CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



La musica silenziosa della poesia



Angelica Alemanno



Vi ricordate Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo? Marina Confalone vinse allora il David di Donatello come miglior attrice non protagonista. Ha lavorato con Fellini, Monicelli, Lizzani. E non solo. In questi anni ha ideato e rappresentato un piccolo gioiello teatrale: La musica in fondo al mare che è stato a Roma per la prima volta in questa primavera dopo il lontano 1991, quando nacque per il Festival di Asti, riscuotendo poi enormi successi, soprattutto a Napoli e a Milano.

E’ davvero sempre più raro andare a teatro e rimanere stupiti di una scelta drammaturgica. In un’epoca di sperimentazioni sceniche sempre più “oltre”, sempre più ibride, sempre più “spettacolari”, si riesce ancora a scovare qualche spettacolo che stupisce per la fantasia, la bravura degli attori, l’originalità dell’Idea, pur rispettando le esigenze di un pubblico “semplice”.

Giuseppe Bertolucci dice dello spettacolo: “Mi affascina l’idea di questa storia senza parole che si affida interamente alla pregnanza dei comportamenti e delle immagini. Come all’origine del cinema. Contando su una partitura di sentimenti semplice, ma non superficiale, su una fisicità degli attori che non cade mai nelle stilizzazioni un po’ stucchevoli del mimo”.

La musica in fondo al mare è diretto da Giampiero Solari, messo in scena dalla stessa Confalone, Eddie Roberts e Alfonso Benadduce..

Per un banale errore di un magazziniere, un uomo e una donna sordomuti rimangono chiusi per un intero week-end nel deposito di una ditta per televisori, dove entrambi si erano separatamente presentati per ottenere il posto di magazzinieri…

E’ uno spettacolo silenzioso ma non muto, giacché ad esprimersi con un linguaggio universale e ricco sono le azioni e non le parole. I gesti di due personaggi sembrano al limite del surreale per chi ha il dono dell’udito, ma fortemente “reali” per chi vive l’handicap della sordità.

Uno spettacolo senza testo, “scritto” per dare voce all’amore che nasce in quella gabbia, che cresce fino a rendere liberi i due amanti. Dalla competizione alla complicità, dalla repulsione all’amore, i due sono costretti in una prigione a tre dimensioni: spazio, tempo, suono.

Un uomo primitivo ed estroverso e una donna riservata e timorosa. Due opposti stritolati da un caso inatteso. Ma lungi dal non comunicare, i due non solo riescono a “costruire” la loro reciproca conoscenza, ma ci conducono in un viaggio ipnotico, quasi un’apnea dell’attenzione (sempre più rara a teatro), dove non possiamo fare a meno di sbirciare e cercare di interpretare anche il più piccolo gesto. Divertendoci, anche.

In questo breve esperimento -lo spettacolo dura solo un’ora e venti- lo spettatore prende contatto con lo spazio teatrale e con alcune pareti del cervello sempre più atrofizzate, quelle che riflettono la luce, il movimento, l’emozione, nell’assenza dei (molesti) rumori quotidiani.



Le prossime date sicure dello spettacolo sono fissate per febbraio e marzo 2002, nei teatri dei circuiti regionali della Puglia, delle Marche e della Toscana.


 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo