CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Nuovi Media

Caffe' Europa
Attualita'



Rob Chesnut, lo sceriffo di eBay

Riccardo Stagliano'

 

Questo articolo e' apparso per la prima volta sul "Corriere della Sera" (www.corriere.it)

Nella contea elettronica di eBay c'e' uno sceriffo multiuso che scrive le leggi, scopre chi le viola e applica loro le pene che meritano. Il suo nome e' Rob Chesnut e non si tratta di un dilettante: sino all'inizio di quest'anno, infatti, faceva il pubblico ministero federale per lo Stato della Virginia e aveva rappresentato la pubblica accusa contro spie russe doppiogiochiste che vendevano segreti militari un tanto al chilo come il ben noto Aldrich Ames. Ma, a quasi quarantanni, aveva cominciato a provare un po' di noia. Qualche conforto contro la routine lavorativa gli arrivava dalla passione per la fotografia artistica, alla fine rivelatasi galeotta per la sua successiva occupazione. Proprio su eBay, la piu' celebre asta online tra privati, era andato a cercare degli accessori per la sua Polaroid e il risultato era stato stupefacente: ben 300 articoli rispondevano all'interrogazione con quella parola chiave.

Di li' a poco ne era diventato un frequentatore abituale e aveva cominciato a riflettere su come funzionava quello sterminato mondo virtuale: "Con tutti i milioni di transazioni che avvengono ogni giorno - si era detto - probabilmente avranno bisogno di qualcuno con una preparazione giuridica". Quella sera stessa aveva spedito un curriculum via e-mail e il giorno dopo l'avevano contattato: "Si presenti per un colloquio...".

D'altronde, con i suoi 7,7 milioni di utenti registrati eBay risulta piu' popolosa di Los Angeles e Chicago messe insieme. Ed e' chiaro che con tanta gente che circola, ci sia qualcuno che faccia il furbo o, peggio, sia un furfante vero e proprio. E se nei primi 2 anni di vita la comunita' fondata da Pierre Omidyar non si era mai equipaggiata di una figura simile Per i primi due anni e mezzo di vita di quella comunita' le lamentele degli utenti erano gestite dal normale servizio clienti che si limitava a fornire a chi denunciava una truffa il numero di telefono della centrale di polizia piu' vicina. Poi era stato assunto il primo avvocato esperto in truffe.

Oggi invece, a 4 anni dalla sua nascita, esiste un vero e proprio Dipartimento di Prevenzione della Frode. "All'inizio Rob era lo sceriffo solitario, ma presto si sono accorti di quanto fosse ridicolo" dichiara Angela Malacari, assunta in giugno per gestire la nuova divisione. E la sua solidarieta' nei confronti dell'ex-magistrato non e' solo professionale ma anche affettiva dal momento che i due sono marito e moglie (anche lei lavorava nel ramo, in qualita' di agente del severo Ufficio Immigrazione statunitense).

Entrambi hanno molto da fare. Di recente Chesnut ha ad esempio proibito la messa all'asta dei territori virtuali della sua giurisdizione di tutta una serie di oggetti: mandibole di orsi, manufatti cubani (a meno che siano definibili come "artistici"), uccelli migratori impagliati, distintivi della polizia (anche quelle finte usate nei film), titoli azionari, maschere degli Indiani d'America, sigarette e sigari, bottiglie di vino, sperma umano, fuochi d'artificio, funghi selvaggi e altre stranezze. Chi non rispetta le regole deve aspettarsi una sua telefonata e, se insiste, l'espulsione dalla comunita' degli ebayani. In certi giorni e' arrivato sino ad espellerne una dozzina. "La nostra e' una comunita' fondata sulla fiducia, non possiamo tollerare articoli fraudolenti o contraffatti" spiega Chesnut a chi fa il furbo, come quel tipo che tentava di vendere una palla da baseball con l'autografo impossibile di due persone vissute in periodi storici diversi.

E c'e' davvero da tenere gli occhi ben aperti perche' ormai le categorie merceologiche sono oltre 2500 e con una media di nuovi oggetti messi all'asta che si aggira sui 350 mila al giorno non e' neppure pensabile controllarli in anticipo. eBay infatti, in un lungo capitolato che fa firmare ai suoi utenti, mette bene in chiaro che non garantisce l'autenticita' degli articoli scambiati online. D'altra parte, con un valore finanziario di 19 miliardi di dollari (pari a 34 mila miliardi di lire), i suoi dirigenti sanno bene quanto e' cruciale per loro godere di una buona reputazione, dare l'idea di essere un posto tranquillo dove non accade niente di brutto.

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Nuovi Media

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo