CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Lo snobbone e il suo branco



Horatio Flaccus




Sir Julian Abbott Mac Neill Ferrara ama sostenere che il suo giornale è l’ultima trincea dello snobismo e che lui, la Botafuego, la Bersagliera, la Silviopellico (avventizia) ecc. sono tutti degli elegantissimi dandies in incognita proiettati, per un disdicevole risucchio temporale, lì sul pianeta Papalla (largo corsia dei servi 3, 20122 Milano) dalla Londra dei Wilde e dei Whistler, in mezzo a paninazzi alla rustica e cicche di toscano Garibaldi.

Ora, un tipo che si proclama “Snob” dalla prima pagina di una gazzetta, Ronald Firbank (per dire uno che di snob se ne intendeva abbastanza) non l’avrebbe neppure classificato tra i primati. Io, invece, che sono di bocca buona, non farò difficoltà: nulla osta. Tuttavia, siccome ai maestri occorre portare rispetto e io tremo al pensiero di contraddire Firbank, faremo così: mescoleremo uno snob e un gibbone ed otterremo uno snobbone. Con soddisfazione, spero, di tutti i partecipanti.

Sir Julian Abbott Mac Neill Ferrara lo snobbone.

Ammetterete che la parolina si presta, perché qui parliamo di uno snobismo veramente all’ingrosso, praticato su scala industriale. Quello snobismo un tanto il chilo che piace da impazzire a chi, lettore o scriba, conosce il valore del denaro e sa che ogni cosa ha un prezzo. Quello snobismo al dopobarba che forse è la vera ragione che induce, per esempio, un gaucho della gazzetteria incorrect & snob qual’è Vittorio Feltri, a conciarsi come il cocchiere del principe di Galles convinto così di assomigliare al principe in person, ma economizzando sulle spese di rappresentanza. Geniale.

Del resto basta dare un’occhiata al branco che transuma assieme allo snobbone per farsene un’idea. Chi sono questi aiutanti di campo del grande imperatore alto un metro e un cazzo (tutti morti e resuscitati come il colonnello Chabert), con le loro pernacchiuccie e i loro sberleffini sgraffignati (è tutto dire…) a Prezzolini, e le maccaronate italiote tolte dalle tasche (basta la parola…) di Maccari, chi sono questi finedicitori della minchia bollita e dello scassamento di vertule?

Questi lampasoni della battuta da caffè, che ad ogni sucata dalla tazzina fanno “ahhhh…”, ruotano la manina adorna di occhialetto da presbite, si carezzano le panze e ammiccano, ammiccano, ammiccano…”A chi il culo della cameriera? A Noi!”?

Questi anticameristi da trotto passati attraverso le sale d’aspetto di tutti i partiti per le quali valeva la pena di passare e attualmente allineati e coperti come nessuno, ma che hanno la meravigliosa faccia di bronzo di proclamarsi frondeurs e “senza partito”?

Questi caporali coraggiosi, indomiti nel prendere per il culo gli studenti di un liceo che si permettono di contestare una pressoressa che parla coma una libressa stampata (“sono tutti figli di papà” dicono, facendo col braccino come Franco quando sgomitava Ciccio, ai loro altrettanto indomiti correligionari di gazzetteria, che invece, vivaddio, si sono fatti da sé come il Feltri Mattia, figlio del sullodato Feltri Vittorio che prima di passare cocchiere faceva l’operaio alla Bovisa, o come il Sofri Luca, anch’egli figlio di un muratore e di una commessa ai grandi magazzini)?

Sono gli eterni bourgeois bohemiens, quelli di sempre, che già cent’anni or sono (allora si piazzavano à gauche) facevano drizzare gli aculei a Wyndham Lewis. Quelli che s’appanzano e ironizzano sul loro appanzarsi, gli ipocriti dell’antiipocrisia, quelli che oggi trombeggiano e piffereggiano allegramente in testa alla truppa imperiale di tenutari televisivi e gestori di gazzette, piazzisti di caffè e di detersivo, Roberte siliconate e Roberti imbrillantinati, commercialisti con l’erre moscia e imputati di lusso.

Sono loro. E lo snobbone è il capo.

O meglio, il capo no, il Capo è un altro.

Lo snobbone è il sergente maggiore, quello che, nello stesso tempo, dà voce alla truppa quando c’è da incrementare il vitto e le traduce in linguaggio da caserma i dispacci e le ordinanze che arrivano nottetempo dal quartier generale. Fa tutto questo, lo snobbone, conservando sempre un’aria da liberto che “vuol esser gentiluomo e non vuole più servir”. Il fisico l’aiuta: egli non può scattare sull’attenti per il semplice motivo che possiede una complessione isotropa e si espande ugualmente in tutte le direzioni, comunque si mette risulta sempre seduto.

Eppure (che mistero è la vita…) anche lui sembra convinto e felice di essere quello che pensa di essere.

E anche lui fa parte della oramai immensa tribù di quelli che, a una sola voce, dichiarano cadenzatamene ed ipnoticamente di pensare con la propria testa: si muovono, indiati, attorno al totem e tracannano ululando acqua di fuoco convinti di essere a un garden party a centellinare martini dry discutendo di economia politica.

Tutti liberi pensatori. Tutti laici.

Nella nostra grande nazione gli uomini di questo stampo hanno sempre avuto un ruolo fondamentale: servono a far stare l’utente dalla parte giusta, consentendogli però di mantenere, se vuole, un'aria indipendente che gli consenta di non tagliarsi il ciuffo pur calandosi le braghe. Sono i maitres à penser di quella categoria di impiegati che "non guardano in faccia nessuno", neppure il capoufficio, perché quando lo vedono tengono gli occhi inchiodati al pavimento. Sono lo stendardo di quelli che incontri al bar e che gli e ne hanno appena "cantate quattro" a qualcuno. Il punto di riferimento per chi porta le bretelle e non vede l'ora di farsele schioccare sul petto. Il faro di chi ti soffia in faccia il fumo del suo sigaro spiegandoti con raffiche di doppi sensi e l'aria astuta che cosa è veramente la vita, con la prosopopea smargiassa di chi crede di avere la missione di insegnarti come ci si ficcano le dita nel naso.

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo