CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



L’Italia vista dai bambini giapponesi



Antonio Camerlengo




I bambini ci guardano. Ma sono quelli del Giappone che con entusiasmo si sono offerti di fare un loro ritratto dell’Italia. La bella idea, nata nell’ambito della manifestazione Italia in Giappone, è stata quella di invitare i bambini nipponici ad inviare all'Istituto Italiano di Cultura delle “etegami”, ossia delle cartoline postali illustrate a mano, sulle quali avrebbero dovuto disegnare l'Italia secondo la loro fantasia. Hanno risposto all'invito ben 25.000 studenti di 2.565 scuole elementari e medie.

I disegni pervenuti forniscono immagini curiose e suggestive della loro idea del nostro Paese, realizzate con tecniche che ci rimandano alla tradizione dei manga, i "disegni in libertà" che hanno dato vita ai famosi fumetti giapponesi.

Da questa brillante iniziativa, dal titolo “Il Progetto Etegami”, ne è nata una mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra l'Istituto Italiano di Cultura a Tokyo, la Fondazione Italia in Giappone, l'Ente Nazionale Italiano per il Turismo, l'Associazione Giapponese Etegami e Alitalia - Italia Tours.

Ne è nato anche un libro-catalogo, edito da Polistampa, che presenta una selezione di 300 etegami: suddiviso in sezioni, alcune sono dedicate alle città e ai monumenti storici, altre ad aspetti caratteristici della vita e della cultura italiana come la musica o la cucina, mentre una sezione è interamente dedicata al personaggio di Pinocchio, che i bimbi giapponesi apprezzano particolarmente.

Una giuria, composta da rappresentanti degli enti organizzatori dell'evento ha selezionato le cartoline da pubblicare e ha nominato i tre vincitori che verranno in Italia ospiti di Alitalia - Italia Tours. Per presentare al pubblico i lavori dei ragazzi giapponesi, dal 1 giugno al 31 luglio 2002 è stata allestita una mostra in Giappone che ora arriva in Italia, presso l'Istituto Nazionale per la Grafica, fino al 17 ottobre.

L'iniziativa si colloca tra le attività che l'istituto romano rivolge ai suoi giovani fruitori per la sperimentazione e la conoscenza dei linguaggi grafici di produzione e riproduzione delle immagini, in particolare con l'attivazione di un laboratorio ludico-didattico realizzato in collaborazione con professionisti esterni.

I sette punti essenziali delle cartoline "Etegami"

Ecco una piccola guida per i bambini che vogliono disegnare degli “Etegami” ben fatti.

Non bisogna essere bravi artisti, anzi non essere bravi è meglio.

Le Etegami sono cartoline che contengono un disegno. Il motto delle Etegami è "anche non essere bravi va bene, anzi, non essere bravi è meglio". E' sufficiente che il disegno sia fatto con impegno e con sentimento, non è necessario essere bravissimi.

Non fare la brutta copia.

Nelle Etegami non c'è il concetto di "ho sbagliato!". Quindi ogni prova e' definitiva. Quando facciamo la brutta copia ci viene in mente l'idea che dobbiamo poi fare qualcosa di meglio e che alla fine deve venir fuori un lavoro splendido e percio' ci preoccupiamo di fare una bella figura.

Disegnare dopo aver osservato bene e disegnare in grande.

Le Etegami non devono seguire un modello prestabilito. Al contrario, devono rispettare il principio di "fissare strenuamente l'originale senza mai distogliere lo sguardo", cioè disegnare dopo aver osservato attentamente l'originale. Se guardiamo attentamente la frutta, la verdura, i fiori e tutte le altre cose che sono intorno a noi, ci accorgiamo di particolari che fino ad oggi non avevamo notato.

Raffigurare una cosa sola

Alle persone che per la prima volta cominciano a disegnare una Etegami, consigliamo di scegliere una cosa sola come soggetto del loro lavoro. Prendiamo un solo soggetto per potere continuare a fissarlo senza distogliere lo sguardo.

Tracciare le linee con cura e lentamente

Quando tracciamo le linee di contorno in fretta, finiamo per dimenticare di osservare con attenzione l' oggetto. Se disegniamo lentamente possiamo farlo con maggiore concentrazione. Inoltre più si procede lentamente più facilmente si manifesta il sentimento.

Spedire sempre quello che si è fatto

Spediamo sempre le Etegami che abbiamo fatto! Il senso di una cartolina non è: quando sono diventato bravo, la spedisco, visto che non è venuta come volevo non la spedisco! L'idea di fare uno sbaglio non appartiene allo spirito delle Etegami.

Scrivere le parole con il cuore

Per quanto riguarda poi le parole che corredano il disegno, è importante che siano poche, e che siano scritte con naturalezza così come sono state sentite nel proprio animo. Non bisogna preoccuparsi se non sempre queste parole hanno relazione con le cose raffigurate.




I link:
http://www.grafica.arti.beniculturali.it/home.htm  (Istituto Nazionale per la Grafica)
http://www.italjapan2001.it/  (Manifestazione Italia in Giappone)

 

 

Informazioni sulla Mostra.

Sede: Roma, Palazzo Fontana di Trevi - via Poli 54 
Periodo di aperturA: 3 - 17 ottobre 2002 

Orari di apertura: dalle ore 10.00 alle ore 19.00 

Prezzi del biglietto di ingresso: intero 6.00 ridotto 4.00 : minori di 18 e maggiori di 65 anni e gruppi; gratuito: studenti scuole elementari e medie, disabili, giornalisti. Il biglietto consente l'ingresso alle mostre "Luigi Ghiri" e "David Hockney" 

Informazioni: Servizi Educativi Antonella Renzitti tel. 390669980223 


 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo