CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



"El Alamein? Che, sta in Messico?”



Stefano Arras




Stefano Arras è docente di italiano e storia. Queste sue osservazioni nascono dalla sua partecipazione come commissario esterno a un esame di maturità presso un istituto tecnico.

Il Novecento: storia o politica? I programmi di storia della scuola italiana non hanno trovato ancora un punto di equilibrio. Da più parti si chiede di tornare a poche sane nozioni: basta con la storia sociale, interculturale, mondialista, di breve, lunga o media durata! “Torniamo allo statuto!”. Che i nostri giovani conoscano la storia d’Italia e magari qualche tradizione locale.

Basta con le monografie e con lo studio delle strutture o dei processi! “Torniamo ai fatti!”: Mazzini è Mazzini, Pio IX è Pio IX. E poi il Novecento: non è un secolo da buttare, da dimenticare? La storia deve educare e deve essere la “storia di sempre”: una storia normale. Storia, non cronaca: narrazione condivisa, non luogo di dispute.

C’è chi ha proposto di escludere dall’insegnamento la “storia contemporanea”, ovvero tutto quanto accaduto dal 1945 in poi: in breve, gli ultimi 56 anni. Peggio che negli anni ‘50, quando il programmi scolastici si fermavano al 1918 (escludendo solo 42 anni di storia recente). Dobbiamo attendere una storia ufficiale che metta tutti d’accordo? Dobbiamo dar credito a commissioni per la revisione dei libri di testo?

Si penetra in una zona grigia nella quale le diverse influenze paiono annullarsi: talvolta la scuola si presenta essa stessa “storia” di questa neutralità. Gli Esami di Stato danno la visione di una pacificazione già avvenuta. E’ un gioco di ombre dove la II guerra mondiale appare al giovane non meno remota della II guerra punica. Alla domanda: “Quando è caduto il fascismo?”, accade che il giovane risponda stupito: “Perché, è caduto?”.

J. F. Kennedy, Crushev o Giovanni XXIII, protagonisti della storia contemporanea più recente - quella che alcuni vorrebbero togliere dai programmi scolastici perché ci coinvolge di più - sono sconosciuti a molti candidati. Le grandi battaglie del 1942-1943 stentano a trovare un’esatta collocazione geografica: “El Alamein? Che, sta in Messico?”.

Concetti d’uso corrente nella vita pubblica, “guerra fredda”, “distensione”, “resistenza”, “repubblica di Salò”, si mescolano e sono subito archiviati da un: “Non so”. Nel racconto dei candidati Mussolini può ben essere colui che dichiara la guerra nel 1915 oppure Giolitti diventare l’ideatore della guerra d’Etiopia (opportunamente retrodatata al 1911). Che importa? L’8 settembre 1943, nonostante il lodevole impegno del Presidente Ciampi, è una data poco nota, più o meno come quelle delle battaglie di Pirro. A chi si è arresa l’Italia? Con chi ha firmato l’armistizio? - “Con l’Austria? Con la Germania?”. E alla domanda su quel che accade dopo qualcuno risponde: “Le truppe partigiane dilagano nella Valle Padana e dichiarano la guerra ...”.

Le leggi razziali italiane, collocate fra il 1939 ed il 1940, sono assimilate frettolosamente ai campi di concentramento e alla schiavitù. Le spiegazioni più sofisticate fanno peggio: “Le leggi razziali tolgono agli ebrei i diritti politici”, lasciando intendere che per gli altri lo stato fascista fosse più o meno una democrazia. Né mancano coloro che nemmeno riescono a individuare i destinatari, cioè le vittime di queste leggi.

Viceversa, quanto alla crisi della Repubblica di Weimar, non pochi ne imputano la responsabilità agli Ebrei: la crisi del 1929 è interpretata come una conseguenza della loro prevalenza nell’economia della Germania. Quando la storia ingrigisce, sorprende che riprenda forza il pregiudizio? Né va meglio sull’altro versante della sfida ideologica. Lo stalinismo? “Stalin voleva il potere ed era un dittatore sanguinario”.

Molti ragazzi non verbalizzano la differenza tra economia pianificata ed economia di mercato, né la guerra civile, né la guerra ai contadini: tutto è personalizzato, psicologizzato . Perciò ad un candidato non è apparso strano stabilire un nesso concettuale tra Stalin e D’Annunzio: “Non erano entrambi dei leader?”. Quanto alla nostra Repubblica se ne sa poco: De Gasperi, Nenni e Togliatti così come i partiti di massa del dopoguerra - D.C., P.S.I. e PC.I. - sembrano appartenere al periodo delle guerre di successione del ‘700. Chi se le ricorda?

E’ questa la pacificazione auspicata da tanti intellettuali? Si può obiettare che la discussione storiografica, anche nella sua forma degradata di “uso pubblico della storia”, non va confusa con la crisi dell’istituzione scuola. Vero. C’è da chiedersi però se tale discussione, spesso centrata sulla necessità di recuperare la “memoria collettiva”, possa ignorare tale crisi. Questa fa il paio con la crisi delle forme del sapere di cui parla Raffaele Simone ne “La terza fase”.

La multimedialità favorisce il passaggio dall’alfabetico al visuale, dal sequenziale al simultaneo. La stessa Internet, a cui spesso ci si rivolge con volontà acquisitive, non elaborative, né collaborative - per prendere non per dare, per copiare non per elaborare - rafforza quest’appiattimento. Si perdono le “priorità”: non c’è costruzione, non c’è memoria, vi è solo la soddisfazione di un bisogno contingente (nel caso della scuola: l’interrogazione, la tesina e l’esame). Tutto è uguale, tutto ha lo stesso peso: solo l’utilità, collegata all’efficacia personale percepita, discrimina le opzioni e concorre alla decisione.

La storia si potrà salvare? Pochi dubitano dell’utilità formativa, ancorché non immediatamente percepita, dell’apprendimento della storia. E ancora meno che tale attività possa escludere la scuola o le tecnologie digitali. Il recupero della sequenzialità del sapere storico però passa attraverso il recupero della storia e dei bisogni contemporanei non per la loro emarginazione, proponendo una visione contrastata degli eventi e dei processi, non la loro sterilizzazione. Altrimenti, nella competizione globale i nostri giovani avranno ben poca attenzione per un passato e una storiografia ridotta ad “antiquaria”.

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo