CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffe' Europa
285 - 28.09.05


Cerca nel sito
Cerca WWW
Usa e Ue si
guardano da lontano
Beatrice Mani

Europa e America si guardano allo specchio, e dal Vecchio Continente occhiate diffidenti giungono oltreoceano.
Questo ci dicono i dati di Transatlantic Trends, il sondaggio d’opinione condotto ogni anno in Europa e Stati Uniti dal German Marshall Fund e dalla Compagnia di San Paolo.

Svolta tra il 30 maggio e il 17 giugno, assai prima che l’uragano Katrina si abbattesse sulle vite americane e sulle politiche del presidente, la ricerca testimonia che se il 54% degli statunitensi vede con favore un rafforzamento dei rapporti tra Usa e Ue, per tutta risposta il 55% dei cittadini europei vorrebbe essere più indipendente dagli Stati Uniti, almeno per quanto riguarda le questioni diplomatiche e di sicurezza internazionale. E fra i vari paesi europei sono Francia (69%) e Italia (66%) quelli che maggiormente propendono verso l’indipendenza. Ma non è tutto. Infatti il 73% del popolo Usa vedrebbe positivamente una crescita della leadership europea, viceversa il 59% degli abitanti del Vecchio Continente è contrario all’egemonia americana.

Insomma, a sei mesi dall’inizio del secondo mandato, Bush, nonostante gli sforzi per rinsaldare i rapporti con l’Ue, non ha ottenuto tra l’opinione pubblica grandi risultati. Anzi, il 52% degli europei e il 50% degli americani dichiarano che nulla è cambiato, mentre italiani, olandesi e spagnoli avvertono addirittura una flessione negativa nei rapporti transatlantici. Tuttavia è giusto precisare che non è esploso quell’antiamericanismo che alcuni temevano. Il termometro delle simpatie verso gli Stati Uniti si assesta sui 50 gradi, contro i 51 del 2004 (scala di gradimento con parametri da 1 a 100). Ancora una volta è l’Italia, insieme alla Gran Bretagna, a registrare un peggioramento: nel primo caso la temperatura è scesa da 61 gradi a 57, nel secondo da 62 a 57.

Un elemento che può aiutare nella comprensione dei dati è la distinzione messa in atto dagli europei fra l’opinione del popolo americano e quella dell’attuale amministrazione. Il 72% dell’Ue disapprova la condotta di Bush in politica estera, benché all’ordine del giorno del presidente Usa vi sia un argomento largamente condiviso dai cittadini europei: la promozione della democrazia.
“La sopravvivenza della libertà nel nostro Paese – ha dichiarato Bush – dipende dall’affermazione della libertà in altri Paesi”. E il 74% gli europei ha compreso e condiviso questo messaggio, affermando che è compito dell’Ue favorire l’avvento della democrazia. Stupisce invece che solo il 51% degli americani accolga questa idea (il 73% dei Repubblicani e solo il 43% dei Democratici). Riguardo a quali siano i metodi migliori per esportare la democrazia, il primato spetta all’impiego del soft power, ossia delle misure meno invadenti: il monitoraggio delle elezioni riscuote il consenso dell’83% degli europei e del 68% degli americani, e solo il 32% in Europa e il 39% in Usa si dice propenso all’intervento militare.

I Paesi al centro dell’interesse internazionale sono Cina e Iran. In Cina la promozione della democrazia si concretizzerebbe con la difesa dei diritti umani: per questo il 54% dell’Ue ed il 52% degli Stati Uniti è convinto che sia necessario limitare i rapporti economici con Pechino proprio a causa della violazione di tali diritti. Considerando l’Iran, l’Unione preferisce le pressioni diplomatiche (41%) agli incentivi economici (30%) o alle sanzioni commerciali (18%).
Risulta comunque chiaro da entrambe le parti un rifiuto inequivocabile della soluzione militare, soltanto il 5% dei cittadini europei ed il 15% di quelli Usa sarebbero favorevoli ad un intervento di questo tipo.

E dopo aver osservato l’America, l’Europa scruta il proprio riflesso nello specchio e si scopre, nonostante il fallimento dei referendum sulla Costituzione in Francia e Olanda, ancora fiduciosa delle sue capacità, con il termometro che segna 66 gradi. I no alla Costituzione non sono attribuibili al timore dell’immigrazione o della crisi economica, ma nemmeno al problema dell’allargamento e dell’entrata della Turchia. Anche se su questo i pareri negativi sono aumentati del 9%, tamponati però da un’alta percentuale di indecisi (42%). Appassiona i Paesi dell’Unione il dibattito sulla riforma delle Nazioni Unite e meraviglia scoprire che il 60% dei francesi e il 64% dei tedeschi pensano che l’Unione debba avere un seggio permanente, anche se questo significasse perdere quelli di Francia e Gran Bretagna. Non meraviglia invece constatare che il 56% dei britannici non è d’accordo con questa ipotesi. E una gran parte dei cittadini comunitari (il 70%) sogna una superpotenza europea, anche se l’idea di che cosa possa significare non sembra chiara: il 44% degli intervistati pensa che valga la pena aumentare la spesa militare per realizzare questo obiettivo; il 26% crede che l’Europa si debba identificare in una “superpotenza civile”, senza aumentare il potere militare e puntando invece su quello economico; il 35% attribuisce la stessa importanza ai poteri economico e militare.
Questi sono dati e percentuali che riflettono un’Europa intenta a confrontarsi, non soltanto con il mare che la separa dall’America, ma anche con le proprie divisioni interne.

 

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista a
redazione@caffeeuropa.it