centrosinistra pur escludendo gran parte della sinistra non si può assimilare al governo che saremo costretti a subire non so per quanto tempo.

Le classi meno abbienti anche nei governi DC erano considerate centrali, le loro esigenze e aspirazioni ascoltate. Le pensioni l'assistenza sanitaria gratuita la tutela della dignità e della sicurezza nei posti di lavoro perseguite.

Ci rendiamo conto che ora al governo del paese ci sono partiti che, con la esclusione dei nani del biancofiore che rappresentano la frangia più conservatrice e bacchettona della vecchia DC, sono estranei alla nostra costituzione, che se non ricordo male è fondata sul lavoro e sulla eguaglianza e non sul potere economico senza regole tipico dei regimi fascisti, dove vale la legge del più forte.

Le forze della DC e del PCI pur dissentendo sui metodi, avevano in comune la stessa cultura e le stesse radici nei valori della resistenza. Il PCI combatteva la sua battaglia per spingere il Paese in avanti verso conquiste più ampie per le classi popolari, la DC considerava la situazione bipolare di allora ed era più prudente ma gli ideali non erano contrapposti.

Ora non è più così, la destra extracostituzionale che si appresta a governarci, considera le classi popolari come subalterne e la borghesia economica liberista e inserita nel mondo del capitale internazionale come la sola forza del paese con diritto di cittadinanza. Questa è una rivoluzione copernicana per l'Italia antifascista, per la prima volta abbiamo di nuovo al governo l’arroganza dei forti.

Purtroppo la perdita di dignità e di sicurezza nei posti di lavoro è già una realtà, non oso pensare quale sarà la sorte delle conquiste che i lavoratori hanno ottenuto negli anni dell’Italia antifascista, che purtroppo è al tramonto.

Grazie per l’attenzione.


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier |Reset Online |Libri |Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media |Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo