CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



La speranza è un Euro-islam liberale



Bassam Tibi con Nina Fürstenberg



"La nostra speranza è l'Euro-islam". "Euro-islam", Bassam Tibi scandisce la parola che rappresenta il suo concetto chiave, un concetto con il quale è bene che cominciamo a familiarizzare. Perché, spiega, "o si sviluppa un Islam di tipo europeo tra gli immigrati musulmani (capace di imparare la tolleranza, il pluralismo, la democrazia) oppure dovremo vedercela con la pretesa di islamizzare l'Europa".

Bassam Tibi è un intellettuale liberale, musulmano, tedesco di origine siriana, carriera accademica tra Göttingen, Harvard e Berkeley. Famoso in Germania per i suoi libri, articoli e dibattiti in tv, sconosciuto o quasi in Italia (fa eccezione un suo libricino sul Fondamentalismo uscito qualche anno fa da Bollati Boringhieri). Su "Reset" compare un suo saggio in cui spiega che l'Europa deve farsi attivamente "campo di addestramento alla democrazia" se non vuole rimanere campo di addestramento per Al Qaeda.

"O l'Europa cambia l'Islam o l'Islam cambierà l'Europa". Parole forti, realistiche, con una vena di pessimismo, sulla bocca di un musulmano liberal che conosce la sua religione, i suoi tratti illiberali, ma sa anche che l'Islam può cambiare "sul terreno", come è accaduto, e accade, in Francia, in Senegal, e altrove.

Un momento, professor Tibi, ma sta nascendo questo Euro-islam? O è solo un sogno?

In Italia e in Germania non ci sono imam che si preoccupino di valori come la tolleranza, il pluralismo, la democrazia, i principi liberali, ma in Francia per esempio sì, ci sono. A Parigi c'è l'imam Boubakir, a Marsiglia Bin Scheich, e anche il filosofo Mohammed Arkoun. Sono presenze fondamentali. Queste persone stanno costruendo le basi di un Euro-islam. Il problema è quello della formazione degli imam, che deve avvenire qui. In Olanda è agli inizi un esperimento di formazione che coinvolge lo Stato. E' un processo difficile ma decisivo.

La sua storia personale è quella di un musulmano immigrato, diventato un pensatore liberale attraverso il confronto con i valori occidentali. Ci spieghi dove vede punti di tensione tra il liberalismo e l'Islam.

La tensione, se la formuliano secondo la moderna cultura europea, riguarda soprattutto due ambiti: quello dell'individuo e quello dell'ambiente. Non è stato sempre così: è solo a partire da Cartesio, dal XVII secolo dunque, che nasce quello che gli europei chiamano principio di individuazione, in base al quale l'essere umano viene concepito come individuo, come soggetto separato dallo Stato e dalla società. Nell'Islam, invece, l'essere umano è parte integrante della Umma (la comunita' dei fedeli): come musulmano, sono parte della Umma islamica, e senza la Umma non sono nulla. Ecco il primo punto di attrito, quello che determina tante difficoltà nell'integrazione dei musulmani in Europa: la mancata differenziazione nell'Islam tra individuo e comunità.

E il secondo punto? Che cosa vuol dire quando parla di ambiente?

Voglio dire che l'Islam è una religione organica, che tende a creare con la società una relazione organica, un ambiente in cui non si riesce a separare la Chiesa dalla società come avviene per il Cristianesimo, per l'Ebraismo ed altre religioni. Di fatto nell'Islam non c'e' la Chiesa e senza Chiesa non c'e' separazione tra Chiesa e società, tra Chiesa e Stato; senza Chiesa non c'e' laicismo. Questo significa che i musulmani non devono soltanto seguire la fede in Dio e i riti, ma anche molteplici prescrizioni che riguardano tutti gli ambiti dell'esistenza. Questo aspetto è quello che deve essere mutato attraverso una riforma dell'Islam.

Rispetto a quello che è l'Islam in Europa, lei invita a non minimizzare le differenze. È paradossale, lei islamico liberale insiste sulla differenza. Ma le sue idee non sono la dimostrazione che un incontro è possibile?

Certo, un Islam liberale esiste, è una possibile interpretazione dell'Islam, ma essa non ha ancora preso piede in nessun paese europeo. Nel 1950, vivevano in Europa 800.000 musulmani, soprattutto in Francia e in Gran Bretagna. Nel 2000 erano 15 milioni, e il 17 settembre di quest'anno 17 milioni. Ciò significa che nel 2035 potrebbero diventare 40 milioni. Se in Europa non si riuscirà a sviluppare e a diffondere un Islam liberale, tutte le tensioni che già esistono potrebbero creare problemi molto seri. Perciò è interesse comune dei musulmani e dell'Europa lavorare ad un'idea liberale dell'Islam, che permetta di trovare una base condivisa. Se poi, un Islam liberale sia possibile anche nei paesi islamici, è un altro problema. Su questo sono scettico.

Come determinare un'evoluzione dell'Islam in senso liberale? Pensa che siano più utili azioni politiche, oppure iniziative inter-religiose, oppure programmi economici, di studio, istruzione, educazione civica da parte dei governi europei?

Il primo compito spetta ai musulmani, gli europei possono fare poco o niente. Sono i musulmani che devono lavorare ad una nuova interpretazione dell'Islam, che soddisfi le seguenti premesse: in primo luogo, separazione tra religione e politica, e accettazione del laicismo. Se questo non è possibile, allora una pacifica coesistenza di musulmani e non-musulmani in Europa non è possibile. Io sono musulmano nella mia sfera privata, ma nella sfera pubblica sono cittadino, citoyen. La seconda premessa è l'accettazione di tutti i diritti umani. Nell'Islam esistono diritti umani collettivi, ma non individuali, come per esempio l'uguaglianza tra uomo e donna, oppure la libertà di culto. E in terzo luogo, il pluralismo religioso e culturale: nell'Islam non c'è alcuna posizione pluralista anche se c'è più tolleranza che nel Cristianesimo.

Può chiarire meglio questo punto della differenza tra tolleranza e pluralismo?

I musulmani sono tolleranti, nel senso che accettano i cristiani e gli ebrei come minoranze; si sentono obbligati a tollerarli, ma non sono pluralisti, in senso democratico, nel senso che non accettano il principio in base al quale i fedeli delle diverse religioni - siano essi ebrei, cristiani, musulmani - oppure gli atei, debbano tutti essere considerati esseri umani a pari titolo e di pari valore. Questo tipo di pluralismo, nell'Islam, non esiste.

Lei si propone un compito arduo, la riforma dell'Islam in Europa. Ma sarà possibile?

Ho formulato nel 1992 il concetto di Euro-islam, che è apparso su testi francesi ed è entrato in circolo e ci sono religiosi islamici che lo sostengono a Parigi o a Marsiglia. Essi sostengono un Islam europeo esattamente come io l'ho descritto qui. Ma in Germania, in Italia e in Svizzera, tra i musulmani domina una cultura opposta, quella della Lega delle comunità di moschea. Quale ruolo gioca la sua idea della Leitkultur, della 'cultura guida'?

Leitkultur corrisponde a quello che in italiano potete chiamare "cultura di riferimento". E la cultura di riferimento è quella della democrazia, dei diritti umani, della società civile distinta dalla sfera religiosa. E non - come erroneamente è stata interpretata da qualcuno in Germania - come cultura "egemonica". La parola migrazione nell'Islam è 'hijra' e nel Corano è riferita al Profeta, che nell'anno 622 emigrò dalla Mecca a Medina per diffondere l'Islam.

Ovunque un musulmano emigri, è suo dovere istaurare e diffondere l'Islam. Ma questo per l'Europa non è accettabile. Personalmente, come musulmano, pretendo dall'Europa tolleranza per noi, ma tolleranza non significa che noi possiamo islamizzare gli altri. La formula che ho elaborato è: tolleranza e difesa. Dialogo con un Islam tollerante e interpretato in chiave liberale. L'Europa si apre per i musulmani che vogliono vivere in Europa anche da cittadini, ma se i musulmani vogliono islamizzarla, allora l'Europa ha il diritto di dire no. L'Europa ha una propria identità, che è occidentale e laica, e non islamica. E' necessario mettere in atto una doppia strategia, e questa strategia consiste nel dialogo e nella difesa.

Ma il dialogo con l'Islam è davvero possibile nei termini che lei propone, per liberalizzarlo?

Dialogo significa, per i musulmani, chiamata all'Islam. La comunicazione è molto difficile tra persone che provengono da culture così diverse, perché esse con gli stessi concetti intendono cose diverse a seconda dei diversi casi. Ad esempio, in Europa dialogo significa scambio intellettuale; nell'Islam esso significa 'da'wa', chiamata all'Islam, e questo specie per gli ortodossi. I cristiani non lo sanno e ci cascano. Ma l'Europa deve rifiutare questo genere di dialogo. Esiste il dialogo menzognero, e questo non è certo il genere di dialogo auspicato.

Gli emigrati della terza generazione in Germania si presentano a volte più chiusi e tradizionalisti di quelli delle generazioni precedenti.

Quando persone di una cultura si trasferiscono in paesi che appartengono a un'altra accade che o si adeguano - fosse anche nella seconda o nella terza generazione - e diventano parte integrante della nuova società oppure si rifiutano di farlo. In Germania, i turchi sono già alla terza generazione dall'arrivo nel paese e vediamo che entrambi i casi sono possibili. Anche in America si presentano le due vie: diventare americani o rimanere estranei e alimentare la cultura della diaspora, gruppi che restano separati, le chiamano 'gated communities', comunità chiuse in se stesse. In Germania, tra i Turchi ci sono quelli che si sono integrati, che vivono in modo moderno e liberale, e che non pregano più cinque volte al giorno, mentre altri non riescono a sopportare questo stato di estraneità, e costruiscono comunità parallele, che sono poi una sorta di ghetto.

Come Kreuzberg, a Berlino.

Che è un quartiere interamente turco; vi si vive come in Turchia. Non c'è alcuna integrazione, né adattamento. Simili comunità chiuse esistono anche tra gli iraniani o gli arabi in Germania. L'11 Settembre è stato programmato e progettato per cinque anni proprio all'interno di una di queste comunità tedesche. Qui non si tratta già più di tolleranza, ma di vero e proprio rischio per la sicurezza.

Non c'e' più allora una enorme differenza tra il paese del melting pot e l'Europa delle differenze?

La società americana ha un'identità molto forte ed è molto capace di facilitare l'integrazione. I miei fratelli e sorelle musulmani che vivono in America, sono per la maggior parte diventati americani, e si definiscono di fede islamica americana. La società europea non è altrettanto capace di favorire l'integrazione. Ad esempio, io vivo da 40 anni in Germania, dove posso considerarmi una persona di successo, e tuttavia la gente non mi considera tedesco, sebbene io vorrei essere considerato tale. Ma ti chiami Bassam Tibi e sei musulmano, e dunque non puoi essere tedesco, sei solo un siriano con un passaporto tedesco.

L'Europa rimane allora meno capace di integrare?

Non ci si integra qui. Non sono, dunque, solo i musulmani a dover cambiare, ma anche gli europei. Gli europei devono diventare più capaci di favorire l'integrazione di coloro che la desiderano. E ci sono musulmani che lo vogliono. So bene che non sono la maggioranza. Il che vale anche per l'Italia, dove si sono individuati molti seguaci di Al Quaida. Io valuto che due terzi degli islamici d'Europa non desideri affatto integrarsi, ma bisogna tener conto che questo dipende anche dal fatto che le società europee non forniscono una forte identità e non sono in grado di favorire il processo di integrazione. Diciamo che le due parti si mettono i bastoni tra le ruote vicendevolmente. La capacità di favorire integrazione produce desiderio di integrazione e il desiderio di integrazione rafforza la capacità di integrare. E' un processo di cui sono responsabili entrambe le parti: francesi, tedeschi, italiani, belgi, alla stessa stregua dei musulmani.

Lei ha lavorato ad Harvard con Samuel Huntington, che nel frattempo è diventato celebre nel mondo, con la sua tesi del "Clash of Civilizations".

Ma la mia posizione non è la stessa di Huntington, anche se abbiamo lavorato insieme per cinque anni. Guardi, una posizione opposta a Huntington è quella di Fukujama, il quale ha creduto invece che nel XXI secolo tutta l'umanità sarebbe stata americanizzata e avrebbe mangiato da McDonald's, con il che la storia sarebbe finita. Io viaggio molto e constato invece che in ogni luogo gli uomini sono diversi, hanno idee diverse e immagini del mondo diverse. Huntington ha avuto ragione nel sostenere che le diverse civiltà hanno diversi punti di vista, e che esse possono esplodere, appunto con un 'clash'. (Attenzione lui non parla solo di conflitto tra le culture, che c'è, bensì di esplosione delle civiltà. Di questo parlo anch'io).

Ci sono conflitti di valori, e Huntington ritiene che alcune concezioni occidentali - come la democrazia, i diritti umani - non siano trasportabili in altre civiltà. E qui, la mia opinione è diversa; intendo dire che anche nell'Islam è possibile sviluppare ed accogliere sia i valori umani occidentali, che la democrazia. Il mio libro 'Preventing the Clash of Civilizations', che ho scritto insieme all'ex Presidente della Repubblica federale tedesca, Roman Herzog, è un libro critico di Huntington. Il dialogo può impedire il clash e costruire ponti, ma è essenziale che sia un dialogo sincero non menzognero, come accade oggi tra gli islamismi e la Chiesa cattolica.

 


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo