CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffè Europa - Attualita'

Caffe' Europa
Attualita'



Calcio femminile: nel segno della Morace



Francesco Fanuele




I numeri della sua carriera parlano chiaro: dodici scudetti vinti, più di 500 gol segnati nella massima serie, 153 presenze in nazionale, record tutt’ora imbattuto, e ancora tanta voglia di mettersi in gioco: stiamo parlando di un vero e proprio mito del calcio femminile, Carolina Morace.

Quando, 10 mesi fa, le proposero lo scottante posto di commissario tecnico della nazionale di calcio femminile, ha accettato immediatamente, perché lei ama le sfide ed e’ abituata a stare sempre in trincea. La prima impresa, già superata, era quella di portare le azzurre agli Europei superando il Portogallo in uno spareggio alla morte; da quel successo ad oggi, molto è cambiato nell’ambiente dell’Italdonne.

La Morace ha rivoluzionato lo staff tecnico, facendosi circondare da persone di fiducia: dai preparatori atletici, al medico sociale, oltre all’eterna vice Betty Bavagnoli, con la quale ha diviso gioie e delusioni della sua sfolgorante carriera. Ma ciò che di più la nazionale femminile incarna della propria allenatrice è la voglia di vincere e di impegnarsi al massimo, per portare alla ribalta uno sport da sempre appannaggio dei colleghi uomini. Il sogno è quello di piazzare l’Italia tra le prime 3 squadre d’Europa,: per far questo dopo un inverno di innumerevoli partite amichevoli la comitiva azzurra si è radunata nel ritiro di Villasimius, in Sardegna.

Lì tra un paio di sedute di allenamento al giorno e continue lezioni tattiche, le ragazze guidate dall’allenatrice simbolo, sognano in grande, dicendosi stanche di sfiorare sempre la vittoria finale. L’Italia infatti si è qualificata seconda nel ‘93 (Morace in campo) e nel ‘97 battuta dalla Germania che adesso ospita la manifestazione. Il credo di Carolina sta tutto in una parola: programmazione. Infatti, per un futuro radioso c’e’ bisogno da parte della federazione di una maggiore dedizione al calcio femminile, maggior cura dei vivai e soprattutto la creazione di una nazionale under 21, che faccia da trampolino di lancio a quella maggiore.
Tatticamente la squadra giocherà a zona, con un 4-4-2 molto malleabile a seconda delle esigenze, in attacco agirà la coppia Panico-Guarino mentre sarà preziosa l’esperienza delle due veterane del gruppo Giorgia Brenzan e Federica D’Astolfo. Dopo mesi di fatica è arrivato il momento topico, siamo certi che la squadra abbia assimilato l’indole della sua carismatica guida; adesso passiamo la palla a voi ragazze, la popolarità è lì ad un passo e tutto nelle vostre mani, anzi nei vostri piedi!
Con una vittoria finale a questo Europeo, si potrebbe riscattare la sconfitta dell’Italia maschile avvenuta lo scorso anno in Olanda contro la Francia di Zidane e provocare un pizzico di invidia nei più celebri colleghi, che ormai, dal lontano 1982 non trionfano in nessuna competizione per nazionali.



“Azzurre agli europei in Germania: esordio con vittoria”


Non poteva cominciare meglio l’avventura delle azzurre di calcio femminile ai campionati Europei, attualmente in svolgimento in Germania. Le ragazze del commissario tecnico Carolina Morace, infatti, si sono imposte nella gara d’esordio, battendo per 2-1 la Danimarca e dominando per lunghi tratti una gara tirata ed emozionante. Sicuramente lo spumeggiante gioco promesso non si è ancora visto, ma nel primo tempo soprattutto, le Italiane hanno tenuto sempre in mano il pallino del gioco, con un gran possesso di palla, continui fraseggi a centrocampo e molte limpide palle gol non sfruttate. Le marcature sono arrivate grazie alla gran vena realizzativa dell’attaccante Panico, autrice di una doppietta. Nel finale di gara le rivali Danesi hanno accorciato le distanze, le Italiane hanno sofferto il pressing, comunque confuso, delle Danimarca, che ha rischiato spesso sui nostri contropiedi di subire la terza rete. Un inizio promettente per le azzurre che con questa vittoria ipotecano il passaggio del turno, basterà infatti una vittoria nelle prossime due gare del girone per qualificarsi al turno successivo.

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista cliccando qui

Archivio Attualita'


homearchivio sezionearchivio
Copyright © Caffe' Europa 2001

 

Home | Rassegna italiana | Rassegna estera | Editoriale | Attualita' | Dossier | Reset Online | Libri | Cinema | Costume | Posta del cuore | Immagini | Nuovi media | Archivi | A domicilio | Scriveteci | Chi siamo