CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



I lettori scrivono

 


Gentile dottor Bosetti,

Nell'editoriale del 31 dicembre , (apparso sia su Caffè Europa che su ilNuovo.it, ndr), stimolante sotto ogni aspetto, vi sono delle equiparazioni e degli accostamenti che meritano un migliore approfondimento e, se mi permette, una qualche correzione.

Mi riferisco ai passaggi nei quali è possibile cogliere quasi una demonizzazione della "fede religiosa" ("La religione…. ci si è parata dinnanzi come un problema, forse come il problema"; "E dove c’è questo genere di suicidio strumentale, c’è al cento per cento la fede, c’è una religione che fornisce al terrore (volete un elenco schietto e impietoso?): a) motivazioni, b) giustificazioni, c) organizzazione, d) visione del mondo, e) una comunità di sostegno. Nel caso dei terroristi suicidi fornisce anche f) la ricompensa nell’al di là.").

L'autore, dopo aver elencato una serie di episodi criminali assai diversi nella genesi e nella fattualità (dal gesto di una mente insana al terrorismo di chi combatte per la liberazione del suo territorio) ne rileva quella che sarebbe una matrice religiosa ed aggiunge, con un certo atteggiamento minaccioso, "Sfere celesti, ecco perché di voi dobbiamo occuparci di più!", magari con l'arma incruenta del razionalismo.

E poi, fa un indebito accostamento tra fanatismo religioso e le posizioni, nella Chiesa cattolica, di uomini come i cardinali Joseph Ratzinger e Biffi, delle quali pronostica una deriva di fanatismo e di intolleranza, mentre altro non sono che posizioni interne ad un dibattito filosofico sul valore dell'identità di una religione e di un popolo (naturalmente discutibili e parzialmente da me non condivise).

Perché si tratta, a mio avviso, di posizioni da approfondire?.

Primo perché rischiano di dare una rappresentazione falsa del ruolo delle religioni nel mondo, che è per lo più positivo a difesa dell'umanità. Si potrebbe consentire se il riferimento fosse stato ad alcune forme di fondamentalismo religioso e non alla religione in generale.

Secondo, perché le varie forme di terrorismo (individuale o di Stato) presenti nel mondo non sono riconducibili tutte a motivazioni (meglio, a strumentalizzazioni) della fede, bensì a contesti vari anche di natura laica. Non è neanche vero che dietro ogni genere di suicidio strumentale c'è al cento per cento una religione che fornisce organizzazione ed una comunità di sostegno e ciò non è avvenuto al cento per cento neanche nei casi elencati nell'Editoriale.

Terzo, perché sottovalutare i fattori politici sui quali può innestarsi una strumentalizzazione religiosa, può fornire un alibi a chi vuole disimpegnarsi dalla soluzione dei problemi di ingiustizia nel mondo, scaricando l'attenzione su un falso obbiettivo individuato nelle religioni.

Quarto, perché, a proposito di Chiesa cattolica, non si tiene conto della chiarezza estrema con la quale Giovanni Paolo II affronta le tematiche trattate nell'Editoriale, da ultimo con il messaggio sulla giornata mondiale della pace. "Non c'è pace senza giustizia, non c'è giustizia senza perdono".

Lasciamo per un momento da parte il tema del perdono, che tuttavia potrebbe interessare non poco anche la cultura laica, e soffermiamoci sulla giustizia, in relazione al terrorismo.

Scrive il Papa " Il terrorismo si fonda sul disprezzo della vita dell'uomo. Proprio per questo esso non dà solo origine a crimini intollerabili, ma costituisce esso stesso, in quanto ricorso al terrore come strategia politica ed economica, un vero crimine contro l'umanità. Esiste perciò un diritto a difendersi dal terrorismo" (rispettando alcune regole, il che non sempre avviene).

E aggiunge "Talora il terrorismo è figlio di un fondamentalismo fanatico, che nasce dalla convinzione di poter imporre a tutti l'accettazione della propria visione della verità. La verità, invece, anche quando la si è raggiunta - e ciò avviene sempre in modo limitato e perfettibile- non può mai essere imposta. Il rispetto della coscienza altrui, nella quale si riflette l'immagine stessa di Dio (cfr Gn 1,26-27), consente solo di proporre la verità all'altro, al quale spetta poi di responsabilmente accoglierla. Pretendere di imporre ad altri con la violenza quella che si ritiene essere la verità, significa violare la dignità dell'essere umano e, in definitiva, fare oltraggio a Dio, di cui egli è immagine. Per questo il fanatismo fondamentalista è un atteggiamento radicalmente contrario alla fede in Dio. A ben guardare il terrorismo strumentalizza non solo l'uomo, ma anche Dio, finendo per farne un idolo di cui sr serve per i propri scopi".

Non ho da aggiungere niente, perché il testo si commenta da solo.

Con stima Le porgo distinti saluti.

(Mario Roych - Perugia).


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo