CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



I lettori scrivono

 

Da: Filippo Facci <filippofacci@tiscalinet.it
A: <caffeeuropa@caffeeuropa.it
Data: Lunedì, 12 agosto 2002 9:36
Oggetto: Horatio Flaccus




Sono un collaboratore del Foglio nonchè buon conoscente di Christian Rocca, da voi lievemente criticato ('frocio") in una parte del vostro sito che non riesco a ritrovare. Una sola domanda: perchè l'autore delle invettive non ha il coraggio di firmarsi?


 
Da: wittgenstein.it <mail@wittgenstein.it
A: <caffeeuropa@caffeeuropa.it
Data: Giovedì, 1 agosto 2002 7:31
Oggetto: Complimenti

Cioè, fatemi capire: siete un sito in cui anonimi codardi attaccano i giornalisti di altre testate dandogli del finocchio? E accettate segnalazioni su altri froci incalliti? Ne conosco diversi, nella categoria.

Complimentoni davvero,

Luca S.



Risponde Horatio Flaccus:

Ma come?!

Non credo ai miei occhi! Dei guerrieroni, degli apostoli del politicamente scorretto, sbarazzini, anticonformisti, senza peli sulla lingua, in una parola dei fogliaroli (o giornalaroli), che si mettono a frignare perché un povero cristo (uno di quelli che i loro padroni, pardon datori di lavoro, insolentiscono ogni giorno per il suo buonismo da imbecille e che annoverano senzaltro tra i cretini del politically correct) avrebbe scritto per una volta "puttana" anziché "operatrice erotica professionale"?

Io casco dalle nuvole. Lo snobbone Ferrara ha risorse insospettabili, ma cosa fa per farvi volare così alto, vi pompa a idrogeno?

La cosa è talmente gustosa (due che digeriscono senza neppure il ruttino del dopopranzo le minchiate che mitraglia sul Foglio la dj miao-miao sulla "lobby dei gay che si fanno onorare nei cessi delle stazioni" cominciano a scalpitare sui coturni per un "frocione" e una pacca sulle spalle...) che mi dispiace fare notare a questi cari giovanottini del punto e virgola e dell’èoradifiniamola che, oltre ad essere come sono, hanno anche il vizietto (senza offesa, per carità...) di non leggere le cose sulle quali non perdono tempo a scrivere.

Se, infatti, avessero letto ciò di cui s’indignano (il povero Facci è in evidente stato confusionale dal momento che non riesce "a ritrovare" ciò che non ha mai trovato) avrebbero notato che non era quello il pezzo cui facevano riferimento. Nell’articolo sul povero Rocca, infatti (ognuno lo può andare a trovare o ritrovare sul n.186 di Caffè Europa e controllare con la lente d’ingrandimento) il termine “frocio” non appare, e neppure il termine “finocchio”.. Ce li avete messi tutti e due voantri: meno male che non sono un freudiano se no per l’amico vostro si metterebbe male. Né c’è alcun riferimento ai suoi gusti sessuali, che non m’interessano (credetemi) minimamente.

Poca cosa. Sappiamo tutti che il “collaboratore del Foglio" è quasi sempre un habituè della citazione conto terzi. Il tizio che vi ha suntato l'articolo però, scusate tanto, non doveva essere nemmeno un tipo sveglio e i negri (lo snobbone vostro ne sa qualcosa e ve lo può insegnare) bisogna sceglierseli con accuratezza, che cazzo (pardon, parlavo dell’organo sessuale maschile). Ma sono giovani, via, e li perdoniamo volentieri. Però due consigli gli e li vorrei dare (naturalmente solo se quest’ambo della gazzetteria ruspante li accetta):

1) Prima di scrivere su qualcosa (anche se non si usa più documentarsi e non c’è niente di più out) dare almeno una rapida occhiata alla medesima.

2) Non iniziare mai a scrivere, nemmeno una e-mail, con un “Cioè, fatemi capire” perché si rischia di sembrare Carlo Verdone che fa la caricatura di Adriano Sofri e di Andrea Marcenaro quando, nei mitici anni settanta, se ne andavano in giro con l’eskimo e la sciarpetta rossa a fare le riunioncine di sezione: “Scioè chompaagni, fademigapiire, il movimeanto…nellemisuraincui lottacontinua è, scioè, uno statodanimo e no un partiito…”. Verso i genitori, insomma, ci vuole rispetto, anche se ti hanno messo al mondo; non è del tutto colpa loro, in fondo, se gli sono toccati dei cialtroncelli piagnoni e capricciosi che si tengono bordone per conto dell’amichetto del cuore e minacciano di farti la bua se gli tocchi il giocattolino.

p.s.
Quanto alla firma (lo dico in particolare a quello col marchio Luca S. che ritiene però di essersi firmato per esteso perché ci ha un nome “chebastalaparola” e rivela così, senza volerlo, di che pasticina è fatto): la scelta dello pseudonimo non è stata del sottoscritto. Quando il direttore della rivista lo riterrà opportuno (ma, francamente, non so se basteranno i piagnistei di un fil de papà e di un intronato) potrà mettere, in calce a quel che scrivo, il mio povero nome.

p.p.s
I miei due grandi amici “gay”, la Cicci e la Bucci, al secolo Francesco e Roberto (vedi al n.183 di Caffè Europa) si stanno ancora spanciando dalle risate (mi hanno detto “chiamaci pure puttanone un giorno si e uno no ma stropicciaci tutte quotidianamente”) e mi affidano questo lamento nostalgico: ci fu un tempo, oh les beaux jours… in cui a destra ci avevano le palle, ma se continua così gli resteranno solo i coglioni.

Affranto ma sinceramente vostro

H.F.


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo