CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Maometto, l'ultimo profeta



Bibi David




Si intitola Mohammad, The last Prophet il film cult del nuovo cinema musulmano. Per la prima volta la storia di Maometto viene raccontata a cartoni animati nelle sale dei piu' rigorosi paesi islamici. La presentazione del film, avvenuta lo scorso 16 ottobre, si è svolta negli Emirati arabi, ed è stata un successo. L'esperimento, nato dal riuscito incontro fra Muwaffak Al-Harithy, un ricco magnate dell'Arabia Saudita, e Richard Rich, uno dei registi di punta della Walt Disney, ha fatto sposare mondo musulmano e Stati Uniti, dando vita ad un Islam in versione pop, fatto di colori eccentrici e figure da Alladin.

Arrivano sul grande schermo gli zii di Maometto Abu Talib e Abu Lahah l'ubriacone, il cattivo Abu Jahl che cerca di uccidere il Profeta, il leader tribale Sufyian. L'animazione mescola tecnica disneyana a tradizione grafica araba. L'odiata Hollywood, simbolo della cultura americana, si piega alle esigenze del Corano e della Sura islamica, e l'Islam apre le porte alla magia Disney.

Nel film-cartoon non comparirà mai la figura di Maometto, in ottemperanza alla legge inderogabile della tradizione musulmana: lo spettatore vedrà le scene dal punto di vista del Profeta come se questo fosse non dietro la telecamera ma la telecamera stessa. Una melodia e una luce abbagliante sostituiranno l'immagine del fondatore dell'Islam.

L'unico fallimentare tentativo precedente di portare sul grande schermo la storia di Maometto è stato il film The message, interpretato da Anthony Queen nel 1976 e subito boicottato senza appello dai fondamentalisti islamici. Questa volta il magnate saudita si è cautelato: i piu' noti esperti di legge islamica, Khaled Abou El Fadl e Firdosi Wharton-Ali, hanno seguito la preparazione del film in tutte le sue fasi, e a dare l'ok al cartoon sono stati nientemeno che il consiglio sciita del Libano e l'università egiziana sannita di Al-Azhav.

Insieme al successo insperato del film, un paradosso: tutti i paesi arabi, anche i piu' estremisti, hanno gradito l'esperimento, dall'Egitto alla Turchia musulmana, dall'Indonesia alla Giordania al Bahrein, mentre l'occidente non si è detto ancora pronto ad accogliere il Kolossal. Perché? La Disney-islamica di Al-Harithy pare faccia paura soprattutto agli Stati Uniti, che oggi associano l'Islam soprattutto all'11 settembre.

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo