CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



I lettori scrivono

 

Da: Sist. Inf. - Linea Svil. Tec. - A. Ventresca <a.ventresca@ice.it
Organizzazione: Istituto nazionale per il commercio estero
A: <caffeeuropa@caffeeuropa.it
Data: Lunedì, 25 febbraio 2002 6:23
Oggetto: Nanni Moretti



Non credo di dire cose nuove dicendo che oggi le persone non sono più disposte a lasciarsi organizzare, sono sempre più attenti a valutare pro e contro, a fare rapporti qualità/prezzo e tanto meno sono disposti a farsi "guidare" da persone che non ne hanno le capacità.

Preferiscono autoconvocarsi e scegliersi un leader per poi potersi riconoscere in una loro scelta, cosa che, appunto, non avviene più nel voto politico.

I vertici politici vanno avanti da troppo tempo per autopropagazione e hanno sempre meno legami (anche nel senso di conoscenza, di amicizia, di comuni frequentazioni) con i più. E sono sordi e come animaletti da laboratorio si arrampicano sempre sulla stessa ruotina della gabbietta della politica partitica. e questo anche quando vanno per comizi e quando parlano con "la gente".

E' il prezzo da pagare per restare nel palazzo, una parte del loro "lavoro", come ormai lo è andare a "porta a porta" e non basta più.

Le persone non di destra hanno bisogno di condividere la visione del mondo con coloro che li rappresentano, così come fanno quelle di destra, che facilmente si riconoscono nella furbizia e scaltrezza di berlusconi e nell'attaccamento alla propria famiglia e al modo migliore di difendere il proprio benessere, evidentemente a scapito di altri cui si lascia il concetto di libera volpe in libero pollaio, e i polli si arrangino.

Le persone non di destra riconoscono in Nanni Moretti, e ancor più nei suoi primi film, tracce del proprio modo di vedere e sentire e, il regista, sapendolo - lui che ha sempre invocato un segno dell'essere di sinistra - si è sentito in forte dovere di far valere la forza di questa "simpatia" e lo ha fatto in modo clamoroso, probabilmente spinto dall'imbarazzo di essere presente e riconoscibile in un consesso squalliduccio. Non fare il gran gesto avrebbe significato aderire allo squallore.

Ma solo quel modo poteva funzionare. Un banale articolo di giornale non avrebbe sortito lo stesso effetto e nemmeno un film.

L'arte parla a pochi e ormai ognuno vi legge quello che vuole e che gli fa comodo. Uno schiaffo in piazza è ben altra cosa.

E l'effetto slavina è cosa di adesso.

Mi chiedo solo: ma Nanni l'ha fatto conscio di tutto ciò o è stato ispirato da un dio della gente di sinistra?

Antonio Ventresca


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo