CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



I lettori scrivono

 

Da: Antonio Carioti <carioti@sspal.it
A: <caffeeuropa@caffeeuropa.it
Data: Sabato, 23 febbraio 2002 10:22
Oggetto: Birthday Girl (pessimo)


Cara Redazione,

nessuno ammira quanto me tutte le molteplici qualità di Nicole Kidman, ma la vostra recensione di "Birthday Girl" mi sembra davvero troppo generosa. Non (naturalmente...) nei confronti della protagonista, il cui unico difetto è quello di essere poco plausibile come russa dal punto di vista somatico (soprattutto quando dismette il trucco pesante delle prime scene), ma nei riguardi del regista di una storia scombinata da cima a fondo, a tratti veramente irritante. E' vero che all'inizio c'è qualche spunto interessante, ma poi tutto si perde nel mare delle incongruità e delle trovate malriuscite.

Il protagonista maschile ha l'espressività di un paracarro, Cassel è una macchietta, Kassovitz assomiglia a un russo come io assomiglio a un senegalese. Non basta, secondo me, la presenza scenica della Kidman a salvare la situazione. Forse sarà che non m'intendo di tecnica cinematografica e soffro troppo le trame improponibili, ma mi sembra francamente eccessivo parlare di film "eccezionalmente vivo e interessante", "delizioso e insolitamente commovente".

Io invece mi sono annoiato per tutto il secondo tempo: pur avendo assistito a una proiezione pomeridiana a prezzo scontato, sono uscito dalla sala con la netta sensazione di aver sprecato i soldi del biglietto.

Scusate lo sfogo, ma il talento della protagonista meritava molto di meglio.

Antonio



Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo