CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Diplomazia al servizio delle aziende



Marina Misiti




"La via dello sviluppo porterà alla pace e l'Italia avrà un ruolo chiave in questo processo: siamo benvoluti sia da Israele che dalla Palestina". A sostenerlo è Adolfo Urso, il vice ministro per il Commercio con l'Estero che per la seconda volta in pochi mesi si è recato a Tel Aviv per far incontrare imprenditori italiani, israeliani e palestinesi. Un'iniziativa controcorrente rispetto agli altri Paesi, avvenuta proprio durante la seconda Intifada, l'assedio a Betlemme e le minacce terroristiche di Bin Laden.

Segno ulteriore che in questi mesi si sta delineando un ruolo sempre più attivo dell'Italia nell'aiutare il Medio-Oriente a uscire dalla spirale di odio in cui è impantanato, e che ha portato alla recessione e a una forte crisi economica l'intera area. Non è un caso allora che proprio a Roma, nei giorni scorsi, si siano incontrati per lunghi e "riservati" colloqui tre sindaci israeliani e tre sindaci palestinesi, invitati da Walter Veltroni.

Il nostro Paese, secondo il ministero delle Attività Produttive, è al terzo posto come esportatore in Israele e quinto cliente di Israele. Ma per una soluzione della crisi mediorientale è in prima linea. A trasformare insomma i "distretti della pietra e dell'ulivo" (cioè proprio l'azienda palestinese di mattonelle pregiate di Gerusalemme e la "Zaitona" che produce olio d'oliva) o lo sfruttamento cosmetico dei Sali del Mar Morto (lavorati da due aziende israeliane) in elementi di pace, ci penserebbe innanzitutto la cooperazione appena decollata con le imprese italiane: si parla già della realizzazione di nuove infrastrutture, dalle ferrovie e metropolitane alla desalinizzazione e recupero del Mar Morto.

Rilanciare il dialogo israelo-palestinese dal basso, mediante iniziative e finanziamenti concreti alle imprese, fare da cerniera tra i due Paesi e da tramite con l'Europa, come auspicato in queste settimane da Shimon Peres ma anche dal ministro degli Esteri Netaniahu, da poco ricevuto in Italia, costituiscono i punti centrali della politica estera del governo, legata agli investimenti e a strategiche alleanze economiche.

Una diplomazia sempre più al servizio delle aziende. Obiettivo: recuperare competitività a livello internazionale. Una visione non troppo lontana da quel "nuovo piano Marshall" (si chiama proprio così) concepito dall'eccentrico magnate-illuminato israeliano Stef Wertheimer. Il suo avveniristico Tefen Park, il grande polo tecnologico che dà lavoro a circa 10.000 persone, arabi ed ebrei gli uni accanto agli altri, realizzato nel Nord della Galilea a 18 chilometri dal confine con il Libano - un museo di sculture all'aperto, scuole, giardini accanto agli insediamenti industriali -, costituisce il primo esempio di grande impresa etica in Israele.

Diventato un inaspettato modello di convivenza etnica, religiosa e sociale, simbolicamente ancora più importante perché realizzato al centro di un territorio aspramente conteso, il progetto Wertheimer sarà "clonato" all'interno dei Territori occupati, nel Sud della Giordania, in Turchia, in Egitto e in Libano: offrire occupazione, senza tralasciare la formazione (attraverso i corsi di scolarizzazione interna), quindi restituire dignità agli individui e speranze di un futuro migliore, costituiscono la filosofia vincente dell'impresa.

Un progetto che ha favorevolmente impressionato gli imprenditori italiani e lo stesso Urso, che nei prossimi mesi ha deciso di promuovere due workshop: il primo, a gennaio, in Palestina (dove si discuteranno le possibilità di cooperazione fra imprenditori italiani, palestinesi e israeliani, con la costituzione di società miste a due o a tre); il secondo, a febbraio, a Roma (per presentare le opportunità di investimento in Palestina: già una ventina i progetti e le joint-venture pronte a partire).

A marzo, invece, toccherà a una commissione di Confindustria volare in Israele per studiare le possibilità di collaborazione tra il sistema delle piccole e medie imprese italiane e le similari aziende israeliane e palestinesi. Un'operazione "triangolare", come si dice in gergo, che ribadisce la tendenza in atto ad agevolare i finanziamenti alle imprese piuttosto che gli aiuti ai Paesi.

"D'altra parte è questo ciò che ci chiede Israele - dice il vice-ministro Urso -. La prima cosa che mi ha detto Peres incontrandolo al suo Centro della Pace, a Tel Aviv, è stata: 'Che cosa può fare l'Italia per i palestinesi?'. E ancora: 'Chiedo agli europei di essere amici di entrambi, non soltanto di una delle parti'". Saranno dunque le imprese e i cittadini, per una volta, ad arrivare alla pace prima degli Stati?

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo