CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Cinema

Caffe' Europa
Attualita'



Segnalazione/Chiaroscuro



Riceviamo e pubblichiamo:

Chiaroscuro
Casa di Goethe, Roma
25 aprile - 23 luglio 2001

Xilografie a colori di artisti italiani del Rinascimento e del Barocco provenienti
dalle Kunstsammlungen zu Weimar
Le Kunstsammlungen zu Weimar possiedono circa 200 fogli di xilografie italiane a colori rare e preziose del periodo che va dal 1500 al 1750.

La tecnica della xilografia a colori è stata sperimentata per la prima volta in Germania intorno al 1500. Oltre alla piastra graduante, usata fino a quel momento per le xilografie in bianco e nero, il procedimento della xilografia a chiaro scuro, prevede la stampa di una o più tavole a colori, grazie alle quali si ottiene un effetto simile a quello di un disegno a colori a penna o pennello sfumato.
Ugo da Carpi (1480 - 1530) è il primo in Italia a utilizzare questa tecnica e nel 1516 ottiene dal Senato della Repubblica di Venezia un privilegio, cioè il brevetto che due anni dopo fu concesso anche da papa Leone X. I capolavori di Ugo da Carpi costituiscono il cuore della mostra.


Ugo da Carpi lavorò con i principali pittori italiani del suo tempo: a Venezia con Tiziano, dopo il trasferimento a Roma nel 1518 con Raffaello e Parmigianino. La tecnica della xilografia portata da lui a una prima fioritura fu utilizzata da Antonio da Trento e Niccolò Vicentino. A Venezia fu Niccolò Boldrini, che usò in parte modelli di Tiziano e bozzetti propri. Con le sue xilografie il mantovano Andrea Andreani (1558/59 - 1629) utilizzò questa tecnica fino all’inizio del 17° secolo. Il suo capolavoro è la serie di chiaro scuri realizzata secondo la maniera di Andrea Mantegna Corteo trionfale di Giulio Cesare.
Bartholomeo Coriolano (circa 1599 - 1676) ha lavorato intorno al 1630 - 1650. Infine Antonio Maria Zanetti (1680 - 1757), utilizzando per la maggior parte disegni del Parmigianino e Raffaello della sua ricca collezione realizzò dal1720 più di 70 chiaroscuri in una edizione limitata a 30 esemplari e per questo molto rara.

Le bellissime stampe dei chiaroscuri di questi e altri artisti italiani si trovano nella collezione di Weimar, alla costruzione della quale Johann Wolfgang von Goethe aveva contribuito in modo decisivo. Il curatore della mostra, Dieter Graf (Bibliotheca Hertziana) ha scelto i settanta fogli più rappresentativi e più belli, esposti solo una volta a Weimar nel 1957

La Casa di Goethe è la prima tappa di questa mostra, che rappresenta un omaggio alla nostalgia di Goethe per l’Italia. Le successive stazioni della mostra saranno le Kunstsammlungen zu Weimar (19 agosto - 21 ottobre 2001) e il Haus der Kunst, Monaco (17 ottobre 2002 - 12 gennaio 2003)

In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo (IV volume della serie Im Blickfeld der Goethezeit) di 210 pagine, 70 illustrazioni a colori e ulteriori illustrazioni in lingua tedesca, corredato da un supplemento in lingua italiana. Prezzo: 40.000 Lire.


Casa di Goethe
Via del Corso 18 (Piazza del Popolo)
00186 Roma Tel./Fax: 06 32 650 412
casa.goethe@flashnet.it
 
www.casadigoethe.it 
Orari: 10.00 - 18.00 Chiuso martedì
Ingresso 5000 Lire, ridotto 3000 Lire



Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 1999

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo