CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffe' Europa
239 - 01.11.03


Cerca nel sito
Cerca WWW
I lettori ci scrivono

Cerutti ha ragione sulla Turchia

Da: Mario Telo'
Data: Sat, 04 Oct 2003 17:17:02 +0200
A: caffeeuropa@caffeeuropa.it
Tra cultura e politica, è una questione di identità

Cerutti ha perfettamente ragione sulla Turchia. Le delusioni sulla unanimità in politica estera partono da un malinteso. La Convenzione non poteva inventare un'Europa che c'è solo nei sogni di qualche decina di federalisti: se i rappresentanti dei parlamenti nazionali, del parlamento europeo, della commissione, dei governi dopo aver discusso 18 mesi non hanno ritenuto possibile il voto a maggioranza nella politica estera, si vede che proprio non è possibile a 25.

Forse sarebbe stato possibile nella piccola Europa dei Sei. Che forse ritornerà come nucleo duro, all'interno di una vasta entità democratica e costituzionale a 25 e domani a 35. Per ora direi che bisogna mettere i risalto le novità, anche in politica estera e riguardanti l'identità politica internazionale dell'UE: tra l'altro, la personalità giuridica internazionale unica, il Ministro degli Esteri, l'agenzia per gli armamenti, l'inclusione della Carta dei diritti fondamentali come seconda parte del trattato costituzionale.

Prof.Mario Telo'
J.Monnet Chair
Research Director IEE-ULB
PhD School in European Studies
Bruxelles

 

Una poesia per Anna Lindh

Da: Massimo Negri
Data: Tue, 14 Oct 2003 15:26:20 +0200
A: "Caffe' Europa" <caffeeuropa@caffeeuropa.it>
Oggetto: In memoria di Anna Lindh

Cari amici di Caffe' Europa,

Venerdì 12 settembre 2003 si è spenta all' ospedale di Stoccolma Anna Lindh, 46 anni, stimata ministro degli Esteri svedese. Una dedizione alla politica fatta di ideali e competenza, il dono di un sorriso semplice che ispirava fiducia.
Apriva la sua biografia informando i suoi concittadini di avere "un marito,
due figli e un cane". L' ha ferita a morte la mano di un folle mentre si trovava in un grande magazzino e stava guardando degli abiti insieme ad un' amica.

Ricordiamo, nella circostanza, anche Olof Palme, il leader socialdemocratico ed allora Primo Ministro, freddato il 28 febbraio 1986 all' uscita di un cinema.
La prossimità del ceto politico con la gente comune è uno dei tratti distintivi dei paesi scandinavi dove è consuetudine vedere persone di governo o sovrani andare, per dire, in bicicletta, salire su un autobus o fermarsi all' edicola.

Pure sotto shock la Svezia ha tenuto Domenica 14 settembre il referendum che ha sancito il “No” all' ingresso nell' euro e che non è di buon auspicio per le future consultazioni in Danimarca e Gran Bretagna.
Un risultato che non premia l'impegno europeista sempre profuso da Anna Lindh alla cui memoria dedico la poesia "I giusti" di Jorge Luis Borges :

"Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sud giocano in silenzio
agli scacchi.
Il ceramista che intuisce un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse
non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo."

Cordiali saluti
Massimo Negri - Casalmaggiore (CR)