CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Nuovi Media

Caffe' Europa
Attualita'



Il cimitero delle dot.com.



Valentina Furlanetto



Macabro forse, ma realistico. E probabilmente anche utile. Come accade alle persone, anche le aziende muoiono. E visto che quest’anno di aziende legate al mondo di Internet, le cosiddette dot.com, ne sono morte molte, perché non commemorarle online? Qualcuno c’ha subito pensato, vuoi per scherzo, vuoi per curiosità, vuoi per costruire un affare su un affare andato male. Da qualche mese, dunque, sono spuntati in Rete alcuni siti specifici per commemorare, elencare, commentare i casi di fallimento online.

Che sono stati non pochi, in realtà. Le aziende del Web fallite nel 2000 sono state negli Stati Uniti più di 200, come ha rilevato il gruppo di ricerca con sede a San Francisco Webmergers.com. Per il 60 per cento di questi fallimenti c’è stato proprio negli ultimi mesi dell’anno, quando molte dot.com hanno dovuto arrendersi all’evidenza di conti in rosso e finanziatori non più disposti a immettere nuovo denaro in attività che non presentano ancora degli utili.


In questo periodo l’anno scorso l’entusiasmo per le dot.com era palpabile. Bastava aggiungere un “punto-com” alla propria attività per attirare finanziamenti e interesse. Quest’anno è tutto uno sbatter di porte. Quelle virtuali delle aziende del Web che, una dopo l’altra, stanno chiudendo. E quelle reali degli investitori, i famosi Capital Venture, che, davanti ai conti in rosso dei siti di commercio elettronico, sbattono loro le porte in faccia rifiutandosi di annaffiare le attività con nuovo contante che chissà mai quando frutterà.

Secondo Webmergers.com si trattava, nella maggior parte dei casi, di siti di e-commerce. Dei 210 siti falliti stimati da Webmergers, infatti, bel 109 si occupavano di vendite online, 30 di contenuti editoriali e 70 di infrastrutture e altri servizi online. Nell’elenco di Webmergers.com ci sono anche alcuni “fallimenti eccellenti”, come quelli dei siti Pets.com, Bizbuyer.com e Desktop.com, dot.com coccolate fino a pochi mesi fa e precocemente scomparse.


Ma da business nasce business, appunto. Almeno negli Usa. Così a qualcuno è venuto in mente l’idea di creare degli spazi in Rete dedicati alla “scomparsa” di queste attività fallimentari. Se ne occupa espressamente, ad esempio, il sito Dot.comfailures . Per ogni dot.com che scompare in questo sito si accende una candelina nella “dead list”, un elenco aggiornato costantemente che contiene l’elenco delle aziende scomparse. Ma il servizio vuole anche essere d’aiuto per chi ha un sito che si trova in difficoltà: infatti offre indicazioni su come fare a vendere il dominio del sito, dove trovare nuovi finanziamenti per rilanciare l’attività, e offre anche l’opportunità a chi è stato licenziato di pubblicare il proprio curriculum per cercare un'altra occupazione.

Più macabra l’iniziativa di UpsideToday . All’interno del sito, infatti si trova una sezione dedicata alla morte delle aziende online che si chiama Graveyard, letteralmente “cimitero” . Per ogni dot.com fallita c’è una lapide, con la data della “nascita e della morte” del sito in questione, oltre a una frase commemorativa o celebre per quel sito. Anche il giornale online Industrial Standard ha una sezione dedicata ai fallimenti online. La lista nera delle dot.com fallite -anche in questo caso con tanto di date anagrafiche dell’esercizio- si allunga di giorno in giorno. Il giornale si preoccupa di aggiornarla costantemente indicando chi è ancora in piedi e chi no.


Ci sono poi anche i siti che si occupano di “sostenere” chi ha subìto di recente il fallimento della sua startup ed è il caso di Startupfailures. Com . Ma c’è anche chi la prende a ridere. E’ il caso di Satire Wire , che dedica un’intera sezione del sito alle barzellette sulla fine delle dot.com. Stesso tenore, e forse in termini più pesanti, per Fuckedcompany.com , che si occupa delle imprese “silurate”.


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Nuovi Media

 


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo