CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Riscoprire Il Principe di Machiavelli



Antonia Anania



L’albero teatro canzone presenta Il Principe di Machiavelli, drammaturgia di Lorenzo Salvati con Gigi Angelillo e Valentina Piserchia, regia Lorenzo Salvati, scene e costumi Santuzza Calì.
Tutti i giorni (escluso lunedì) fino all’8 luglio 2001, ore 21,00-Palazzo Altemps, Roma.

Diciamolo subito, il pregio dello spettacolo Il principe di Machiavelli è quello di aver reso intelligibile e teatrale un testo astruso e incomprensibile, come Il Principe, appunto, di Niccolò Machiavelli. E questo grazie all’adattamento teatrale chiaro, sintetico e discorsivo di Lorenzo Salvati. Alla scenografia e ai costumi di Santuzza Calì, luminosi, giocosi in cui dominano le sfumature del marrone e del giallo nel legno delle scene, nella riproduzione della vecchia carta e dei vecchi libri e nelle vesti. E grazie alla resa scenica efficace, a tratti ironica e allusiva di Gigi Angelillo che impersonando il vecchio Niccolò, spiega ai suoi studenti, -il pubblico seduto “torno torno” su vecchie panche, come se si trovasse in un’aula universitaria rinascimentale- il libro che ha dedicato a Lorenzo Il Magnifico, pensato e scritto a uso dei principi e dei loro oppositori.

Esclusi gli appassionati di storia e dei suoi risvolti e i soliti secchioni, chi ha studiato Il principe a scuola lo ha sempre odiato, soprattutto perché prima bisognava tradurlo in italiano corrente e poi capirne il significato filosofico e scientifico al tempo stesso. E c’erano poi tutti i fraintendimenti spiccioli e tornacontistici sulla ‘ragion di stato’ come quel proverbiale “il fine giustifica i mezzi” che nel trattato non compare mai in questi termini. Le storie della letteratura, le sintesi o le parafrasi antologiche ci venivano incontro, ma spesso rimaneva un altro testo da studiare, noioso e basta.

Poi come capita per La Divina Commedia e moltissima altra letteratura c’è la riscoperta e con questa il riconoscimento. Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi quest’anno ci ha ridato Il Principe, sempre in quell’astrusissimo idioma che però viene riscoperto lingua delle origini, antica e piena di fascino. Ed è quasi inevitabile leggere e comprendere questo trattato con gli occhi e il pensiero di Giovanni dalle Bande Nere. Il mestiere delle armi ce lo ha immerso visivamente in quel periodo, ce lo ha fatto riascoltare, obiettivamente spregiudicato, scientifico e realistico.

Il Principe di Machiavelli della coppia Salvati-Angelillo ce lo ridà ancora in un altro modo, raccontandocelo nel nostro italiano, e nel modo più semplice e fruibile. Cosicché, anche se gli esempi che il vecchio maestro ci fornisce sono solo quelli storici e mitici, di Agatocle, Oliverotto, Vitellozzo e via dicendo, è possibile fare continuamente riferimento alla nostra situazione politica, perché in eterno “le buone occasioni per depredare non mancano mai”.

E al nostro principe, perché le sue virtù sono sempre quelle, costanti e inesorabili, così come le azioni per avere potere e ingraziarsi il popolo: munificenza e parsimonia, crudeltà e clemenza, lealtà. Fare come la volpe e il leone ma senza farsene accorgere, operare secondo le leggi o secondo la forza, simulare e dissimulare in base alla necessità.

E ancora: usare il delitto quando serve a rafforzare la propria posizione. Curare la propria immagine, ospitare artisti e distrarre il popolo con feste, dare loro sicurezza contro la criminalità e l’instabilità.. E favorire l’impresa (perché conviene al principe).

Scegliersi bene i ministri, evitare gli adulatori, pensare sempre a più soluzioni e saper usare il potere della fortuna che è “donna” perché mutevole (gli uomini si sa hanno le loro idee e non cambiano neppure dopo cinque secoli, neppure su questo argomento).

Alla fine anche il nostro avrà un momento di malinconia: sa che ogni capo crede di fare bene il suo mestiere e in realtà ne è incapace. A scapito dell’Italia che rimane una campagna senza argini né riparo dalle piene improvvise, agli inizi del 1500 come del 2000.

L’ora e 10 minuti della rappresentazione volano velocemente, perché pur essendo quasi unicamente teatro della parola, il testo e la messinscena teatrali alleggeriscono notevolmente il malloppo machiavelliano e Gigi Angelillo-Machiavelli coinvolge il pubblico e crea piccole gag insieme alla sua assistente clownesca (Valentina Piserchia) occhialuta, con le guanciotte tonde, spesso intenta a mangiare biscotti e fare capitomboli.

Uno spettacolo civile perché divulgativo, chiaro, luminoso e semplice che dovrebbero vedere tutti, gli appassionati di teatro, il popolo e i suoi politici, e soprattutto quegli studenti che lo hanno letto o studiato poco o da poco. Anche perché può far venir la voglia di riprendere il testo.


Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo