CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Il Blog | Caffè Europa - Webzine di cultura europea e democrazia informata
Il Blog di Caffe' Europa
  1. ELEZIONI USA - LONDRA - RAMALLAH - EGITTO

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    USA
    Dopo una dura campagna elettorale, Mitt Romney vince le primarie in Michigan e Arizona. Guarda la galleria di immagini.



    Olimpiadi di Londra 2012

    Len McCluskey, Segretario generale di Unite, uno dei più importanti sindacati britannici, annuncia azioni di disobbedienza civile e scioperi sindacali durante i Giochi Olimpici, in adesione alla campagna di protesta contro i tagli alla spesa pubblica e contro il programma di austerità del governo.

    Le dichiarazioni di McCluskey sono state criticate dal leader laburista Edward Miliband, che le definisce “inaccettabili ed erronee”. Leggi l’intervista a Len McCluskey pubblicata su The Guardian.



    Israele/Cisgiordania

    Durante la notte tra martedì e mercoledì l’esercito israeliano ha fatto irruzione negli uffici di due stazioni televisive palestinesi a Ramallah per sequestrarne i computer e le apparecchiature di teletrasmissione.

    Come riporta Reuters in questo articolo, Al-Watan Television, canale locale privato, e Al-Quds Educational Television, affiliata all’Università di Al-Quds (e i cui programmi sono principalmente rivolti ai bambini) non avrebbero ottemperato alle precedenti richieste di Israele, che li aveva sollecitati più volte ad interrompere la trasmissione su frequenze che interferivano con le comunicazioni wireless e con la banda utilizzata dal sistema di controllo del traffico aereo israeliano.

    I giornalisti coinvolti hanno indetto una manifestazione nella piazza principale della città, in segno di protesta per la chiusura delle due emittenti tv. Per approfondire, leggi l'articolo pubblicato da Le Monde.



    Egitto

    Ancora dubbi sulla vera identità del militante egiziano Muhamad Ibrahim Makkawi, arrestato all’aeroporto del Cairo. È arrivato in Egitto dal Pakistan via Dubai. Dopo l’arresto, ha negato di essere Saif al-Adel, uno degli esponenti di spicco di Al-Qaeda ricercato dall’FBI e successore ad interim di Osama Bin Laden prima della designazione di al-Zawahiri. Leggi gli articoli pubblicati dalla BBC e da The Telegraph.

    Impasse tra USA ed Egitto per l’attacco alle ONG egiziane sostenute da fondi americani.
    I tre giudici della Corte Penale del Cairo hanno aggiornato l’udienza in tribunale al 26 aprile. Imputati 43 lavoratori delle organizzazioni non governative; 16 persone sono cittadini statunitensi.
    La Clinton avvia le trattative con il governo egiziano per risolvere la controversia il prima possibile. E l’Unione Europea condanna le restrizioni imposte alle organizzazioni della società civile che operano in Egitto.



     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 29-02-2012
  2. USA - OCCUPY LONDON - CRISI IN SIRIA - LA NAVE COSTA ALLEGRA - PAKISTAN

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    USA
    Ohio: sparatoria in una scuola. Lutto cittadino. Come riporta Reuters in questo articolo, un giovane studente ha aperto il fuoco nella sala mensa dell’istituto superiore Chardon High School, situato nella periferia di Cleveland. Ha ucciso uno studente sedicenne e ne ha feriti altri quattro prima che un’insegnante intervenisse per fermare la strage e consegnarlo alla polizia. Leggi anche l’articolo della BBC.



    UK

    Il movimento di protesta anti-capitalista Occupy London si è accampato nel piazzale davanti alla Cattedrale di Saint Paul dal 15 ottobre 2011. Ora il presidio è stato sfrattato con una sentenza della Corte d’appello. La polizia ha proceduto a sgombrare l’area dalle tende nonostante la decisa azione di resistenza dei gruppi di attivisti. Consulta gli aggiornamenti live su The Guardian.



    Siria

    Mentre le autorità siriane annunciano che il referendum sulla nuova costituzione è passato con l’89,4% dei voti favorevoli, l’Ue approva nuove sanzioni economiche contro il regime di Bashar Al-Asad.

    Congelamento delle proprietà e divieto di ingresso nei paesi dell’Unione Europea a sette ministri chiave del governo di Damasco e blocco dei beni della Banca Centrale siriana. Provvedimenti aggiuntivi vietano il commercio in Ue dell'oro e di altri metalli preziosi e impongono l’embargo sui voli cargo provenienti dalla Siria. Leggi gli articoli pubblicati da Ahram online e dalla BBC.

    Homs: il fotografo britannico del Sunday Times Paul Conroy - ferito mercoledì scorso in un attacco bomba - è fuggito in Libano assieme alla giornalista francese Edith Bouvier grazie all’intervento di attivisti siriani. Ora sono salvi, ma altri giornalisti occidentali (Javier Espinosa e William Daniel) sono rimasti nella città sotto assedio. Consulta gli aggiornamenti live su The Guardian.

    Di fronte alla grave crisi umanitaria e alle sistematiche violazioni dei diritti umani, il Consiglio ONU per i Diritti Umani ha convocato una riunione d’emergenza a Ginevra e chiede l’immediato cessate il fuoco umanitario.



    Costa Allegra alla deriva nell'Oceano Indiano

    Incendio a bordo della Costa Allegra. Un guasto al motore ha provocato il blackout. Alle 23 la nave da crociera italiana è stata soccorsa dal peschereccio francese Trevignon, in attesa dei due rimorchiatori che dovranno trainare la nave fino all’isola di Descroches. Le autorità delle Seychelles hanno prestabilito l’evacuazione degli oltre 1.000 passeggeri.



    Pakistan

    Il Pakistan nord-occidentale è scosso da forti tensioni interreligiose. Assalto ad un autobus diretto verso la località settentrionale di Gilgit. Un gruppo di militanti estremisti sunniti ha identificato e ucciso 18 persone di religione sciita. 8 sono rimasti feriti nell’attacco.
    Leggi gli articoli pubblicati da Newsweek e dal The Guardian.

    Intanto a Islamabad la Corte Suprema ha posticipato al 7 marzo l’udienza per il contenzioso che vede coinvolto il primo ministro pakistano Yousaf Gilani, accusato di oltraggio per non aver riaperto l’inchiesta per corruzione a carico del Presidente Asif Ali Zardari. Gilani rischia sei mesi di carcere e la perdita dell’incarico.


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 28-02-2012
  3. AFGHANISTAN - CRISI IN SIRIA - IL NUCLEARE IRANIANO - RUSSIA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Afghanistan
    Attentato kamikaze davanti all’aeroporto di Jalalabad.
    L’esplosione dell’autobomba ha causato la morte di almeno 9 persone. Oltre 10 i feriti. L’attacco terroristico è stato rivendicato dai Talebani in risposta agli incidenti della scorsa settimana e alle accese proteste sollevatesi di fronte agli atti di dissacrazione delle copie del Corano compiuti in una base NATO. In questo articolo, la BBC riferisce che sabato un giovane poliziotto afghano ha sparato e ucciso due ufficiali del contingente Isaf nella sede del Ministero dell’Interno di Kabul. Guarda il video.

    Siria
    Offensiva militare siriana nella provincia nord-occidentale di Idlib. Proseguono l’assedio di Homs e gli attacchi armati contro la città di Hama.
    Boicottaggio del referendum sulla nuova costituzione, che prevede l’apertura al multipartitismo e l’estensione del mandato presidenziale fino al 2028. La Siria aspetta i risultati del voto.
    Secondo Al-Jazeera, le forze dell’opposizione siriana ritengono che la carta costituzionale sia una farsa messa in piedi dal regime di Bashar Al-Asad.
    Consulta gli aggiornamenti live su the Guardian.
    Ismail Haniya, principale leader di Hamas a Gaza, annuncia il suo sostegno ai ribelli siriani durante la preghiera del venerdì alla moschea di Al-Azhar del Cairo. Leggi l’articolo pubblicato su The Telegraph.

    Iran
    Possibile rilancio dei negoziati sul programma nucleare iraniano, nonostante l’IAEA abbia pubblicato un nuovo rapporto in cui conferma che l’Iran ha intensificato le risorse e migliorato le tecnologie per le operazioni di arricchimento dell’uranio. Le grandi potenze mondiali sospettano che il paese intenda fabbricare armi atomiche, ma la Svezia definisce “soddisfacente” l’offerta di trattativa presentata da Teheran. Per approfondire l’argomento, leggi questo articolo pubblicato da Reuters.

    Russia
    Complotto per assassinare Vladimir Putin. Il canale televisivo di Stato Channel One ha riferito che i servizi di intelligence ucraini e russi sono riusciti a sventare un piano di attentato contro il primo ministro russo. Leggi gli articoli pubblicati da Itar-Tass e da RT.
    Il gruppo di terroristi, membri della resistenza separatista islamica in Cecenia, progettavano di compiere l’attentato a Mosca subito dopo le presidenziali del 4 marzo. Provenivano dagli Emirati Arabi e sono entrati in Ucraina passando per la Turchia.
    Arrestati e detenuti nel carcere di Odessa, Adam Osmayev e i suoi due complici confessano di aver eseguito le direttive del loro leader, il ceceno Doku Umarov.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 27-02-2012
  4. SOMALIA - EUROPA/MEDIORIENTE - IRAQ - AUSTRALIA - USA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Somalia

    Come riferisce Al-Jazeera in questo articolo, i principali leader mondiali e i membri del governo somalo si sono riuniti a Londra in una conferenza internazionale per coordinare gli sforzi e contrastare la pirateria, la povertà e la carestia che hanno colpito la Somalia, sprofondata in un’interminabile guerra civile. La Gran Bretagna ha sostenuto e promosso la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che prevede l’incremento del numero delle forze di peacekeeping dell’Unione Africana (AMISOM) di quasi 18.000 unità. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian e l’analisi fornita dalla BBC in questo articolo.

    Europa/Medioriente
    La crisi economica in Europa e le possibili conseguenze in area MENA: leggi l’articolo pubblicato da Al-Sharq al-Awsat.

    Iraq
    Almeno 50 persone sono rimaste uccise negli attacchi bomba e nelle sparatorie a Baghdad e in altre città irachene. Le forze di polizia sono il principale bersaglio delle violenze. Il rischio maggiore è che aumentino le tensioni politiche interne e le rivalità interconfessionali. Leggi il commento su El País e l’articolo pubblicato dal The Guardian. Guarda anche il video della BBC.

    Australia
    Dopo le dimissioni del Ministro degli Esteri Kevin Rudd, motivate dall’incompatibilità con il primo ministro Julia Gillard, il governo laburista australiano potrebbe aver perso credibilità agli occhi dell’opinione pubblica. Una crisi della leadership? Leggi il dossier su The Australian e guarda il video della BBC.

    USA
    MISSIONE DIPLOMATICA Il Segretario di Stato americano Hillary Clinton inizia oggi il suo tour diplomatico. In visita a Londra per la conferenza sulla Somalia, si recherà anche in Nord Africa. In Tunisia parteciperà al primo incontro del gruppo Friends of Syria e poi incontrerà il primo ministro tunisino Hamadi Jebali e alcuni rappresentanti della società civile. Leggi questo articolo della Kuwait News Agency (KUNA).
    ELEZIONI 2012
    Sul sito della CNN gli aggiornamenti sul faccia a faccia Romney-Santorum. Dibattito finale prima della sfida elettorale in Arizona e Michigan.

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-02-2012
  5. AFGHANISTAN - CRISI IN SIRIA - ELEZIONI USA - NUOVA ZELANDA - COREA DEL NORD

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Afghanistan
    Base aerea NATO di Bagram. Martedì mattina alcuni lavoratori afghani scoprono che i militari statunitensi hanno gettato nella spazzatura alcune copie del Corano, pronte per essere bruciate e distrutte. L’episodio ha scatenato violente proteste a Kabul e nelle aree centro-orientali del paese. Secondo Reuters, 4 persone sono state uccise e almeno 26 ferite negli scontri armati tra la polizia e i manifestanti.
    Come spiega l’articolo pubblicato da The Guardian, le pubbliche scuse del governo USA non hanno placato le proteste. Il generale John Allen, capo del comando NATO in Afghanistan, annuncia l’apertura di un’inchiesta. Guarda la galleria di immagini e il video.

    Siria

    Repressione militare in alcuni villaggi settentrionali della Siria. L’esercito siriano e le milizie lealiste shabbiha hanno catturato e ucciso 27 giovani manifestanti.
    Il giornalista americano del Sunday Times Marie Colvin e il fotografo francese Remi Ochlik sono stati uccisi da una bomba che ha colpito la loro abitazione a Baba Amro, quartiere assediato di Homs. Leggi questo articolo pubblicato da Reuters e consulta gli aggiornamenti live su The Guardian.

    Tre testimonianze da Homs su Libération.

    La Croce Rossa e i medici lottano per salvare vite umane.

    Intanto a Damasco il Presidente siriano Bashar Al-Asad presenta una bozza costituzionale, in vista del prossimo referendum. E la Russia continua a vendere armi al governo siriano.

    USA
    Santorum cerca il sostegno del movimento Tea Party dell’Arizona per superare Romney. Leggi gli articoli pubblicati su The Guardian e UPI. Per approfondimenti sull’Arizona debate, leggi l’articolo della CNN, consulta il blog e la pagina twitter.

    Nuova Zelanda

    Tributo alle 185 vittime del terremoto che ha colpito Christchurch un anno fa. Impegnarsi per la ricostruzione: intervista della BBC al sindaco Bob Parker. Leggi anche l’articolo pubblicato su The Guardian.

    Corea del Nord

    Come riporta The Guardian in questo articolo, riaprono i negoziati sul nucleare tra USA e Corea del Nord, banco di prova della solidità di Pyongyang nell’era post-Kim Jong Il. Il paese, sottoposto a sanzioni internazionali per il suo programma nucleare, ne subordina l’interruzione alla possibilità di ricevere consistenti aiuti economici dalle altre potenze regionali. Leggi anche gli articoli di Reuters e del Korea Herald.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 22-02-2012
  6. CRISI IN SIRIA - YEMEN - LIBIA - GRECIA  

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Siria
    Pressioni diplomatiche sul governo siriano per mettere fine alla repressione militare. Come riferisce il quotidiano algerino El Watan, in occasione della IX Conferenza dei Ministri degli Esteri del Dialogo nel Mediterraneo Occidentale (5+5) tenutasi ieri a Roma (Villa Madama), il Ministro degli Esteri tunisino Rafik Abdessalem ha espresso a nome dei suoi colleghi della sponda nordafricana l’invito a garantire e a tutelare l’integrità della Siria per sventare il pericolo che si profili uno scenario simile a quello iracheno. Intanto a Damasco l’esercito siriano spara sulla folla di manifestanti.
    Leggi l’articolo pubblicato dal The Guardian e l’analisi di Hugo Dixon (Reuters) sulle vicende siriane.

    Yemen

    Le elezioni come possibile via d’uscita dalla crisi. Il voto dei cittadini yemeniti nell’era post-Saleh è contrassegnato da una serie di violenze e tensioni interne. Secondo quanto riferisce Reuters, almeno sei persone sono rimaste uccise in un’altra esplosione avvenuta nel sud del paese, in un centro elettorale della città di Aden. Ma nella capitale San‛a la situazione sembra pacifica, come riporta la BBC in questo articolo.

    Libia
    Elezioni in Libia, quarant’anni dopo.
    Il primo scrutinio elettorale a Misurata, dove sono stati eletti i 28 rappresentanti del consiglio locale. Un evento storico per il paese in vista delle prossime elezioni nazionali di giugno per l’Assemblea Costituente. Leggi l’articolo pubblicato da Reuters e guarda il video.

    Grecia
    Raggiunto l’accordo sul secondo pacchetto di aiuti finanziari alla Grecia: funzionerà? “Atene deve accettare i tagli radicali alla spesa pubblica e il monitoraggio permanente”. Leggi questo articolo della BBC e consulta gli ultimi aggiornamenti live.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-02-2012
  7. CRISI IN SIRIA - IRAN - AFGHANISTAN - GRECIA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Siria
    Un articolo pubblicato ieri da Reuters rintraccia i parallelismi e le somiglianze tra l’attuale conflitto in Siria e la guerra in Bosnia.
    Il People’s Daily, quotidiano mainstream del Partito comunista cinese, avverte che il sostegno occidentale agli attivisti dell’opposizione siriana rischierebbe di far precipitare il paese nella guerra civile, escludendo ogni minima possibilità di evitare un intervento armato internazionale.
    Mentre le truppe governative estendono il loro controllo su Hama e i ribelli combattono i miliziani (shabbiha), il Presidente siriano Bashar al-Asad pianifica il voto referendario per questo weekend.
    Ancora bombardamenti su Homs: guarda il video della BBC.
    L’Egitto richiama al Cairo il suo ambasciatore in Siria, non solo per isolare Damasco sul piano diplomatico, ma anche per esprimere la sua preoccupazione di fronte alle violenze perpetrate sui civili in questi undici mesi di proteste. Consulta gli aggiornamenti live su The Guardian.

    Iran

    Ispettori dell’IAEA (International Atomic Energy Agency) di nuovo a Teheran per le trattative sul programma nucleare iraniano, a un giorno di distanza dalla decisione dell’Iran di bloccare le vendite di petrolio alle compagnie britanniche e francesi. Leggi gli articoli pubblicati da BBC e Reuters.
    Possibili “apetti militari” del programma? Per approfondire, leggi l’articolo della BBC.

    Afghanistan
    Stamattina tre militari italiani sono morti in Afghanistan in seguito ad un incidente stradale avvenuto a 20 km a sud-ovest di Shindand, nella provincia occidentale di Herat. Un ferito.
    Appartenenti al 66esimo Reggimento di stanza a Forlì, i tre soldati erano impegnati nell’attività di soccorso a un’unità in avaria, ma mentre attraversavano un corso d’acqua il Lince su cui viaggiavano si è ribaltato e sono rimasti intrappolati all’interno del mezzo. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il Presidente del Consiglio Mario Monti hanno espresso sentimenti di cordoglio e solidarietà ai familiari delle vittime. Leggi anche questo articolo della BBC.

    Grecia

    Il salvataggio di Atene. I Ministri delle finanze dell’Eurogruppo si riuniscono a Bruxelles per sbloccare il pacchetto di aiuti alla Grecia. 130 miliardi di euro per evitare la bancarotta. Leggi l’articolo pubblicato dalla BBC e consulta gli aggiornamenti live su The Guardian.

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 20-02-2012
  8. CRISI IN SIRIA - LIBIA - ELEZIONI USA - GIAPPONE

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Siria
    L’Assemblea Generale dell’ONU ha adottato (con 137 voti favorevoli, 12 contrari e 17 astenuti) una nuova risoluzione che sostiene il piano della Lega Araba per fermare gli attacchi del governo siriano contro gli attivisti dell’opposizione anti-asadiana ed esorta il Segretario Generale Ban Ki-moon a nominare un inviato speciale per la Siria. La risoluzione condanna Damasco per l’ampia e sistematica violazione dei diritti umani, chiede il ritiro delle forze militari siriane dalle città sotto assedio e denuncia l’uccisione di oltre 5.400 civili. Russia e Cina si oppongono. Leggi gli articoli pubblicati da Reuters e BBC. Guarda anche il video e la mappa interattiva su The Guardian.

    La testimonianza dell’attivista siriano “Danny” dal sito della CNN.

    Il giornalista Anthony Shadid (43 anni), corrispondente estero del New York Times e vincitore di due Premi Pulitzer, è morto giovedì in Siria. Da una settimana realizzava reportage per documentare l’insurrezione armata contro il regime di Bashar Al-Asad. Come riferisce il New York Times in questo articolo, Tyler Hicks, il fotoreporter che lavorava con lui, ha dichiarato che il decesso di Shadid è seguito all’aggravamento dell’attacco di asma di cui soffriva.

    Libia
    La Libia celebra l’anniversario della rivoluzione che ha fatto cadere il regime del Colonnello Gheddafi.
    Festeggiamenti a Bengasi e a Tripoli per iniziativa popolare. Infatti, il governo ad interim guidato dal leader libico Mustafa Abdul Jalil ha preferito non ufficializzare l’evento, in segno di rispetto per le migliaia di persone uccise durante la sanguinosa guerra civile che ha portato all’assassinio di Gheddafi a Sirte il 20 ottobre 2011.
    Leggi gli articoli pubblicati da Al-Jazeera e dalla BBC.

    USA
    Santorum recupera terreno e sfida Romney. Il voto in Michigan è decisivo. Un sondaggio pubblicato dal Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 17-02-2012
  9. CRISI IN SIRIA - NUCLEARE IRAN - OWS - LIBIA - HONDURAS

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Siria
    Le truppe siriane attaccano la città di Dara'a, al confine giordano, per reprimere una delle principali roccaforti della rivolta anti-governativa. Nel giro di due settimane Bashar Al-Asad vuole fare il referendum per la nuova costituzione, in vista di successive elezioni multipartitiche. La Cina teme che le interferenze internazionali possano aggravare la situazione interna. Come riferiscono Al-Jazeera e Reuters, venerdì 17 e sabato 18 febbraio il Vice-ministro degli Esteri cinese Zhai Jun sarà in visita ufficiale in Siria per tentare una risoluzione pacifica del conflitto. Guarda anche il video e consulta gli aggiornamenti live sul The Guardian.

    Iran
    Mentre l’Iran confida in un rapido ed efficace sviluppo del suo know-how nel settore nucleare, l’Occidente sospetta possibili progetti per l’arricchimento dell’uranio a scopo militare e non civile. Per approfondire, leggi gli articoli pubblicati da Reuters, BBC e Al-Jazeera.

    Occupy Wall Street
    La prossima ondata di proteste è vicina. La galleria di immagini su Occupy Oakland (California) e i nuovi scontri con la polizia. Contro le grandi corporations americane, gli attivisti hanno convocato per il 29 febbraio una manifestazione nazionale che interesserà 50 città. Il movimento, orizzontale e senza leadership, sente il bisogno di riorganizzarsi attraverso strategie di coordinamento e forme di coalizione pseudopolitica. I conservatori reagiscono alle rivendicazioni del movimento OWS dichiarando We Are The 53%. Visita il sito di Erick Erickson e leggi l’articolo pubblicato da Reuters. Il whyoccupy project del The Guardian: guarda i video messaggi postati dagli attivisti OWS a New York, a Londra e nel resto del mondo.

    Libia
    Le violazioni dei diritti umani e l’impunità dei criminali sono una minaccia per la stabilità del paese. Come spiega The Guardian in questo articolo, l’ultimo rapporto di Amnesty International sulla Libia denuncia gli abusi delle milizie ribelli armate, accusate di aver torturato e causato la morte di 12 prigionieri sospettati di essere lealisti gheddafiani. Leggi anche l’articolo della BBC e guarda il video.

    Honduras
    Il grave incendio di martedì scorso nel carcere di Comayagua ha ucciso almeno 350 persone. Alcuni detenuti sono morti soffocati dal gas all’interno delle loro celle. Decine di ricoverati in ospedale; violenti gli scontri tra i familiari dei detenuti e gli agenti penitenziari. Leggi gli articoli pubblicati da Reuters e dal The Guardian. Come riferisce Al-Jazeera, il Presidente dell’Honduras Porfirio Lobo promette misure urgenti e avvia un’inchiesta per far luce sulle dinamiche della tragedia. Intanto il direttore del carcere e il dirigente-capo del sistema carcerario nazionale sono stati sospesi dai rispettivi incarichi. Guarda la galleria di immagini.



     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 16-02-2012
  10. BANGKOK - EGITTO - ELEZIONI USA - CRISI IN SIRIA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Thailandia
    Serie di esplosioni a Ekkamai, popoloso quartiere nel centro di Bangkok. Cinque i feriti, incluso Saied Moradi, uno degli attentatori ora in custodia cautelare nell’ospedale dove è ricoverato. La polizia thailandese ha arrestato Mohummad Hazaei, mentre il terzo iraniano ricercato, Masoud Sedaghatzadeh, ha abbandonato la capitale, in fuga verso Kuala Lumpur. Come riporta The Guardian, le bombe artigianali trovate nell’abitazione dei tre iraniani a Bangkok sembrano simili agli ordigni impiegati lunedì negli attacchi bomba diretti al personale diplomatico dell’Ambasciata di Israele in Georgia e in India. L’ambasciatore Itzhak Shoham ritiene che esista un chiaro collegamento tra quest’ultimo episodio e gli attacchi bomba a Tbilisi e a Delhi, ma l’Iran smentisce le accuse. Guarda il video.

    Egitto
    Gang beduine nel Sinai sequestrano rifugiati africani (molti dei quali sono richiedenti asilo eritrei e sudanesi che tentano di varcare il confine con Israele) e infliggono torture agli ostaggi per estorsione. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian. La tribù Tarabeen è responsabile dei raid in numerosi villaggi turistici del Mar Rosso e delle esplosioni avvenute nei principali gasdotti della regione.
    Al Cairo si parla delle prime elezioni presidenziali dell’era post-Mubarak previste per la fine di maggio. E la costituzione? Leggi gli articoli pubblicati da Reuters e da Al-Jazeera.

    USA
    Mitt Romney vince le primarie repubblicane nel Maine con il 39.2% dei voti. Secondo gli analisti americani, era un traguardo necessario. Leggi gli approfondimenti pubblicati dalla BBC e dal Washington Post e consulta il calendario della campagna presidenziale 2012.

    Siria
    Come riferisce la BBC in questo articolo, gli attivisti siriani dichiarano che martedì un’esplosione ha danneggiato un oleodotto a Baba Amr, un quartiere di Homs. Guarda il video.
    Le forze governative bombardano la città da settimane. La TV di Stato siriana attribuisce a “gruppi di terroristi armati” la responsabilità di aver sabotato gli impianti.
    Intanto il Presidente Bashar Al-Asad ha stabilito che il 26 febbraio si terrà il referendum nazionale sulla nuova bozza di costituzione. Leggi gli articoli pubblicati da Al-Arabiya e Al-Jazeera.


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-02-2012
  11. LONDRA - YEMEN - BAHREIN - ISRAELE

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Londra
    Arresti domiciliari per Abu Qatada, rilasciato lunedì dal carcere di massima sicurezza di Long Lartin, nel Worcestershire. Come riferisce l’articolo pubblicato da Al-Jazeera English, il predicatore jihadista giordano di origine palestinese (definito da un giudice spagnolo “il braccio destro di Bin Laden in Europa”) rifiuta l’estradizione in Giordania.

    Yemen
    POLITICA Elezioni presidenziali previste per il 21 febbraio. Il clima politico è particolarmente teso, anche a causa della presenza di frange separatiste (attive soprattutto nel sud del paese) che intendono boicottare le elezioni. L’ultimo episodio di violenza si è verificato nella città-porto meridionale di Aden. Come riferisce Al-Arabiya English in questo articolo, un attentatore suicida si è fatto esplodere prima di raggiungere il suo bersaglio, l’ufficio del comitato elettorale del distretto di Crater. Nessun ferito.
    FOTOGIORNALISMO
    Samuel Aranda ritrae una donna yemenita che tiene fra le braccia un suo giovane parente ferito durante le proteste contro il Presidente Saleh a Sana’a. La sua foto ha vinto il World Press Photo 2011.

    Bahrein
    Primo anniversario del «Movimento 14 Febbraio»: proteste nella capitale Manama, dove le forze di sicurezza lanciano lacrimogeni e granate flash contro i gruppi di giovani manifestanti scesi di nuovo in piazza. Leggi l’articolo della BBC e guarda il video pubblicato dal New York Times.

    Israele
    Attacchi bomba
    diretti al personale diplomatico dell’Ambasciata di Israele in Georgia (Tbilisi) e in India (New Delhi). Un’automobile esplode davanti all’ambasciata israeliana a Dehli: due persone sono rimaste ferite dall’esplosione. Leggi gli articoli pubblicati dal Washington Post e guarda il video su The Guardian. Come spiega il New York Times, il governo israeliano accusa l’Iran di aver orchestrato il duplice attentato, ma Teheran nega qualsiasi coinvolgimento, ritenendo di non voler cedere alle provocazioni di Israele.


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-02-2012
  12. GRECIA - SIRIA - PROCESSO PER ATTENTATI DI BALI

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Grecia
    Violenti gli scontri tra la polizia e i manifestanti, scesi in piazza ad Atene e in altri centri (Salonicco, Corfù e Creta) per protestare contro il piano di austerità deciso dal governo Papademos e approvato ieri dal parlamento greco. Solo così la Grecia può ottenere da Ue e Fmi il pacchetto di aiuti di 130 miliardi di euro ed evitare il default. Leggi l’articolo di Reuters, i commenti pubblicati su The Guardian e la galleria di immagini. Guarda anche video.

    Siria
    Proseguono i bombardamenti su Homs: le forze militari siriane e i loro carri armati riprendono l’assedio. Fonti anti-governative denunciano che ieri sono state uccise 23 persone.
    Come riporta Reuters in questo articolo, i ministri della Lega Araba riunitisi al Cairo hanno confermato il loro sostegno politico e materiale all’opposizione siriana, ma si sono astenuti dal riconoscere ufficialmente il Consiglio Nazionale Siriano. Contro il Presidente Bashar Al-Asad è stata proposta la creazione di una missione di peacekeeping congiunta ONU-Lega Araba.
    Al-Jazeera spiega che di fronte a questo spargimento di sangue, Sergei Lavrov, il Ministro degli Esteri russo, auspica una risoluzione pacifica del conflitto attraverso il dialogo e la diplomazia.

    Indonesia
    Prima udienza del processo a Umar Patek, che sarà giudicato dal Tribunale di Jackarta. Accusato di aver confezionato gli ordigni esplosivi impiegati negli attentati di Bali del 12 ottobre 2002, che provocarono la morte di 202 persone, il presunto terrorista rischia la condanna all’ergastolo. Per approfondire, leggi l'articolo pubblicato da Le Monde e guarda il video.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 13-02-2012
  13. SCIOPERO IN GRECIA – IRAQ – CRISI IN SIRIA – LA COPERTINA DEL TIME

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Grecia

    Piano fiscale della Grecia. Secondo quanto riferito dall’International Business Time in questo articolo, è stato finalmente raggiunto l’accordo tra i leader politici sui tagli, le privatizzazioni e la contrazione degli investimenti. I due principali sindacati indicono uno sciopero generale e i lavoratori scendono in piazza per contestare le misure di austerità. L’Ue attende l’effettiva implementazione delle misure prima di disporre il pacchetto di aiuti. Leggi gli articoli pubblicati dal New York Times e da Reuters.
    Continua a seguire gli aggiornamenti live su The Guardian.

    Iraq

    Giovedì scorso i seguaci del leader sciita Muqtada al-Sadr festeggiano il ritiro definitivo delle truppe americane dal paese. Grande manifestazione a Falluja. Leggi l’articolo pubblicato da Reuters e guarda il video.

    Siria
    Secondo Al-Arabiyya, la TV di stato siriana e il Ministero della Salute hanno dichiarato che sono almeno 25 le vittime e 175 i feriti colpiti dalle esplosioni nella città di Aleppo, il centro industriale della Siria. Nel frattempo, i carri armati siriani lanciano un nuovo assalto ai quartieri di Homs. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian. Le comunicazioni con Homs sono sempre più difficili. Infatti il New York Times riferisce che gli attivisti si servono dei cellulari per registrare e caricare su Youtube i video che diffondono le immagini sull'offensiva del governo siriano.
    Le dichiarazioni di Obama sulla crisi siriana: «oltraggioso spargimento di sangue».

    Monti/USA

    Copertina del Time dedicata a Monti, «L’uomo che può salvare l’Europa e l’economia mondiale». Guarda la video-intervista pubblicata sul Time e il video dell’incontro bilaterale Obama-Monti su YouTube.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 10-02-2012
  14. TIBET - GRECIA - CRISI IN SIRIA - EGITTO

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Tibet

    I monaci tibetani si immolano ancora.
    Proseguono le manifestazioni di protesta nelle regioni del Sichuan e del Qinghai contro la repressione del governo cinese. La reazione di Pechino: come scrive The Guardian in questo articolo, il Dalai Lama e i suoi sostenitori sono accusati di fomentare e incoraggiare la moltiplicazione di tali gesti estremi. Il Tibet Post riferisce che 21 persone si sono date fuoco nel 2011 e 8 solo nel 2012. Segui il dibattito in diretta su Le Monde.

    Grecia

    Salvataggio Grecia: i leader greci non riescono a trovare l’accordo sulle riforme economiche e sulle misure di austerità indispensabili ad evitare il default. Il Ministro delle Finanze Evangelos Venizelos a Brussels per incontrare i rappresentanti della troika Ue-Bce-Fmi. Ha in mano un accordo parziale ma spera nel nuovo piano di aiuti europei. Leggi anche questo articolo pubblicato su The Guardian.

    Siria

    Il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon condanna la brutalità dei bombardamenti su Homs e la Turchia non vuole stare a guardare. Russia e Cina ostili a qualsiasi “interferenza esterna” nella crisi siriana. Sawasiah, organizzazione siriana per i diritti umani, registra l’uccisione di almeno 300 civili. Salgono a quota 1.000 i feriti in questi sei giorni di assedio.
    La Germania espelle quattro giovani diplomatici dell’Ambasciata siriana. Martedì scorso sono stati arrestati due uomini - un siriano e un tedesco-libanese - accusati di svolgere attività di spionaggio ai danni dei gruppi dell’opposizione siriana anti-asadiana residenti in territorio tedesco.
    Leggi le ultime notizie live su The Guardian, la sintesi cronologica degli eventi del New York Times e guarda il video. I vertici della Lega Araba e dell’ONU hanno stabilito di comune accordo che una nuova commissione congiunta di osservatori farà ritorno in Siria.

    Egitto

    Gli attivisti egiziani si preparano allo sciopero generale previsto per l’11 febbraio. Leggi l’articolo di Reuters. Al-Jazeera riferisce che il primo ministro Kamal el-Ganzouri ha avviato le indagini a carico delle ONG che usufruiscono di finanziamenti stranieri (soprattutto americani) e di alcune associazioni per la democrazia e la difesa dei diritti umani. Come riporta il New York Times in questo articolo, i giudici egiziani sono impegnati in un'altra inchiesta giudiziaria: 19 americani sono accusati di aver manipolato il processo di transizione politica in Egitto e di aver illecitamente raccolto informazioni riservate.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 09-02-2012
  15. CRISI IN SIRIA - ELEZIONI USA - MALDIVE

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Siria

    Assedio di Homs. Gli attivisti dell’opposizione riferiscono sul coinvolgimento di vittime civili. Guarda il video della BBC
    e leggi l’articolo apparso su Reuters. Mentre Bashar al-Asad promette riforme, la Turchia propone di riunire una conferenza internazionale sulla crisi siriana e la Russia vuole aprire un tavolo diplomatico.

    Elezioni USA

    La BBC offre una panoramica sui candidati repubblicani.
    Rick Santorum: ravvivate le speranze di Santorum, che colleziona tre vittorie elettorali in Colorado, Minnesota e Missouri. Leggi l’articolo pubblicato da Reuters e guarda il video.
    Mitt Romney:
    34.9% dei voti in Colorado. Secondo il New York Times la campagna continua con discreto ottimismo, nella prospettiva di affrontare Obama a Novembre.

    Maldive

    Mohammed Waheed Hassan, il nuovo Presidente delle Maldive, annuncia la formazione di un governo di unità nazionale. Fortemente contestato l’ex-presidente Mohamed Nasheed  – che martedì ha rassegnato le dimissioni a seguito delle proteste popolari anti-governative e dell’ammutinamento della polizia che proseguivano da settimane. Nonostante ciò, egli accusa i suoi oppositori di averlo costretto alle dimissioni con la forza. Ma il neo-eletto Hassan (vice presidente nel precedente governo Nasheed) nega le accuse di un suo coinvolgimento nel presunto “colpo di stato”. Leggi i recenti articoli pubblicati da Reuters e dalla BBC.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 08-02-2012
  16. SANZIONI ALL'IRAN - ELEZIONI USA - PALESTINA - CRISI IN SIRIA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Iran

    Nuove sanzioni finanziarie contro l’Iran. In questo articolo Reuters riferisce che domenica scorsa il Presidente USA Barack Obama ha firmato l’ordine esecutivo che ne estende la portata. La misura colpisce soprattutto la Banca Centrale dell’Iran. Verranno inaspriti i controlli sugli istituti finanziari “sospetti” che operano nel business americano; le transazioni verranno quindi bloccate e gli assets congelati.
    Il portavoce del Ministro degli Esteri iraniano replica: “le misure sanzionatorie sono destinate a fallire; la guerra psicologica non sortirà alcun effetto”. Ma la società iraniana percepisce le attuali incertezze economiche, come spiega il New York Times.

    Elezioni USA
    Romney celebra la vittoria in Nevada e dirige la sua "attack machine" verso Rick Santorum, il secondo favorito tra i candidati repubblicani. Guarda il grafico sulle «geografie politico-elettorali» pubblicato dal Washington Post.

    Palestina
    Riconciliazione tra Hamas e al-Fatah nell’incontro in Qatar. Secondo quanto riferisce il New York Times, il Presidente dell’ANP Mahmud ‘Abbas è disposto a dirigere un governo di unità nazionale incaricato di supervisionare e predisporre le elezioni presidenziali e legislative nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Per approfondire l’argomento, leggi questo articolo e guarda il video. La posizione critica di Israele su Haaretz.

    Siria
    Quarto giorno di bombardamenti su Homs. L’ambasciatore russo in visita ufficiale a Damasco. Come riporta Newsday in questo articolo, la Cina vuole combattere la violenza attraverso il dialogo. Già deciso l’invio degli ufficiali di Pechino in Asia occidentale e nei paesi nordafricani per giungere ad una soluzione politica della crisi siriana. Consulta gli aggiornamenti live.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 07-02-2012
  17. RISOLUZIONE ONU - CRISI IN SIRIA - RISCHIO DEFAULT GRECIA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    ONU
    Veto di Cina e Russia alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU sulla Siria. Per protesta, una cinquantina di dimostranti siriani e libici gettano pietre, uova e pomodori e scrivono graffiti sui muri della sede dell’ambasciata cinese a Tripoli. Intendono replicare l’azione di domenica contro l’ambasciata russa: strappare via la bandiera cinese per sostituirla con quella dell’opposizione siriana e del CNT libico. Leggi l'articolo pubblicato da Reuters e riportato da Al-Ahram online.

    Siria
    Escalation nelle operazioni militari delle forze siriane: bombardamenti su Homs, 50 morti. Leggi il blog live pubblicato su Al-Jazeera English. Guarda lo slide show e il video pubblicati da Reuters. Nabil al-Araby, Segretario Generale della Lega Araba, teme che la drammatica situazione sul campo farà scivolare la Siria verso la guerra civile.
    Come riporta Le Monde in questo articolo, gli Stati Uniti hanno chiuso gli uffici dell’ambasciata americana a Damasco, mentre l’ambasciatore britannico in Siria è stato richiamato a Londra per una consultazione.

    Grecia – Crisi
    dell'eurozona
    Fallisce la riunione sui sacrifici richiesti alla Grecia dalla troika Ue-Bce-Fmi. Il tempo stringe: il paese verso il default nonostante i tagli alla spesa pubblica annunciati domenica dal governo Papademos. Leggi l’articolo pubblicato su The New York Times  e segui gli aggiornamenti live su The Guardian.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 06-02-2012
  18. EGITTO - FACEBOOK A WALL STREET - HAMAS - ELEZIONI USA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Egitto
    La strage allo stadio di Port Said. Almeno 73 morti e centinaia di feriti. Questo video pubblicato su The Guardian raccoglie le opinioni e le testimonianze degli egiziani. La difficile transizione politica post-Mubarak si riflette nel sanguinoso derby cairota.
    Al-Jazeera riferisce che il Parlamento neo-eletto ha convocato una riunione di emergenza; il capo del Consiglio supremo delle forze armate Mohamed Hussein Tantawi assicura che le vittime saranno risarcite. 4 dimostranti ultras sono stati uccisi dalla polizia nel corso delle proteste e degli scontri verificatisi al Cairo nei pressi del Ministero dell'Interno.

    Facebook
    Il maggiore social network del mondo sarà quotato a Wall Street. Mega IPO
    . Ma cosa cambierà per gli utenti di Facebook? Leggi l'analisi pubblicata dalla BBC.

    Hamas
    Domenica scorsa la storica visita ufficiale del leader di Hamas nella capitale giordana. Khaled Meshaal, in esilio dal 1999, rientra nel paese anche grazie alla mediazione del Qatar. Un possibile punto di svolta nelle relazioni politico-diplomatiche tra la Giordania e il movimento islamico? Leggi l’articolo pubblicato su France24.
    Come riporta il New York Times in questo articolo, il governo iraniano ha bloccato i finanziamenti ad Hamas per il suo mancato sostegno al principale alleato arabo dell'Iran, la Siria. Intanto, sembra che Hamas stia tentando la riconciliazione con il movimento palestinese al-Fatah.

    Elezioni USA

    Le élite finanziarie americane hanno scelto il candidato repubblicano Mitt Romney, vincitore delle elezioni primarie di martedì scorso in Florida con il 46% dei voti. Anche Donald Trump lo sostiene. All’avversario Gingrich rimane la chance di consolidare il voto dei conservatori, come spiega questo articolo del Washington Post.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 03-02-2012
  19. AFGHANISTAN - CRISI IN SIRIA - LONDRA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Afghanistan

    Secondo un nuovo rapporto segreto della NATO, i Talebani – forti del sostegno di una parte della popolazione e dei presunti legami con l’intelligence pakistana – intendono riacquisire il controllo del paese e rifiutano le proposte di negoziato che la comunità internazionale e gli Stati Uniti vorrebbero mettere in campo per pacificare l’Afghanistan. Oggi e domani gli alleati NATO si incontrano a Brussels. È in discussione il piano USA per l’interruzione definitiva delle operazioni nel 2013.
    Il Segretario della Difesa statunitense Leon Panetta annuncia che entro il 2014 le autorità militari afghane saranno in grado di gestire la sicurezza nazionale in completa autonomia. Ciò sembra confermato da un sondaggio ONU, come spiega questo articolo pubblicato su Fox News. Leggi anche le notizie pubblicate da Reuters e France24.

    Siria
    Come riferiscono le emittenti Al-Jazeera e Al-Arabiya, Hillary Clinton, il primo ministro del Qatar e il Segretario generale della Lega Araba hanno sollecitato il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ad adottare con urgenza una risoluzione che rispetti il piano di pace concordato e che costringa il Presidente siriano Bashar Al-Asad a lasciare le redini del potere. Questo video amatoriale pubblicato dal The Telegraph documenta la prosecuzione degli scontri ad Homs e l’adesione di alcuni disertori alle azioni di protesta dei ribelli.

    Mentre si parla del possibile veto di Russia e Cina - più favorevoli al dialogo con il governo siriano che all’attuale politica delle sanzioni - l’incontro dei Ministri degli Esteri della Lega Araba sulla crisi siriana slitterà all’11 febbraio. Guarda l’intervista di France 24 ad Anwar Malek, ex-membro della delegazione degli osservatori della Lega Araba in Siria.

    Londra

    Un articolo apparso sul Time riferisce che mercoledì quattro cittadini britannici hanno confessato di aver preso parte all’organizzazione di un piano terroristico volto a diffondere il terrore e a causare danni economici alla città di Londra. Progettavano di piazzare una bomba al London Stock Exchange e di far esplodere degli ordigni contro alcuni bersagli di «alto profilo».
    Gli altri cinque imputati hanno ammesso che il complotto “Mumbai-style” sarebbe dovuto entrare in azione nel Natale 2010. I potenziali attentatori si ispiravano ad una rivista di al-Qaeda e agli insegnamenti di un leader qaedista di origine saudita.
    Per approfondire, leggi l’articolo pubblicato su The Guardian e guarda il video della BBC.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 02-02-2012
  20. IRAQ – SIRIA – COREA DEL NORD - RUSSIA 

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Iraq

    Sono almeno 63 le vittime e 176 i feriti coinvolti nella serie di attentati dinamitardi che giovedì mattina hanno colpito tredici distretti di Baghdad. Come riferiscono Al-Jazeera English e il New York Times, gli attacchi terroristici evidenziano l’acuirsi della violenza settaria e delle tensioni politiche interne al paese.
    Un recente articolo pubblicato sul Daily Telegraph sottolinea che la crisi politica irachena è ancora in atto. Infatti, a pochi giorni dal ritiro definitivo delle truppe statunitensi, avvenuto il 18 dicembre scorso, il primo ministro Nuri Al-Maliki minaccia di estromettere il blocco sunnita dalla coalizione di governo e chiede al Kurdistan di riconsegnare alla giustizia irachena Tariq al-Hashimi, leader sunnita appartenente al gruppo rivale Iraqiya e attuale vicepresidente dell’Iraq.

    Siria

    La Siria ha firmato il protocollo della Lega Araba che autorizza l’ingresso nel paese di un gruppo di osservatori esterni incaricati di monitorare l’effettiva applicazione del piano di pace concordato con il governo di Bashar al-Assad. Leggi gli articoli pubblicati da Reuters e dalla BBC e consulta gli ultimi aggiornamenti live su The Guardian. Al-Akhbar English si chiede se il governo autorizzerà l’accesso dei media e dei giornalisti stranieri.
    Il Consiglio Nazionale Siriano (Syrian National Council) si è riunito il 16 dicembre a Tunisi per inaugurare il primo congresso ufficiale delle forze di opposizione siriane. Inoltre, secondo quanto riferito da Deutche Welle, il SNC intende guidare un eventuale processo di transizione politica e chiede alla diplomazia internazionale di essere ufficialmente riconosciuto come legittimo rappresentante del governo d’opposizione in esilio.

    Corea del Nord
    Dopo la morte improvvisa di Kim Jong-il, la crisi alimentare in Corea del Nord rischia di aggravarsi. Il World Food Programme e alcune ONG internazionali lanciano l’allarme. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian.
    Reuters riferisce che il primo ministro giapponese Yoshihiko Noda incontrerà a Pechino il Presidente Hu Jintao e il premier Wen Jiabao. Il prossimo summit verterà sulla stabilizzazione della penisola coreana, sulla ripresa del dialogo con la Corea del Nord e sui piani di denuclearizzazione progressiva del paese. Come spiega l’International Herald Tribune in questo articolo, anche gli Stati Uniti vorrebbero rafforzare le relazioni con Pyongyang grazie al supporto strategico della Corea del Sud, il principale alleato americano nella regione.

    Russia
    Nel suo discorso annuale all’Assemblea Federale, il Presidente russo Dmitry Medvedev annuncia una completa riforma del sistema politico ed elettorale. Come riporta la CNN in questo articolo, le nuove decisioni del Cremlino sono probabilmente dettate dalla necessità di placare il malcontento popolare seguito alle recenti elezioni parlamentari. Ma le proteste di piazza continuano.
    Leggi gli articoli di Itar-Tass e del quotidiano Le Monde; guarda anche il video di Euronews.


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-12-2011
  21. DANIMARCA - LIBIA - MESSICO - SIRIA 

     Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

    Danimarca
    Per la prima volta nella sua storia politica, la Danimarca avrà un primo ministro donna. La socialdemocratica Helle Thorning-Schmidt, leader della coalizione di centro-sinistra, ha vinto le elezioni. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian e guarda il video di Euronews.


    Libia
    Sarkozy e Cameron accolti «da eroi» in Libia, promettono di fare pressioni per ripristinare gli assets libici che erano stati congelati dalle sanzioni ONU contro il colonnello. Intanto continuano i bombardamenti NATO nelle città protagoniste della resistenza pro-gheddafi (Sirte, Bani Walid e Sabha). Guarda il video e leggi l’articolo pubblicato da Reuters. 

    Il «tour nordafricano» della Turchia: il primo ministro turco Erdoğan a Tripoli. Cina e Russia temono i costi economici del loro appoggio al CNT libico. Leggi Al-Arabiya English, che riporta integralmente l’articolo pubblicato da Reuters.


    Messico
    Nuevo Laredo, Messico. I corpi torturati di un uomo e una donna impiccati ad un ponte pedonale: questa è la risposta dei narcotrafficanti messicani agli utenti dei social media che denunciano la guerra dei cartelli della droga. Gli autori degli omicidi hanno lasciato un cartello di minacce per intimidire gli «spioni di Internet». Leggi l’articolo pubblicato sul blog del New York Times e guarda il video della CNN. 


    Siria
    Come riferisce il Now Lebanon, il 15 settembre il colonnello Hussein Harmoush, che aveva abbandonato l’esercito dopo la defezione dello scorso giugno, confessa alla televisione siriana di essere stato segretamente contattato dalle opposizioni (inclusi i Fratelli Musulmani). Gli avrebbero promesso armi di contrabbando e il supporto finanziario e logistico per aiutare i civili siriani disarmati. Leggi anche l’articolo pubblicato su The Guardian.

     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 16-09-2011
  22. L'INONDAZIONE IN PAKISTAN - SIRIA - IRAN - L'ATTACCO A KABUL

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    Pakistan
    Nuove inondazioni in Pakistan. Dopo cinque settimane di piogge
    monsoniche, alcune regioni meridionali del paese (localizzate nella
    provincia di Sindh) sono state completamente devastate. 270 morti. Le autorità governative pakistane hanno stimato che da 5 a 10 milioni di persone stanno subendo le conseguenze della catastrofe naturale. Leggi l’articolo pubblicato su BBC News e guarda il video-notiziario curato da Frédéric Bobin, corrispondente di Le Monde. Come spiega The Guardian, il governo nazionale preferisce rimandare la proclamazione dello stato d’emergenza, ma in tal modo rischia di compromettere l’operatività dei canali di distribuzione degli aiuti umanitari internazionali.

    Siria

    Come uscire dall’«empasse politica siriana»? L’articolo pubblicato su The Guardian riferisce che gli ambasciatori americano e britannico a Damasco e altri diplomatici stranieri in Siria si sono uniti in una veglia di solidarietà per onorare gli attivisti e i manifestanti pacifisti presumibilmente torturati e assassinati dalle forze di sicurezza siriane nel corso delle proteste anti-governative. Leggi il Global Security Blog di Julian Borger e il blog ‘Printemps Arabe’ su Le Monde.

    Iran

    Le previsioni del presidente iraniano Ahmadinejad sull’imminente
    rilascio dei due detenuti americani Shane Bauer e Josh Fattal –
    condannati il mese scorso a otto anni di carcere con l’accusa di
    ingresso illegale in Iran e spionaggio a favore degli USA - sono
    state smentite dalle autorità giudiziarie.  Guarda il video dell’intervista televisiva ad Ahmadinejad e leggi l’articolo pubblicato sul New York Times.

    Afghanistan

    I possibili retroscena dell’attacco talebano a Kabul. Come riporta
    l’articolo pubblicato su Le Monde, il Segretario americano alla Difesa, Leon Panetta, sospetta che la rete terroristica pachistana degli Haqqani sia responsabile dell’aggressione. Il punto di vista afghano sulla vicenda: leggi l’analisi dell’Afghanistan Analysts Network.
     



    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-09-2011
  23. CASO MURDOCH - KABUL - LIBIA -  MOVIMENTO VERDE

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

     

    Caso Murdoch
    Lo scandalo News International: il nuovo materiale probatorio
    scoperto dall’editore News of the World viene allegato agli atti del processo. James Murdoch dovrà comparire ancora una volta davanti al comitato parlamentare britannico. Leggi l’articolo pubblicato da Reuters. Come spiega The Guardian in questo articolo, la madre di una vittima degli attacchi terroristici del 2005 a Londra ha fatto causa al gruppo mediatico News Corp accusando il giornale News of the World di aver assoldato un detective privato che avrebbe intercettato illegalmente le telefonate del figlio.  
     


    Kabul
    A Kabul le autorità afghane guidate dalla NATO assaltano e uccidono i sei ribelli talebani che avevano lanciato attacchi coordinati contro l’ambasciata USA, il quartier generale della NATO e gli edifici della polizia. Leggi l’articolo pubblicato dalla BBC  . Come riferisce Al-Jazeera English in questo articolo,
    il presidente afghano Karzai ha condannato gli attacchi terroristici e ha dichiarato di sostenere il normale processo di transizione verso un sistema di sicurezza gestito direttamente dalle forze afghane. Segui gli aggiornamenti di Guardian World su twitter.



    Libia
    La Cina, ultimo membro permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU ad aver ufficialmente riconosciuto  il Consiglio Nazionale di Transizione, annuncia di appoggiare i nuovi leader libici in qualità di legittimi rappresentanti dell’apparato governativo nazionale. Leggi l’articolo pubblicato dal Washington Post. Come riferisce l’articolo di Gillian Wong (AP)  pubblicato sul Timesonline, il CNT rassicura Pechino: i trattati e gli accordi bilaterali siglati prima del rovesciamento di Gheddafi saranno mantenuti. 

     


    Movimento verde
    Questa settimana saranno rispettivamente celebrati il 40° anniversario della nascita di Greenpeace e Friends of the Earth e il 50° anniversario del WWF. Leggi l’articolo pubblicato su The Guardian ed esplora la mappa interattiva.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-09-2011
  24. NUCLEARE - ANCORA TURCHIA - NAIROBI

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    Nucleare, l'esplosione in Francia
    Il 12 settembre scorso l’esplosione mortale all’interno di una fornace per lo stoccaggio di rifiuti radioattivi nel sito nucleare di Marcoule (Rhône dans le Gard, Francia): il bilancio dell’incidente è di un morto e quattro feriti, uno in gravi condizioni.
    Leggi la cronaca scientifica sul blog di Sylvestre Huet, giornalista di Libération Science e guarda la video gallery di Reuters.
    Una visita guidata a Marcoule: il reportage grafico del fumettista Julien Revenu.
    Allarme dai gruppi ecologisti francesi, che chiedono informazioni trasparenti e in tempo reale sulle possibili conseguenze sanitarie e ambientali. Segui il dibattito su twitter. In Italia l’ISPRA, in qualità di autorità nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, ha confermato la mancanza di contaminazione nucleare seguita all’esplosione.

     

    Nucleare: nuova centrale in Iran
    L’AEOI (Atomic Energy Organization of Iran) ha celebrato l’inaugurazione ufficiale della centrale nucleare di Bushehr, situata nella zona costiera sudorientale del paese, sul Golfo Persico. Leggi l’articolo su MehrNews. Come riferisce questo articolo di Al-Jazeera English, lo spettro delle armi nucleari e il desiderio di sovranità tecnologica dell’Iran potrebbero preoccupare gli Stati Uniti. 


    Turchia - Israele - Egitto

    Turchia solidale con l’Egitto post-Mubarak. Il Cairo è la prima tappa del tour nordafricano del primo ministro Erdoğan. Leggi l’articolo e guarda il video su Al-Jazeera English.
    L’alleanza diplomatica turco-egiziana per isolare Israele è desiderabile ma ancora speculativa. Vedi l’articolo pubblicato da Reuters.
     

    Nairobi
    Grave incendio a Sinai Lunga Lunga, villaggio della zona industriale di Nairobi (Kenya), provocato da una perdita di benzina nell’oleodotto di congiunzione tra Mombasa-Nairobi e Nairobi-Eldoret. 160 feriti e oltre 100 morti.  Leggi l’articolo pubblicato dalla BBC riferisce che le Nazioni Unite hanno inviato un messaggio di condoglianze ai familiari delle vittime e agli abitanti sopravvissuti alla tragica esplosione.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 13-09-2011
  25. 11/09 - RUSSIA - TURCHIA/ISRAELE - PALESTINA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    11/09
    Ricordare l’11 settembre attraverso lo sguardo dei registi americani. Reuters fa una rassegna dei primi dieci film e documentari americani che hanno rappresentato la tragedia del World Trade Center sul grande schermo.
    Michael Moore, regista del film-documentario Fahrenheit 9/11(2004), annuncia l’uscita del suo nuovo libro Here Comes Trouble: Stories from My Life. Vedi l’anteprima del Washington Post.

     

    Russia
    Il presidente russo Dmitry Medvedev sulla scena del disastro aereo che ha coinvolto uno Yak-42 il 7 settembre scorso nei pressi di Yaroslav, sul fiume Volga. 43 vittime e 2 persone gravemente ferite. Leggi l’articolo pubblicato su BBC News. Come riferisce Reuters, i tifosi del Lokomotiv Yaroslavl rendono omaggio alle vittime. Leggi anche l’articolo pubblicato sul Times LIVE.

     

    Turchia/Israele
    Il primo ministro turco Erdoğan mantiene la linea dura nei confronti di Israele. Una questione d’onore? Le opposizioni criticano la politica estera turca definendola una “clamorosa sconfitta”. Per approfondire, leggi l’articolo pubblicato su Hurriyet.
    Le responsabilità israeliane nella crisi dei rapporti bilaterali. Visita il blog di Donniel Hartman e leggi l’articolo di al-Jazeera English .

     

    Palestina
    Mahmud ‘Abbas, presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese, chiederà all’Assemblea Generale dell’ONU (che si riunirà il prossimo 21 settembre) di riconoscere ufficialmente la sovranità di un futuro Stato palestinese. Il quotidiano cairota El-Fagr pubblica un articolo di Haaretz che preannuncia la possibile ridefinizione dei ‘porosi’ confini israeliani e degli interessi strategici americani nell’area.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 08-09-2011
  26. TURCHIA e ISRAELE: E' CRISI - LA MARCIA IN POLONIA - IL CASO DI KATE OMOREGBE

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    La guerra diplomatica turca per isolare Israele. Una strategia “lose-lose”?

     

    I rapporti diplomatici e di cooperazione militare tra Israele e Turchia sono in aperta crisi. Gabby Levy, ambasciatore israeliano in Turchia, è stato espulso dal paese lo scorso 2 settembre. Ankara reagisce così al rapporto ufficiale delle Nazioni Unite sull’incidente della Gaza Flotilla (pubblicato integralmente dal New York Times), dove viene giustificata e legittimata l’imposizione del blocco navale su Gaza ma viene denunciato l’uso “eccessivo e irragionevole” della forza da parte di Israele. Haaretz ribadisce che il governo israeliano si rifiuta di porgere formali scuse al governo turco e non intende garantire alcuna compensazione alle famiglie delle vittime coinvolte nell’assalto. Inoltre, secondo quanto riferito da Reuters, gli Stati Uniti temono che l’attrito fra le due grandi potenze regionali possa vanificare i tentativi di mediazione internazionale messi in atto per “normalizzare” e pacificare lo scacchiere mediorientale, ormai travolto dalle spinte rivoluzionarie e dalle tensioni politiche che premono lungo i confini di Israele (Palestina, Siria).   

     

    La “Marcia dell’Unità” in Polonia

     


    La profanazione di monumenti commemorativi e dei luoghi di culto ebraici, insieme alle intimidazioni rivolte alle minoranze musulmana e lituana non passano inosservati.
    Come riferito dal Washington Post, oltre 100 persone hanno preso parte alla “Marcia dell’Unità” di Bialystok (Polonia), organizzata da alcuni dirigenti del partito di governo Platforma Obywatelska (PO) (“Piattaforma Civica”) lo scorso 4 settembre per protestare contro i recenti episodi di razzismo e anti-semitismo. Dal centro città i manifestanti  hanno raggiunto pacificamente e in silenzio il simbolico monumento dell’ebreo polacco Ludwik Zamenhof, ideatore dell’Esperanto. Nonostante la contro-manifestazione di matrice nazionalista, è stata promossa una raccolta di firme per sottoscrivere un manifesto di dura condanna al vandalismo filo-nazista.

     

    Campagna e sit-in contro la lapidazione di Kate


    La storia di Kate Omoregbe  cattolica nigeriana di 34 anni ancora detenuta nel carcere di Castrovillari. L’appello rivolto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per salvarla dalla condanna alla lapidazione. Vedi anche il video di RaiNews24

     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 05-09-2011
  27. NORVEGIA: STRAGE POLITICA O FOLLIA OMICIDA?  

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    Il 22 luglio in Norvegia è un giorno di lutto.
    Le vittime di Anders Behring Breivik, fondamentalista cristiano, sono 76: 8 per l'autobomba nel centro di Oslo, 68 sull'isola di Utoya. Qui le foto e la testimonianza dei sopravvissuti al massacro avvenuto al raduno dei giovani del Partito Laburista norvegese.

     
    Il terrorista aveva diffuso in rete 1500 pagine di follia omicida: l’odio si declina nell’anti-multiculturalismo, nell’opposizione all’Iran e ai principi marxisti. Qui http://www.twitvid.com/EXJWW il video manifesto del killer. Sembra che le teorie di Breivik siano state influenzate da alcuni blogger americani: il New York Times indaga.

     

    Mentre la stampa internazionale mette la lente d’ingrandimento sulla Norvegia e il suo sistema di sicurezza in Italia scoppia la polemica. L’europarlamentare Mario Borghezio, Lega Nord, afferma di condividere le idee del terrorista norvegese. Il tema dell’ascesa dell’estrema destra non può più essere ignorato. La strage in Norvegia: gesto folle o crimine ideologico? La prospettiva di Arianna Ciccone

     

    Ecco gli ultimi aggiornamenti dei fatti.


     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 26-07-2011
  28. IRAN/NUCLEARE - GENOVA 2001/2011 - SPIDER TRUMAN E LA CASTA

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    Quando l’informazione si tenta dal basso: La casta el’Assange italiano


    L’Indipendent  e il Financial Times  raccontano l’Assange italiano: Spider Truman svela i segreti della casta su una pagina Facebook
    Qui la pagina Facebook che ha travolto la classe politica italiana  e la dura critica di Arianna Ciccone


    Energia: l’Iran e il nucleare


    Mentre l’Europa dice no al nucleare, dopo l’effetto Fukushima, l’Iran decide di andare in controtendenza , allarme per le potenze occidentali. Qui la notizia dal New York Times
    e dalla BBC

    Rivoluzioni vecchie e nuove


    Genova: dieci anni (http://www.genova2011.org/) dopo. La città ricorda quei giorni che sconvolsero il mondo: qui tutte le iniziative, i video, le foto.


    Una raccolta di post firmati da chi a Genova c’era : “Io ricordo”
    Il movimento No Global , protagonista del G8 2001: da allora le rivoluzioni sono cambiate? Cosa accomuna “indignados” spagnoli e attivisti no global? Un’analisi di El Pais


    Naomi Klein, autrice del bestseller No Logo, ripensa al movimento che voleva cambiare il mondo. Qual è il suo destino? Leggi qui

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 22-07-2011
  29. MEDIA - TV E ANCORA RIVOLUZIONI

    Articoli e segnalazioni dalle redazioni di Reset e CaffèEuropa

     

    Spagna. Migliaia di "indignados" da qualche giorno agitano le piazze di Madrid e protestano contro la crisi e la corruzione del sistema politico. Guarda la diretta da Puerta del Sol

     

    Guarda anche le foto della manifestazione in Spagna

     

    Al Gore a Roma ha appena annunciato ch Sky dal prossimo agosto non trasmetterà più i programmi di Current, il canale da lui fondato. Si tratta di una ritorsione? Leggi i dettagli

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 19-05-2011
  30. LA MORTE DI OSAMA BIN LADEN

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Osama Bin Laden è stato ucciso nella scorsa notte (2 maggio 2011) ad Abbottabad in Pakistan. Anche se la pubblicazione delle prime foto del cadavere sono risultate false la notizia della morte è stata presto confermata. Leggi l’articolo e guarda i video pubblicati dal Washington Post

    Sohaib Athar è la persona che in diretta (e inconsapevolmente) ha raccontato su Twitter  l’operazione in corso a Abbottabad, insospettito dagli strani e insoliti movimenti di elicotteri sulla zona.

     

    Chi ci sarà dopo di lui? Al Jazeera analizza la situazione poche ore dopo la morte di Osama Bin Laden

     

    La circolazione su siti internet e social network di immagini e notizie popolari come quella della morte di Osama Bin Laden aumenta il pericolo che gli hacker riescano a entrare nei computer degli utenti per rubare dati e informazioni personali. Attenzione, quindi, ai così detti “cavalli di troia”


    Fox parla della morte di Osama confondendo il nome con quello del Presidente Obama. Guarda il video della gaffe del giornalista americano


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 02-05-2011
  31. BOMBA A MARRAKECH - CANALE ISTANBUL - FOTOVOLTAICO E NEW JERSEY

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Marrakech: un’esplosione in un caffè della piazza Jamaa el-Fnadi ha provocato circa 15 morti e decine di feriti tra cui molti europei. Il ministro dell’interno marocchino ha dichiarato a Al Arabiya TV  che si probabilmente si tratta di un atto terroristico e criminale.



    Il premier turco Recep Tayyip Erdogan, alla vigilia delle prossime elezioni legislative previste per il 12 giugno, parla del suo piano “pazzo e magnifico” di costruire il Canale Istanbul sul Bosforo per alleggerire il traffico quotidiano di navi.



    Libia: è il momento di rendere i diritti umani una realtà. E’ il titolo del rapporto diffuso in questi giorni da Amnesty International nel quale vengono descritte le conclusioni della recente missione dell’organizzazione nel paese.


    Una sentenza della Corte Ue vieta all’Italia di punire con il carcere i migranti irregolari. Leggi i dettagli

    Utili si, ma belli no. Nelle strade del New Jersey, paese in cui grazie agli incentivi finanziari e a un forte impegno politico pubblico il settore delle energie rinnovabili è fortemente sviluppato, i pannelli solari sono “un pugno in un occhio”

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 28-04-2011
  32. VELO - COSTA D'AVORIO - TERREMOTO - RIFUGIATI

    La Francia dice NO al volto coperto in pubblico. Lunedì è entrata in vigore la legge anti - velo approvata lo scorso ottobre. Nella stessa giornata sono scattate anche le prime proteste e i primi arresti. Leggi gli approfondimenti e guarda le immagini

    Dopo l’arresto di Laurent Gbagbo, ex presidente della Costa D’Avorio,inizia l’era di Alassane Outtara. Questo il suo ritratto fatto dalla CNN. Nel suo discorso di ieri ha parlato di “procedura giudiziaria contro Laurent Gbagbo”. Guarda il video sul suo sito ufficiale


    A un mese dal tragico terremoto che ha sconvolto il Giappone, la terra torna a tremare .
    Intanto L'agenzia giapponese per la sicurezza nucleare ha innalzato al livello massimo di 7 la classificazione dell'incidente nucleare alla centrale di Fukushima seguito al terremoto e allo tsunami dell' 11 marzo


    Dopo gli accordi presi con la Tunisia iniziano i rimpatri dei migranti che si invece si ribellano e  vorrebbero raggiungere la Francia. In totale ci sono più di 448.000 rifugiati, di diverse nazionalità. Guarda i dettagli nella mappa

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 12-04-2011
  33. PLUTONIO - FUTURO VERDE - GIORNALISMO

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Da qualche giorno a Fukushima si ragiona sui rischi del plutonio e le sue caratteristiche, dopo che la Tokyo Electric Power Company (Tepco) ha rilevato molte tracce nel terreno. Leggi l’approfondimento sul Guardian


    Per spiegare ai bambini il dramma nucleare che si sta consumando in Giappone arriva un cartone animato

    Dopo il voto di domenica in Germania i verdi potrebbero diventare la vera sinistra alternativa. Un vero e proprio “contro partito”. L’economist si domanda se davvero ci sarà e un futuro più verde


    Bye Bye free news. E’ finita l’era della fruizione dei contenuti gratis per i quotidiani on line.



    Giuliano Ferrara e Alexander Stille: conflitti di interesse e conflitti di stile. Ecco la risposta del collaboratore di Repubblica al direttore de Il Foglio

    Continua a leggere >>

    Scritto da Rese il 01-04-2011
  34. TV - SOCIAL NETWORK - RIVOLUZIONE

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     


    E’ finita l’era delle famiglie riunite davanti alla “scatola” della tv, dice Jane Wakefield sul sito della BBC, è arrivata l’epoca della social tv, una sintesi tra televisione e social network



    Grazie a un radioamatore olandese si possono seguire su Twitter le informazioni sugli spostamenti degli aerei da guerra impegnati Libia.



    La rivoluzione araba digitale. Oggi in diretta su Altratv.tv
    una trasmissione in memoria di Mohammad Nabous detto Mo, blogger libico espressione del citizen journalism del nord-Africa ucciso in diretta streaming il 19 marzo a Bengasi per aver denunciato sul web il regime di Gheddafi A seguire la trasmissione anche alcune testate italiane


    “Dall’innovazione alla rivoluzione”. Social media e proteste. E’ questo un binomio vincente? Sul sito di Foreign affairs gli approfondimenti di Malcolm Gladwell e Clay Shirky Guarda anche la video intervista a Malcolm Gladwell su questi temi.

     

    Vincenzo Nigro su Repubblica.it spiega i dettagli della messa in scena del regime a sostegno della tesi che un missile della coalizione abbia colpito una casa provocando morti tra i civili.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 25-03-2011
  35. ANCORA PROTESTE - LIBIA/NATO - AMBIENTE

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

     

    Trafalgar Square come Piazza Tahrir: questo l’obiettivo della protesta degli studenti attivisti inglesi che stanno organizzando una manifestazione di 24 ore contro i tagli del governo e per dimostrare solidarietà ai popoli della Libia, dell’Egitto, del Wisconsin e a tutti quelli che “combattono per uguaglianza, libertà e giustizia”

     

    Oliver Roy, il politologo francese di cui è previsto un intervento oggi a una delle conferenze di  “Cattedra del Mediterraneo”il ciclo di incontri organizzati a Milano, sostiene la tesi che i ribelli in Libia appartengono a una  generazione post-islamista e che quindi non vedono nell’Islam la soluzione per un mondo migliore

     

    Le operazioni europee durante la guerra in Bosnia potrebbero servire da esempio per l’attuale situazione in Libia. Oggi entra in scena la Nato, e Rasmussen punta il dito contro Francia e Germania

     

    I giornalisti del New York Times liberati dopo 6 giorni raccontano
    la loro storia: dopo aver attraversato il confine con l'Egitto, l’autista inavvertitamente, si è spinto in un posto di blocco del territorio libico controllato dai ribelli.

     

    E’ stata celebrata ieri la giornata mondiale dell’acqua. Abbiamo già sfruttato il 50% di quella disponibile, dove andremo a finire?

     

    Forse a Fukushima si poteva fare di più per evitare il disastro nucleare che si sta abbattendo sul Giappone e sul mondo. Sono stati ignorati, infatti gli studi effettuati negli ultimi mesi sulle tecnologie di raffreddamento per le centrali nucleari. Leggi l’articolo di approfondimento su Wall Street Journal


     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-03-2011
  36. LIBIA - REFERENDUM IN EGITTO - MINACCIA RADIAZIONI

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Michael Walzer oggi su Dissent magazine spiega i “diversi” motivi che spingono a parlare di un intervento sbagliato in  Libia

     

    Il New York Times annuncia il rilascio dei 4 giornalisti che erano stati catturati sei giorni fa dalle truppe di Gheddafi

     

    Al referendum in Egitto sul pacchetto di riforme costituzionali proposto da un Comitato di saggi insediato dal Consiglio militare supremo vince il “si”.  Il 77,2% ha votato a favore, decretando così le elezioni alla fine dell’anno. I “no” ammontano al 22,8%
     

    Anche se si cerca di evitare allarmismi, il portavoce del governo di Tokyo Yukio Edano, dichiara sospesa la vendita di spinaci e altre verdure provenienti dalle quattro prefetture - Ibaraki, Tochigi, Gunma e Fukushima – in cui sono risultate anomale le registrazioni dei livelli radioattivi. Qui l’approfondimento del Wall Street Journal
     

    Yukiya Amano, capo internazionale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica afferma con convinzione che la crisi nucleare in corso in Giappone sarà presto superata
     

    Sul sito dell’ENEA informazioni e approfondimenti sulle conseguenze del rilascio radioattivo


     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-03-2011
  37. ITALIA –EUROPA – ENERGIE ALTERNATIVE

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Nel giorno della celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, il nostro paese si divide sul nucleare

     

    Sanyo raddoppierà la produzione del fotovoltaico in Ungheria destinata al mercato europeo 
     


    Dopo aver pubblicato anche un video “alternativo” allo spot sul nucleare in Italia, Greenpeace continua la lotta alla costruzione di reattori in Italia 


     
    Amedeo Balbi astrofisico, membro dell’International Astronomical Union e ricercatore all'Università di Roma Tor Vergata, sul suo blog spiega “quello che sa” sul nucleare e cosa sta succedendo a Fukushima 
     


    A seguito della preoccupante situazione in Giappone Il Wall Street journal parla di nuovi rischi per il recupero globale

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 17-03-2011
  38. POST TSUNAMI - NUCLEARE – ECONOMIA

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Il Giappone verso un’economia stagnante? Sul Wall Street Journal un articolo sui problemi economici esistenti nel paese già prima del disastro

     

    La Cina e la frenesia nucleare. Le centrali nucleari servono a soddisfare la crescente domanda di energia elettrica e diminuire le emissioni do gas serra che, nei prossimi trent’anni, potrebbero raggiungere quelle prodotte dagli Usa durante tutta la loro storia

     

    Dopo un lunedì nero per Tokyo, che ieri ha chiuso a -6,2%, anche le borse occidentali accusano il colpo-terremoto


    Come annunciato ieri la Germania ferma 7 reattori

     

    Tohoku Electric Power Co. Annuncia che, per aiutare la costa nordorientale del Giappone bisogna razionalizzare l’energia

     

    Curiosità:
    Un sondaggio pubblicato dal Guardian rivela che gli europei sono liberali, ansiosi e soprattutto credono poco ai loro politici. Infatti solo il 6% in tutta Europa dice di avere grande fiducia nel proprio governo, il 46% dice di non averne molta e il 32% non ne ha per niente. Solo il 9% pensa che i suoi politici – al governo o all’opposizione che siano – agiscano con onestà e integrità

     

     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-03-2011
  39. EUROPA: AMBIENTE E NUCLEARE

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    La politica climatica dell’Europa: la commissione europea fissa gli obiettivi da raggiungere entro il 2050 circa la riduzione delle emissioni. Sull’Economist un approfondimento sulla questione.
     


    L’International Atomic Energy Authority dichiara che il 20% delle 442 centrali nucleari attive nel mondo si trova in area ad alto rischio sismico e, a fronte di quello che il terremoto sta causando in questi giorni nelle centrali nucleari in Giappone  i gruppi di pressione e gli ambientalisti chiedono a USA, India, Cina, Turchia e Indonesia di  rivedere i loro piani per la costruzione di nuovi impianti. Leggi l’articolo pubblicato sul Guardian


     
    “L’Europa non è il Giappone” dice il commissario Ue all’Energia Günther Oettinger, ma esorta i paesi dell’Ue che utilizzano l’energia nucleare a controllare gli standard di sicurezza degli impianti più vecchi, non escludendo la possibilità di chiudere queste centrali

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-03-2011
  40. TSUNAMI IN GIAPPONE - COLPITE ANCHE LE HAWAII. PAURA PER LE COSTE DEL PACIFICO, L'AMERICA E L'ALASKA. Guarda il video

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Trema il Giappone. Il più forte terremoto degli ultimi 140 anni con una magnitudo pari a 8.9 della scala richter ha colpito oggi la costa nordorientale giapponese, provocando anche un' onda anomala di 10 metri.

    Ecco il video

     

    Il Pacific Tsunami Warning Center allerta i paesi che si affacciano sul Pacifico: Asia, Nuova Zelanda e Sud America. Preoccupazione anche per gli stati americani di California, Oregon, Hawaii e Alaska.
    Leggi gli aggiornamenti dell' Hawai News Now

    A poche ore di distanza dallo tsunami che ha devastato la costa del Giappone, anche l’arcipelago delle Hawaii è stato raggiunto da una serie di onde anomale. Sul sito della BBC anche una cartina in cui sono segnalti i possibili orari in cui lo tsunami potrebbere raggiungere altri paesi

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 11-03-2011
  41. EGITTO, GHEDDAFI E ANCORA DONNE

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     


    Al via oggi la seconda edizione del “Women in the World Stories and Solutions summit” organizzato da The Daily Beast e Newsweek. Aalla serata di apertura sara presente anche la femminista egiziana Nawal El Saadawi. Leggi tutti i dettagli dell'iniziativa promossa da Tina Brown



     
    La Stampa apre una piazza virtuale dedicata all’universo femminile.
    Leggi le notizie e i commenti alla portata di tutte le donne

     

     
    Maurizio Molinaro, inviato de La Stampa, racconta i rapporti tra Libia e Italia e come Gheddafi ha “messo i paraocchi all’Italia”
     

     
    Saif al-Qaddafi  come Michael Corleone? Le ragioni del “figlio buono”.
    Benjamin Barber and the Devil We Know

    Sulla questione Foreign Policy ha intervistato Benjamin Barber 
     


    Come ha sottolineato anche la più famosa femminista egiziana Nawal Al Saadawi al New Yorker «Il sangue delle donne che sono state uccise nella protesta è ancora fresco: e già ci stanno tradendo» in Egitto le donne continuano a essere un bersaglio facile
    Perché la controrivoluzione colpisce donne e copti?
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 10-03-2011
  42. L'8 MARZO E LE DONNE DALL'ITALIA E DALL'ESTERO

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

     

    http://www.newsweek.com/2011/03/06/the-feminists-in-the-middle-of-tahrir-square.html

    “We are here as women, but we are speaking out for everyone.” Questo lo slogan gridato a piazza Tahrir dove donne di diverse generazioni hanno manifestato per rivendicare i loro diritti e sottolineare l’importanza dei ruoli da esse ricoperti.


    http://nytweekly.com/columns/

    Loredana Lipperini sul NYT scrive sull’essere donna in Italia al di là della bellezza. La rete e internet possono contribuire a cambiare quelle immagini "da veline" che da anni connotano il gentil sesso e invadono la televisione.

     

     

    http://www.dire.it/HOME/donne_fra.php?c=37897&m=3&l=it

    Dopo il successo del 13 febbraio tornano le manifestanti di “se non ora quando”. In occasione della celebrazione del centenario della festa dell’8 marzo nelle piazze italiane oggi lo slogan è "La rimettiamo al mondo noi l'Italia"

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 08-03-2011
  43. UK FEMINISTA, PAKISTAN, MILLIBAND - I NOSTRI PREFERITI - 30/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Milliband sulla coalizione - BBC News
    In seguito alle rivelzioni contenute in un documentario della BBC, il laburista Ed Milliband dichiara che la coalizione tra LibDems e Tories è basata su una serie di falsità.
     
    Secondo il New Statesman, il colore della pelle di Barack Obama potrebbe rappresentare un incentivo alle dinamiche globali del terrorismo islamico.
     
    UK Feminista Summer School: Anthony Barnett e Nick Pearce discutono di come risolvere il grave problema del ruolo assai secondario in cui le donne che si occupano di politica vengono relegate nel Regno Unito.
     
    In seguito alla vicenda Wikileaks, Luca De Biase prova a tracciare il punto della situazione e a trarre qualche parziale conclusione.
     
    I rapporti tra USA e governo di Islamabad sono sempre stati ambigui, ma dopo la vicenda Wikileaks diventa sempre più difficile renderne conto al resto del mondo.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 30-07-2010
  44. DATAJOURNALISM, AFGHANISTAN, PKK - I NOSTRI PREFERITI - 29/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Strani alleati - Washington Post
    Analfabeta, contivatore di haschisch ed ex-signore della guerra. Questo è il ritratto del più importante alleato dell'esercito USA nella zona a Ovest di Kandahar.
     
    La prospettiva del datajournalism: un percorso per capire come ci si può organizare nella gestione di grandi quantità di dati (in questo caso, il dossier Wikileaks).
     
    Esiste un Labour gallese e uno scozzese, ma non ce n'è uno "inglese". Così il NS ragiona su un partito progressista che possa recuperare la classe media britannica.
     
    Il PKK torna a imporsi nel dibattito pubblico turco, e l'esercito intensifica le operazioni lungo il fronte iracheno.
     
    La diretta e violenta accusa di Tunku Varadarajan a Julian Assange, a WIkileaks e all'operazione di disclosure sull'Afghanistan. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 29-07-2010
  45. RUSSIA, AL QAEDA, SCHIAVITU' - I NOSTRI PREFERITI - 28/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Al Quaeda e il velo - France 24
    Il dibattito sul velo islamico in Francia causa un intervento diretto di al-Zawahiri, numero due di Al Qaeda.
     
    Il New York Times offre un'intera sezione alle testimonianze video dalla Russia, invitando i cittadini a descrivere i problemi e le difficoltà che affligono il loro  paese.
     
    Alcune fratture interne ai conservatori inglesi, tra le quali spicca quella creata da Vince Cable, mettono in forse il tetto all'immigrazione auspicato da Cameron.
     
    Il direttore della CIA Michael Hayden e altri esponenti dell'intelligence americana sostengono che la gravità dell'operazione di Wikileaks potrebbe portare causare anche "molte altre morti".
     
    Uno strano tipo di Museo itinerante, appoggiato da molte associazioni internazionali tra le quali Amnesty International, gira in forma di camion per gli Stati Uniti portando con sé la storia della schiavitù moderna.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 28-07-2010
  46. GAZA, FOG OF WAR, MARIJUANA - I NOSTRI PREFERITI - 27/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Cameron, Gaza e Netanyahu - New Statesman
    La destra neocon attacca il primo ministro britannico per le sue dichiarazioni su Gaza, descritta come un "campo di prigionia".
     
    Andre Exum sostiene che la grandissima mole di dati resi pubblici da Wikileaks difettino di coerenza interna e non possano essere d'aiuto a creare una narrazione veridica della guerra in Afghanistan.
     
    Anche se molta stampa ritiene il contenuto dei documenti resi pubblici da Wikileaks già noto e poco utile, il suo effetto sulla strategia USA in medioriente potrebbe essere notevole.
     
    La "Society of Jesus" ricorre in appello contro la decisione della corte che stabilisce un risarcimento fino a cinque milioni di sterline per un caso di abuso, il risarcimento più alto mai richiesto fino a oggi in Inghilterra.
     
    La "proposition 19", che a novembre potrebbe rendere legale la Marijuana in California, viene riletta e analizzata sulla base di una serie di sondaggi realizzati con tecniche diverse e messi a confronto tra loro. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 27-07-2010
  47. WAR DIARY, GOP, GORDON BROWN - I NOSTRI PREFERITI - 26/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    SPECIALE - WAR DIARY
    Con oltre 75'000 documenti divisi da Wikileakes per categorie, il più grande archivio di informazioni mai rilasciato durante una guerra. Un caso internazionale senza precedenti, sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo.
     
    [La pagina del New York Time dedicata al contenuto del precedente link] La pubblicazione di una gran quantità di documenti riservati sulla guerra in Afghanistan da parte di Wikileakes fa il giro del mondo e getta una nuova luce sui rapporti tra USA e Pakistan e sull'intera operazione bellica. Probabilmente il più grande "leak" della storia.
     
    I Repubblicani USA annunciano che in autunno avranno un programma per il lavoro, i tagli di spesa e il Congresso. Nel tentativo di far dimenticare l'era Bush.
     
    Oscurato dalla più imponente rivelazione nella storia dell'intelligence militare, l'ex primo ministro inglese rilascia la prima vera intervista dalle elezioni ad oggi.
     
    L'Economist riflette sul perché alcuni media siano a tutt'oggi restii a sbarcare sulla rete.
     
    Un'esperienza "social". Strategie di comunicazione a confronto: PD e Nichi Vendola. Un botta e risposta tra Marcello Saponaro e Dino Amenduni.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 26-07-2010
  48. MERKEL, PRIGIONI, CORRUZIONE - I NOSTRI PREFERITI - 23/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    La controversia su Wikileaks - SCPR.org
    Una trasmissione radiofonica della Southern California Public Radio investiga sulla moralità dell'"information leaking", ospite un volontario del progetto Wikileaks intervistato da un giornalista di Daily Beast.
     
    Diminuzione degli arresti e risparmio. La riforma del sistema penale nella Carolina del Sud potrebbe rappresentare una consistente svolta ideologica per l'establishment repubblicano.
     
    Da Tangentopoli alla P3, il problema della corruzione resta in primissimo piano. Un post di Luca De Biase fa memoria e fornisce il punto di vista di Peter Eigen, che da anni la combatte in prima persona.
     
    I cristiano-democratici di Angela Merkel raggiungono il minimo storico secondo un sondaggio dell'Istituto Forsa. Se si votasse oggi, la coalizione di sinistra e verdi potrebbe governare senza i voti della Linke.
     
    Obama parla del problema razziale in riferimento alla questione Shirley Sherrod. Nell'articolo anche un'intervista alla ABC sui problemi economici e fiscali. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-07-2010
  49. COLLATERAL MURDER, CLEGG VS. STRAW, SCUOLA - I NOSTRI PREFERITI - 22/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Clegg Vs. Straw: Conseguenze giudiziarie? - New Statesman
    Pesanti dichiarazioni da parte del leader dei LibDem Inglesi sulla guerra "illegale" in Iraq potrebbero avere conseguenze anche sul piano giudiziario.
     
    La maldestra iniziativa di un blogger conservatore causa il licenziamento di un funzionario statale e l'eco della questione raggiunge la Casa Bianca.
     
    Il blogger, giornalista e professore Leonardo Tondelli sull'iniziativa del Ministero dell'Istruzione di retribuire gli insegnanti in base al merito.
     
    Un arabo e un'ebrea, protagonisti di una storia di sesso, diventano l'emblema di un Israele che rischia di apparire ogni giorno più oltranzista e razzista.
     
    La pagina di Wikileaks che contiene i video e i materiali riservati su un attacco americano a Baghdad che è costato la vita a una dozzina di civili e a due reporter della Reuters.
     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 22-07-2010
  50. LABOUR, APOLLO, POST-MUBARAK - I NOSTRI PREFERITI - 21/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Apollo - Giornalaio
    Un'applicazione per IPad tenta di imporsi come giornale del futuro. E' solo un tentativo di sfruttare le potenzialità del web 2.0 o qualcosa di più?
     
    Jonathan Freedland analizza l'idea di "Big Society" di Cameron e invita i laburisti a riappropriarsene e a migliorarla.
     
    La sottile linea tra pesanti eredità e atteso cambiamento in un Egitto ancora molto incerto sul proprio futuro politico e sociale.
     
    Salon dedica un articolo alla nuova sezione del Washington Post "Top Secret America", che promette di far luce negli angoli più bui dell'amministrazione statunitense.
     
    Una panoramica di tutti i candidati alla guida della sinistra inglese, dai fratelli Milliband all'outsider Abbot.

      

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-07-2010
  51. WAR GAMES, IL MILIARDOGRAMMA, PAPANDREOU - I NOSTRI PREFERITI - 20/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Il Times perde il 90% dei lettori on-line - The Guardian
    L'introduzione del paywall (l'iscrizione obbligatoria a pagamento) non ha funzionato, e per il celebre quotidiano inglese è emorragia di lettori on-line.
     
    Un grafico innovativo che aiuta a visualizzare la reale dimensione delle cifre dell'economia americana, e che fa molto riflettere sulle proporzioni.
     
    Una nuova generazione di attivisti dell'ambiente alza la testa nella Cina iperindustrializzata.
     
    USA e Corea del Sud hanno annunciato esercitazioni su larga scala nei mari del Giappone come deterrente per eventuali iniziative militari della Corea del Nord.
     
    Il primo ministro greco affronta l'argomento delle gigantesche sfide per il futuro del paese in una intervista video a cura di Foreign Policy. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 20-07-2010
  52. DIPLOMAZIA DIGITALE, BIG SOCIETY, PD - I NOSTRI PREFERITI - 19/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Diplomazia digitale - The New York Times
    Jared Cohen e Alec Ross, membri di rilievo dell'amministrazione USA e tra i più seguiti al mondo su Twitter, inaugurano un uso ibrido e alternativo dei social network nella comunicazione politica.
     
    L'idea di Cameron di appaltare servizi pubblici a comunità di "volontari" (il progetto "big society") dovrebbe essere finanziata da una "big society bank" creata sulla base dei conti dormienti. I dubbi del New Statesemen e del Financial Times.
     
    Un sondaggio di Politico evidenzia il grande divario di percezione della crisi e della situazione politica tra le elites di Washington e il resto del paese.
     
    L'Egitto secolarizzato sta assistendo ad un incremento della religiosità nella vita nazionale. E' un ritorno alla fede o solo un bisogno di stabilità e tradizioni?
     
    Sulla scorta di un articolo del Corriere, una discussione pubblica sui meriti e sui limiti del Partito Democratico alla luce delle ultime battaglie parlamentari. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 19-07-2010
  53. ESTEMIROVA, MANDELSON, DEBITI SOVRANI - I NOSTRI PREFERITI - 16/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Eyjafjallajökull. Eruzioni di buona politica - Webgol
    Antonio Sofi affronta il tema delle "fabbriche" di Nichi vendola e delle nuove strategie politiche sul web e sul territorio. 
     
    L'Economist riassume gli eventi principali della scena politica mondiale di quest'ultima settimana.
     
    Le spiegazioni fornite dal presidente Medvedev ad Angela Merkel sull'omicidio dell'attivista Natalya Estemirova non convincono né gli attivisti né parte dell'opinione pubblica.
     
    Citando Edward Altman, un professore della New York University, il NYT si addentra nella disamina dei debiti sovrani delle grandi potenze occidentali.
     
    Peter Mandelson, veterano dell'amministrazione Brown, ammette che il partito laburista inglese avrebbe fatto meglio senza l'ex primo ministro. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 16-07-2010
  54. TORIES, IRQO, GOOGLE - I NOSTRI PREFERITI - 15/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    L'IRQO e Ebrahim Hamidi - Freedomessenger
    L'organizzazione iraniana per i diritti dei gay chiede la revoca della condanna a morte di Ebrahim Hamidi, basata -sostiene l'IRQO- su false accuse
     
    I membri ottuagenari di senato e congresso USA minimizzano il problema di una classe di legislatori troppo anziani.
     
    Se i Repubblicani americani sembrano aver messo da parte molte delle fratture interne legate ai temi razziali, restano ben saldi i preconcetti su quelli confessionali.
     
    Un editoriale del NYT fa riflettere sulle recenti accuse rivolte a Google per quanto riguarda la possibile violazione di norme antitrust e i "favoritismi" nei confronti di altri branch aziendali.
     
    Mentre cresce la fiducia per i Tories, Clegg e i suoi rimangono al palo, tanto che il Sun ipotizza nuove elezioni che consentano a Cameron di liberarsi di loro. Ma non sembrano queste le intenzioni del primo ministro. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-07-2010
  55. BURQA, ALTERMAN, PALIN - I NOSTRI PREFERITI - 14/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Democrazia Kabuki - The Nation

    Eric Alterman spiega perché negli USA è praticamente impossibile un governo realmente progressista.
     
    Reset lancia sui social network la discussione sul velo integrale islamico. Legge necessaria o reazione politica di un'Europa preoccupata?
     
    La soggettività nel giornalismo? Per Julian Assange, fondatore di WIkileaks, la direzione del giornalismo globalizzato dalla rete è quella opposta.
     
    Nonostante la bufera mediatica sulla sua vita privata, Gore rimane un elemento imprescindibile per la lobby ambientalista ma anche per l'establishment democratico.
     
    America 2012 pubblica il video in cui Sarah Palin enuncia le sue "politiche" sull'immigrazione.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-07-2010
  56. L'AQUILA, OBAMA, GOVERNANCE RAI - I NOSTRI PREFERITI - 13/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

     

    Diego Bianchi e Antonio Sofi sulla manifestazione degli aquilani del 7 luglio. Un video in due parti e un post che raccontano la manifestazione e i retroscena.
     
    Il consigliere RAI Angelo Maria Petroni presenta un documento in cui avanza proposte per una riforma della governance della RAI.
     
    Uno studio dell'università di Leeds rivela che le minoranze etniche in UK potrebbero costituire un quinto della popolazione totale nel giro di quarant'anni.
     
    Lo scontro tra Rham Emanuel e Dave Obey è la spia di una guerra interna ai democratici che, partita dalla gigantesca manovra anticrisi, si sfoga oggi anche sugli stanziamenti per l'insegnamento.
     
    Più di un terzo degli interpellati dichiara poca o nessuna fiducia nel presidente degli Stati Uniti. Cala anche il Congresso e la politica economica continua a mietere insuccessi tra gli amercani.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 13-07-2010
  57. TENNER, INDIA, IMMIGRAZIONE USA - I NOSTRI PREFERITI - 12/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    In che misura internet ha influenzato le elezioni? - Guardian
    Dopo tanto rumore e tanta delusione, uno studio della Reuters indaga in profondità gli effetti che i socail media hanno avuto nella campagna del 2010.

    I cinque articoli imprescindibili di oggi selezionati da New Statesmen nell'ambito della blogosfera.
     
    L'Economist spiega perché citare in giudizio l'Arizona e attaccare i Repubblicani non risolverà il problema dell'immigrazione negli Stati Uniti.
     
    L'ex capo della Polizia indiana Kiran Bedi spiega le ragioni e le dinamiche del recente incremento del numero di delitti d'onore in India.
     
    Edward Tenner riflette sul come e sul quanto l'intelligenza e la scolarizzazione risultino fattori decisivi o meno per giudicare l'azione politica e sociale delle elites.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 12-07-2010
  58. KRUGMAN, PALIN, BAVAGLIO - I NOSTRI PREFERITI - 09/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Il "bavaglio" di Berlusconi scatena lo sciopero della stampa in Italia - The Guardian
    Come il Guardian vede gli eventi che hanno portato all'odierno sciopero della carta stampata.
     
    L'artista Richard Phillips spiega perché "Work of Art", un reality show basato sugli artisti, potrebbe essere anche migliore del mondo "reale" dell'arte oggi. 
     
    Il video che Sarah Palin su Facebook fa parlare la stampa internazionale di una prima mossa per una prossima candidatura alla presidenza degli Stati Uniti.
     
    Un post di Gregg McClymont illustra il funzionamento degli schemi retorici che la coalizione conservatrice inglese utilizza nel dibattito pubblico e in quello interno.
     
    Un'analisi di Paul Krugman sul pacchetto di stimoli di Obama, ritenuto troppo modesto, e sulla difficoltà di ottenerne un secondo dal Congresso.  
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 09-07-2010
  59. ZIZEK, MAGIC ITALY, SOVRAPPOPOLAZIONE - I NOSTRI PREFERITI - 08/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Magic Italy - Giornalaio
    Il video che dovrebbe pruomevere il turismo in Italia viene diffuso nello stesso giorno della manifestazione aquilana. Nell'articolo una rassegna di cosa l'estero ha osservato della giornata italiana. E non si tratta di monumenti.
     
    Un nuovo indice classifica la sovrappopolazione dei paesi in base al rapporto tra la popolazione e le risorse.
     
    Il filosofo Slavoj Zizek, insieme a John Holloway e Alex Callinicos, discute sull'idea di comunismo in un video del convegno "Marxismo 2010".
     
    L'ex governatore dell'Illinois Rod Blagojevich, accusato di corruzione, potrebbe arrecare un serio danno politico a Obama e al suo staff.
     
    Giuseppe Granieri analizza la situazione dell'industria culturale all'alba di quella che si preannuncia essere un'era di rivoluzioni per la carta stampata. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 08-07-2010
  60. VIOLENCE IN ROME, KOMOROWSKI, 7/7 - I NOSTRI PREFERITI - 07/07/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Komorowski e la "nuova Polonia"? - Economist 
    La vittoria della frangia europeista in Polonia potrebbe non avere i tratti della svolta.
     
    Nell'anniversario degli attentati, Samira Shackle mette a confronto i servizi di ITC, BBC e Sky News risalenti a quel tragico sette luglio.
     
    Un modello per rendere parte delle notizie a pagamento? Un esperimento? Il NiemanLab si interroga sulle non troppo chiare scelte recenti del TImes.
     
    Sui socialnetwork l'attenzione è monopolizzata dalla manifestazione degli aquilani, pressoché ignorata dal TG1 e da altri telegiornali nazionali.
     
    Dopo il caso McChrystal, gli impiegati della Difesa americana dovranno avere il permesso del Pentagono per parlare con la stampa. Christopher Brwonfield su quanto può essere pericoloso per le forze armate dimostrare tale debolezza. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 07-07-2010
  61. SAUDIWOMAN, ENGSTROM/ASSANGE, 200 MOMENTI - I NOSTRI PREFERITI DEL 28/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Intervista con Julian Assange di Wikileaks e Christian Engstrom del Partito Pirata svedese. 
     
    Eman Al Nafjan, donna, saudita wahabita, tre figli, dottoranda all'università di Riyadh. Il suo blog indaga la realtà saudita dall'interno.
     
    Una mappa interattiva dei duecento momenti che hanno cambiato il giornalismo nell'ultimo decennio (via giornalaio.wordpress.com)
     
    Reset lancia su FriendFeed una discussione sul matrimonio gay del primo ministro islandese Johanna Sigurdardottir.
     
    Una inforgrafica e un paio di link per dipanare la matassa del bilancio britannico.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 28-06-2010
  62. USA VS RUSSIA, FALLOWS, INDUSTRIA NEWS - I NOSTRI PREFERITI - 25/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Rapporto 2010 sull'industria dei quotidiani - Giornalaio
    I dati aggiornati in occasione 23esima edizione di WAN-IFRA Italia possono suggerire nuovi focus per l'industria delle news.
     
    Un articolo di James Fallows racconta di come Google non sia impegnato a distruggere il mercato delle news, ma a concordare una strategia condivisa per rilanciarlo.
     
    Il filmato del dibattito sulla libertà di espressione che si è tenuto al Parlamento Europeo, riportato per interno.
     
    Intervista a Julian Assange di Wikileaks. Assange esprime disponibilità anche ai giornalisti italiani in merito al DDL intercettazioni e conferma la futura pubblicazione del video sull'Afghanistan.
     
    Un sondaggio Gallup mostra che cosa pensano Americani e Russi gli uni degli altri. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 25-06-2010
  63. PETRAEUS, GILLARD, CAMERON - I NOSTRI PREFERITI - 24/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Per la prima volta un primo ministro donna in Australia - New YorkTimes
    Dopo le dimissioni di Kevin Rudd, il partito di centro-sinistra australiano sceglie l'ex-avvocato Julia Gillard per la guida del paese.
     
    Cameron è salito al potere come un modernizzatore, ma la legge di bilancio mostra come lo spirito della Thatcher viva ancora nella coalizione.
     
    La BBC fornisce un interessantissimo strumento per simulare i tagli del budget dello stato.
     
    Dopo l'insubordizione di McChrystal, spetta al generale Petraeus la scelta delle prossime cruciali mosse degli USA in Afghanistan. 
     
    Lo storico repubblicano Andrew Roberts, inizialmente sostenitore dei Tea Parties, avverte che la loro deriva populista potrebbe mettere in difficoltà il partito repubblicano. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 24-06-2010
  64. ASSANGE, DISASTRO BP, EMERGENCY BUDGET - I NOSTRI PREFERITI - 23/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Assange evita l'America - Guardian
    Il fondatore di Wikileaks Julian Assange esce allo scoperto tenendosi però alla larga dal suolo americano.
     
    Un lungo articolo del New York Times scandaglia ogni aspetto, compreso quello tecnico, della più grave crisi ambientale degli ultimi anni.
     
    Una commissione del Centro Nazionale Donald W. Reynolds per il Giornalismo Economico sottolinea come non ci sia né perdita economica né di copertura mediatica all'interno del settore.
     
    Un sintetico spoglio di dati fa riflettere sulla distanza esistente tra il pubblico attivo degli internauti ed il mondo delle notizie.
     
    Il Guardian fornisce una raccolta di articoli dedicati alla pericolosa situazione del bilancio inglese. 
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-06-2010
  65. MATURITA', BLOGGERS, RAHM EMANUEL - I NOSTRI PREFERITI - 22/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Maturità e costi - Open parlamento
    Una panoramica sui costi affrontati dallo stato per finanziare le commissioni.
     
    La discussione pubblica sul tema di maturità di ambito tecnologico-scientfico, in cui si chiede agli studenti di esprimersi sulla vita nell'universo.
     
    Il capo del personale della Casa Bianca Rahm Emanuel, di cui si pronosticava la partenza in vista di una coandidatura a sindaco di Chicago, sembra potrà invece essere un player importante nel 2011.
     
    Se si pensa al disastro British Petroleum, si dimenticano altre multinazionali molto più odiate e osteggiate. The Daily Beast ne propone un best of.
     
    Laurie Penny risponde ai sospetti per cui i blogger vorrebbero approfittare della crisi della stampa per sostituirsi ai grandi editorialisti superstipendiati.  
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 22-06-2010
  66. LORD SAVILLE'S REPORT, LE MONDE, OBAMA - I NOSTRI PREFERITI - 21/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Addio Bipartisanship - America 2012

    Obama tende spesso la mano all'opposizione, ma né la destra è conciliante come vorrebbe il Presidente né le critiche interne accennano a diminuire.
     
    Il rapporto sulla "maledetta domenica" e sulla questione dell'Irlanda del Nord si aggiorna grazie al rapporto di Lord Saville, e si percepiscono reazioni di distensione su entrambi i fronti.
     
    Nonostante le recenti rassicurazioni fornite da Clegg, una ricerca mostra che le parti più povere del paese soffriranno molto più delle altre la stretta economica.
     
    Anche la stampa francese è in crisi profonda. Mentre si attendono offerte di acquisto, i dati mostrano come entro due settimane il grande quotidiano francese finirà in rosso acceso.
     
    Mentre in Inghilterra e negli Stati Uniti la crisi della stampa si aggrava, in altri paesi la quantità di lettori si attesta su ottimi livelli.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-06-2010
  67. ZUCKERBERG, OBAMA, CONTENUTI DIGITALI - I NOSTRI PREFERITI - 18/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Scontro Social sulle intercettazioni - Friendfeed

    Sulla rete si sviluppa una discussione molto accesa sulla presunta norma "antiblogger" contenuta nel DDL intercettazioni.
     
    Il rapporto di Confindustria sui Contenuti Digitali in Italia consente un'analisi aggiuntiva sull'andamento del mercato pubblicitario on-line.
     
    Avviata una procedura formale d'indagine nei confronti del cofondatore di Facebook per l'accusa di Blasfemia.
     
    E' veramente finita l'era dell'"Old Labour"? Gerry Hassan sul ritorno all'opposizione della sinistra inglese.
     
    Un nuovo provvedimento in studio al Congresso degli Stati Uniti potrebbe dare ad Obama il potere di censurare la rete. Un sistema per ostacolare Assange e Wikileaks?
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 18-06-2010
  68. S.N. & BLOGS, BHARAT, MILLIBAND BROS - I NOSTRI PREFERITI - 17/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    Nuovi modelli d'informazione giornalistica - Giornalaio

    "L’editoria giornalistica non è soltanto un importante fattore di conoscenza e di democrazia, attraverso la formazione dell’opinione pubblica, è anche un importante attore economico, che fa da traino sul mercato dei consumi e produce occupazione".
     
    La rilevanza della Rete Sociale, o 2.0, si attesta su livelli altissimi. Uno studio di NielsenWire fornisce le cifre stato per stato e approfondisce.
     
    Il creatore di Google News su come il giornalismo potrebbe cambiare nei prossimi cinque anni.
     
    Le accuse di plagio multiplo e reiterato a Daniele Luttazzi arrivano fino in America e generarano titoli poco lusinghieri.
     
    I fratelli Ed e David Milliband si fronteggiano in un denso e appassionante duello per la leadership del Labour britannico.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 17-06-2010
  69. MURDOCH, BLOODY SUNDAY, MEDIA AD CRISIS - I NOSTRI PREFERITI - 16/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Dopo la visita a Downing street, pare che Murdoch sia deciso a passare dal controllo del 39% di Sky al controllo totale. Avrà il consenso di Cameron?
     
    Sembra che il fondatore di Wikileaks Julian Assange sia in possesso di un video di un massacro compiuto dagli USA in Afghanistan.
     
    Si torna a parlare di quella "maledetta domenica", di Belfast e di responsabilità nel rapporto Lord Saville.
     
    Mentre la recessione allenta leggermente la presa sugli altri comparti, il mercato pubblicitario delle news continua nella sua discesa.
     
    Una serie di interviste sulla "dieta mediatica" dei giornalisti on-line. La prima è su Vittorio Zambardino.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 16-06-2010
  70. BLOGGER & UE, FACEBOOK & ISLAM, OIL & SPILL - I NOSTRI PREFERITI - 15/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Distonie editoriali - Giornalaio

    La copertura delle notizie corrisponde davvero alla domanda del pubblico dei lettori? Uno studio di Pew research evidenzia non poche aporie.
     
    A causa del numero sempre decrescente di giornalisti presenti a Bruxelles, la questione "giornalisti vs. bloggers" è arrivata fino all'Unione Europea e prefigura sviluppi interessanti.
     
    Una festa organizzata tramite Facebook con cucina a base di maiale in una zona a forte presenza musulmana desta più che qualche perplessità nella Parigi delle mille culture. 
     
    Il New Statesman pubblica un video satirico che sta facendo il giro della rete in cui i dirigenti di BP vengono parodiati in maniera impietosa.
     
    In USA il democratico Henry Waxman e il repubblicano Ed Markey si preparano a richiamare alle proprie responsabilità i vertici delle compagnie petrolifere in un'udienza TV prevista per giovedì.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-06-2010
  71. COMPASS, RAI, ESKUP - I NOSTRI PREFERITI - 14/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Compass conference 2010: una nuova speranza - New Statesmen

    A dispetto delle grandi aspettative, dall'annuale Compass conference non emerge nessun vero vincitore che possa attualmente prendere in mano le redini del Labour britannico.
     
    Anche Boing Boing dedica un post al dialogo tra Daniel Ellsberg e Julian Assange, fondatore di Wikileaks ora al centro di particolari attenzioni del Pentagono. 
     
    Il piano industriale della RAI per il 2010 illustrato in una serie di slide.
     
    El Paìs lancia Eskup, social network ispirato a twitter ma destinato alla gestione attiva dell'utenza di ambito editoriale.
     
    I progetti improntati alla copertura locale delle news che partono dal piccolo hanno maggiori possibilità di successo, ma molti ottengono più complimenti che introiti.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-06-2010
  72. MONDIALI, D'ALEMA, LUTTAZZI - I NOSTRI PREFERITI - 11/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    La guerra dopo i Mondiali - The Daily Beast
    Rumors interni dicono che in Sud Africa, appena chiusi i mondiali, potrebbe esserci una cacciata degli stranieri e una guerra ai poveri.

    In GB, come in Italia, si fa sentire il richiamo all'unità interna nei partiti di sinistra a vocazione maggioritaria.
     
    A partire dal dal dialogo D'alema-Jullien, Cundari traccia un'analisi dei rapporti che intercorrono tra lavoro e soggettività politica.
     
    Matteo Bordone interviene sulla questione Luttazzi-plagio che ha aperto un ampio dibattito in rete.
     
    Un insider confermerebbe i sospetti per cui la fedeltà della Guardia Rivoluzionaria a propri capi starebbe venendo meno.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 11-06-2010
  73. ASSANGE, INTERCETTAZIONI, PDF2010 - I NOSTRI PREFERITI - 10/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    L'intercettazione da primo posto che ci saremmo persi col DDL intercettazioni secondo Leonardo.
     
    Un profilo di Julian Paul Assange, fondatore del progetto Wikileaks e fautore di uno dei più ampi progetti di disclosure dall'esterno dei nostri tempi.
     
    I video on-line degli speech al Personal Democracy Forum, appena conclusosi a New York.
     
    Un filmato documenta la tragica fine degli immigrati espulsi dalla Libia. Così come prevede l'accordo siglato tra Berlusconi e Gheddafi.
     
    Scuola & Costituzione - FriendFeed
    Due esempi di come un Social Network affronta la discussione pubblica sull'attualità della Costituzione dell'istruzione italiana.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 10-06-2010
  74. PERSONAL DEMOCRACY, IRAN, ISRAELE - I NOSTRI PREFERITI - 09/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    Internet può guarire la politica? - Tech President

    Un esaustivo riepilogo del Personal Democracy Forum edizione 2010 che si è tenuto a New York negli ultimi giorni.

    Contro Israele - Telegraph

    Una galleria di foto delle dimostrazioni pro palestina da tutto il mondo.

    Il giorno delle donne - America 2012
    Il supermartedì delle donne. Che cosa è successo nelle primarie USA.

    L'eroe iraniano era un criminale di guerra - The daily Beast
    Il capo dei combattenti per la libertà responsabile dell'impiccagione di numerosi esponenti politici

    Il Labour ha torto sugli immigrati - This is London
    Denis MacShane incalza il proprio partito e lo avverte di non cadere nella trappola dell'immigrazione usata come capro espiatorio.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 09-06-2010
  75. PEDOFILIA, C.J., PARTITO PIRATA - I NOSTRI PREFERITI - 03/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Pedofilia e clero tedesco - Der Spiegel

    L'arcivescovo Zollitsch accusato di aver assunto un prete responsabile di abusi. Fuori dal tiro della stampa italiana, la vicenda pedofilia nel clero tedesco continua a fare notizia.
     
    Le persone intelligenti e con alto tasso di scolarizzazione sono la chiave per la crescita economica e per lo sviluppo.
     
    Il video dell'intervento di Brett Solomon di GetUp al TEDx Sidney.
     
    Luca Sofri intervista Amelia Andersdotter del Partito Pirata.
     
    L'episodio di guerriglia navale che sta monopolizzando l'attenzione di tutto il mondo ha anche evidenziato quale disparità di trattamento gli States applichino a Israele e Iran.
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 03-06-2010
  76. INTERNET, MURDOCH, FF CONTRO FELTRI - I NOSTRI PREFERITI - 01/06/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Mettere internet nella costituzione - Mediamondo
    Dopo la "provocazione" del Nobel a internet, ci si interroga sul futuro "istituzionale" della rete.

    Andrew Roberts sulle politiche europee - The Daily Beast
    Lo storico Andrew Roberts sulla svolta destrorsa dell'europa e sulla fine delle ideologie di sinistra.

    "Questo potrebbe essere molto interessante" - Kippreport
    Cosa significa il paywall di Murdoch per il Guardian, uno dei giganti della rete?

    Forme diverse di fornire informazione sul web - Giornalaio

    Una raccolta di forme diverse e funzionali di spiegare le cose, di fornire informazioni, sul web.

    "Meme":Il giornale - FriendFeed
    Gli utenti di Friendfeed -grazie al fotomontaggio- rivolgono il cattivo gusto della copertina de Il Giornale di oggi contro sé stessa. 

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 01-06-2010
  77. ISRAELE, RETORICHE POLITICHE, PAYWALLS - I NOSTRI PREFERITI - 31/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    USA: "Capitalismo" non è una parola così positiva e "Socialismo" non è una parola così negativa.
     
    Uno dei mestieri del presente e del prossimo futuro, "mappato" con l'occhio rivolto al futuro dell'editoria.
     
    Times e Sunday Times: Murdoch prepara l'offensiva del pedaggio totale sui nuovi formati on-line. 
     
    Un'analisi il più possibile distaccata, anche se a mente calda, sulla vicenda Israele-Turchia-Palestina e sull'inesistente ruolo dell'Italia.
     
    Chomsky, Israele, libertà culturali. Una lettera aperta di Avi Shlaim al Presidente degli Stati Uniti.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 31-05-2010
  78. KAGAN, BINOCHE-PANAHI, GUARDIAN - I NOSTRI PREFERITI - 27/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Non dite la parola con la P - New Statesmen
    L'alleanza inglese Tories-LibDems non sembra affatto "progressista" come era stata presentata.


    E la Kagan? - FiveThirtyEight
    Quanto gli americani stanno seguendo la vicenda della nomina di Elena Kagan alla Corte Suprema? Due sondaggi danno risultati differenti.


    La Binoche e la liberazione di Panahi - France24
    France 24 racconta dell'importanza del ruolo di Juliette Binoche nella liberazione del regista iraniano.


    Il Guardian apre a nuove fonti di fonti di ricavi con Open Platform - Pandemia
    Quella dell’offrire i propri dati e contenuti, con una piattaforma aperta, gratuita per un uso limitato, a condivisione di ricavi negli altri casi, è un modello interessante, da approfondire quanto meno.


    Anche il Canada ha il suo Patrioct Act - BoingBoing
    Michael Geist rivela come nel silenzio generale il Canada abbia approvato il suo Patrioct Act.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 27-05-2010
  79. DON'T ASK/DON'T TELL, INTERCETTAZIONI, CINA - I NOSTRI PREFERITI - 26/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    Perché John McDonnell merita il vostro appoggio - New Statesmen 
    Bob Piper spiega le ragioni per cui sostiene John McDonnell nella corsa alla leadership del partito laburista inglese. 


    La mia vita da militare gay - The Daily Beast 
    Dopo le recenti polemiche sul "Don't ask, don'tell" di Obama, un ufficiale gay si racconta in una lettera anonima a Daily Beast.

    Ma Yaohai condannato a tre anni e mezzo di carcere - Cinesate
    La vicenda di un professore cinese condannato per orge e festini apre la riflessione sulla moralità pubblica della più grande potenza emergente del mondo.

    Le 10 intercettazioni che meritavano - Leonardo 
    Leonardo pubblica un best of di quello che ci saremmo persi senza la pubblicazione delle intercettazioni.

    Il Corriere presenta la sua versione I-Pad  
    Ferruccio De Bortoli, direttore del Corsera, illustra in un breve video "promozionale" le caratteristiche della nuova versione digitale per I-Pad del quotidiano più venduto in Italia.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 26-05-2010
  80. PRIVACY, PETROLIO, CHILD FUND - I NOSTRI PREFERITI - 25/05/2010

    Articoli, segnalazioni e discussioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa 


    Il gioco delle tre carte sulla crisi - Left Wing
    La pratica del reform mongering: la prossima manovra avrà di nuovo come bersaglio il mercato del lavoro?


    Al lupo, al lupo [...] - Freddy Nietzsche 
    Matteo Bordone sulla banalizzazione del messaggio e della lotta politica, o dell'importanza del "come".

    Il fondo per l'infanzia - New Statesmen
    Secondo il New Statesmen la cancellazione del fondo per l'infanzia da parte del governo inglese è un'iniziativa miope e a corto raggio.

    Tracciare il petrolio - New York Times 
    La mappa interattiva continuamente aggiornata del New York Times per seguire l'evoluzione del disastro ambientale targato British Petroleum.

    Privacy di destra e di sinistra - Luca De Biase  
    Onida, Il Foglio, De Biase. Dove dovrebbe finire la legge e incominciare la privacy? Servono davvero nuove leggi?

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 25-05-2010
  81. FOX, INTERCETTAZIONI, ADVERTISING - I NOSTRI PREFERITI - 24/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    L'informazione è potere - Guardian
    Crimine, educazione, sanità. Nelle prossime settimane avremo accesso a una quatità enorme di "diclosed data". Una sfida per i giornalisti?

    Advertising/Copertura - Giornalaio
    Uno studio sulla correlazione esistente fra advertising e copertura giornalistica.

    Nuovi Media, vecchi Media - Journalism.org
    In cosa e come i social media e i blog si avvicinano e si discostano dalla stampa tradizionale.

    I dalemiani e il bavaglio - Piovono Rane
    Gilioli indignato da un articolo di Left Wing sulle intercettazioni parla di "peggiori sinistre" e "peggiori destre" equiparandole.

    Liam Fox e l'Afghanistan - New Statesmen
    Il nuovo segretario della difesa inglese definisce l'Afghanistan un paese medievale e tribale suscitando reazioni contrastanti.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 24-05-2010
  82. NIKE, TURCHIA, SPITZER - I NOSTRI PREFERITI - 21/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa
     

    Che bravi - Francesco Costa 
    Sulla rete l'ultimo spot della nike fa spalancare molte bocche.

    Spitzer va in Tv? - New Statesmen 
    Eliot Spitzer, ex governatore dello stato di New York caduto per uno scandalo di prostituzione, potrebbe avere un programma sulla CNN

    La Turchia e la politica estera "Zero Problemi" - Foreign Policy
    La politica estera della Turchia è maturata? Un'analisi dei recenti accordi con l'Iran porterebbe a pensarlo.

    Cheat Sheet - The Daily Beast 
    Una selezione di articoli "assolutamente da leggere" della redazione di Daily Beast.

    Una modesta proposta - Macchianera 
    Paolo Landi su Macchianera: una risposta/proposta al problema dell'evasione fiscale e del sovraffollamento carcerario.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-05-2010
  83. TYRANNYBOOK, ABBOTT, SANTORO - I NOSTRI PREFERITI - 20/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Tyrannybook - Giornalaio
    L'esperimento portoghese di creare un portale/osservatorio contro gli stati tirannici chiude incredibilmente per eccesso di domanda.

    Per dieci milioni di euro in più - FriendFeed 
    Sul feed di Gianluca Neri, una discussione pubblica sulla vicenda di Santoro, la chiusura di Anno Zero e la buonauscita milionaria.

    Diane Abbott si unisce alla corsa per la guida del Labour - Guardian
    Mossa inaspettata da parte della laburista Diane Abbott, prima donna a tentare la scalata al partito.

    Mr. Rand Paul goes to Washington? - America2012
    Chi, che cosa è Rand Paul, il prossimo candidato repubblicano al collegio senatoriale del Kentucky? [Con un link a un articolo di Reset sui Tea Parties].

    Alla maniera del vecchio ES - Leonardo 
    In una parodia sanguinetiana, Leonardo rivede a mo' di collage i più recenti fatti dall' "infosfera". Con una chiosa su Facci, Socci e Saviano.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 20-05-2010
  84. IL PD SU FF, CLEGG, SPECTER - I NOSTRI PREFERITI - 19/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Alle primarie vincono i ribelli - America 2012
    La Pennsylvania, le elezioni di Midterm, le sorprese e le conferme.

    Bloggers israeliani e siriani, insieme per il dialogo - Guardian
    Un sito di attivisti e accademici punta a favorire il confronto politico e culturale.

    Il discorso di Clegg sulla riforma politica - New Statesmen

    Nel suo primo vero discorso post-elezioni, il capo dei LibDem annuncia il più radicale cambiamento dal 1832.

    Celebrare i grandi giornalisti - The Daily Beast

    In occasione della vittoria di David Finkel al premio Bernstein, Wittman ci parla dell'essenzialità dei bravi giornalisti.

    La caduta di Specter - New York Times
    L'ondata anti-incumbent in America fa le prime "vittime".

    Il PD sbarca su FF. Male. - FriendFeed
    Il social network FF risponde all'arrivo dell'account del Partito Democratico con ironia e pesanti critiche (altri thread: 1 - 2 - 3)

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 19-05-2010
  85. MILLIBAND, AL JAZEERA, PRIMARIE USA - I NOSTRI PREFERITI - 18/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Controlla anche tu B. - L'Espresso
    Un'iniziativa web de L'Espresso (Fabio Chiusi) per creare e diffondere un progetto di fact-checking "dal basso" sull'operato del governo.

    Interpreting Milliband - New Statesmen
    James Macintyre riporta e commenta stralci del discorso del "lancio" ufficiale di Milliband alla guida del Labour.

    FIEG Rivised - Giornalaio
    La rete interviene per tentare di "correggere" la deludente campagna pubblicitaria della Federazione Editori e Giornali.

    Quiz sulla Kagan! - The Daily Beast
    Un quiz (!) per capire se la nuova presidentessa della Corte Suprema sia una socialista.

    Al Jazeera, NM, CC - Il Cannocchiale
    Al Jazeera e il suo rapporto coi nuovi media e Creative Commons in un video-panel.

    Cosa guardare nelle primarie - Politico
    Un volo d'aquila sulle attesissime primarie di molti stati USA a cura della redazione di Politico.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 18-05-2010
  86. OSBORNE, DONNE AL "POTERE", SCUOLE - I NOSTRI PREFERITI - 17/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    La prima conferenza stampa di Osborne - New Statesmen 
    Inghillterra, i punti chiave della prima conferenza stampa del neocancelliere Osborne. La proposta di un organo indipendente per le previsioni finanziarie.

    Ascesa e caduta del New Labour - New Statesmen 
    Anthony Giddens. L'architetto della terza via sottolinea alcuni risultati comunque positivi dell'era Brown.

    Autodisciplinare i diritti degli utenti. Senza gli utenti - Guido Scorza 
    La “bozza definitiva” Maroni-Romani di “codice di autodisciplina a tutela della dignità della persona sulla rete Internet” nell'analisi di Guido Scorza.

    Grazie Gelmini, per quest'ora di Caos - Leonardo
    Dopo la sentenza del COnisglio di Stato contro il Tar sull'ora di religione, Leonardo Tondelli ci racconta di come il Ministro dell'Istruzione abbia cantato vittoria troppo presto.

    Giochini e "problemi reali" - Wittgenstein 
    Luca Sofri si inserisce nel dibattito su Matteo Orfini e sulla futura classe dirigente del PD.  

    La donna più potente del giornalismo? - The Daily Beast
    Peter Lauria propone un ritratto di Gillian Tett, la nuova best woman del Financial Times.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 17-05-2010
  87. WEST WING, FLORIDA, SUNSTEIN - I NOSTRI PREFERITI - 14/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redeazioni di Reset e Caffè Europa

     

     

    Ricomincio da Tampa - Il Post 
    Francesco Costa sul perché i Repubblicani hanno scelto di fare la convention del 2012 in Florida.

    El Baradei può rappresentare un cambiamento per l'Egitto? - The Atlantic
    La strada percorsa da Mubarak e quella che dovrà percorre El Baradei in un articolo di Emily Quanbeck.  

    Conversazione con Tariq Ramadan - PewForum 
    L'Islam, l'occidente e le sfide della modernità in un dialogo con Tariq Ramadan.

    Nudge - New York Times 
    Un ritratto di Cass Sunstein by Benjamin Wallace-Wells.

    West Wing - YouTube 
    Le videocronache settimanali dalla Casa Bianca.  

    Le vendite dei giornali in GB - Guardian
    Il Guardian pubblica una tabella impietosa. Il crollo delle vendite dei giornali sembra inarrestabile.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-05-2010
  88. AUTO BLU, WEB 3.0, CHI GOVERNA IN GB - I NOSTRI PREFERITI - 13/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Le auto blu - The Economist 
    L'Economist pubblica un grafico sulla situazione paradossale delle "auto ufficiali" italiane.

    Il who's who del nuovo gabinetto britannico - Guardian 
    Lista completa e profili dei membri liberali e conservatori del nuovo gabinetto britannico.

    Sarkozy: Cameron diventerà europeista - New Statesmen 
    Il presidente francese ritiene che Cameron partirà da euroscettico ma finirà europeista.

    Goodbye Europa - RainNews24
    In un articolo del Financial Times sintetizzato da RaiNews24 si ventila la fine della prospettiva di un'Europa come grande potenza continentale.

    Non sottovalutate la coalizione britannica - The Daily Beast 
    Clive Irving spiega perchè secondo lui l'asse Clegg-Cameron è stabile e si rivelerà molto utile per l'Inghilterra.

    Web 3.0 e il web semantico - Pandemia 
    Un documentario di un quarto d'ora per capire meglio quello che potrebbe essere il futuro della comunicazione globale.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 13-05-2010
  89. VELI, CARDINALI, NUOVI CONSERVATORI - I NOSTRI PREFERITI - 12/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    Abbiamo spezzato le reni alla Grecia - Il Post
    Pontani inscrive l'instabilità socioeconomica della Grecia in un contesto di perplessità generale sulla tenuta interna dell'Europa e dell'occidente.

    Il Cardinale che l'ha scampata - The Daily Beast  
    Mentre il Papa chiede scusa al mondo per gli episodi di pedofilia, l'ex cardinal Bernard Law vive tranquillo a Roma e pranza in graziosi ristoranti sull'Appia Antica. Barbie Latza Nadeau sull'opportunismo vaticano.

    Clegg e il rap della coalizione - New Statesmen  
    Il New Statesman pubblica un video rap che ipotizza e ironizza sull'alleanza Clegg-Cameron

    Giornalismo, feedback e pubblicità -FriendFeed  
    La discussione sul social network FriendFeed, iniziata ieri, prosegue oggi in un'altro thread dedicato al rapporto tra produzione di notizie, pubblicità, meritocrazia e mercato.

    Cameron e i suoi amici - The Economist  
    Il punto di vista dell'Economist sulle ultimissime "grandi manovre" inglesi. 

    Velo o prigione? - Foreign Policy  
    Una bella galleria fotografica di Foreign Policy per riflettere sul senso del velo islamico.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 12-05-2010
  90. KEYWORDS, GIORNALISMI, CORRUZIONE - I NOSTRI PREFERITI - 11/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Il mercato delle scritture - FriendFeed
    Su FriendFeed, un lungo e interessante confronto sul mercato nazionale dei produttori di contenuti.

    Famiglia, patria, capitalismo, socialismo. Parole e valori, Italia e Usa - America 2012
    Un sondaggio su alcune delle principali "keywords" della semantica politica rivela alcuni dati inaspettati.

    Basta prendersela con la Kagan - The Daily Beast
    Eric Alterman si oppone al fuoco di fila di una parte della stampa americana contro la prossima presidentessa della Corte Suprema.  

    Javier Moreno - Il Cannocchiale 
    Il video del keynote speech di Javier Moreno, direttore di El Pais. Introduce Vittorio Zucconi.

    Trasparenza, corruzione e tassi d'interesse - Pandemia
    Un grafico illustra come l'incidenza della corruzione in Italia sia perciolosamente seconda solo a quella greca.

    Il salvataggio della Grecia - The Atlantic
    Perché si vuole a tutti i costi salvare la Grecia? Qual è il vero ruolo della Banca Centrale Europea?

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 11-05-2010
  91. KAGAN, CAMERON, DISSIDENZA - I NOSTRI PREFERITI - 10/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    La nomination di Elena Kagan - New Yorker
    Jeffrey Toobin, suo amico personale, commenta la ormai certa elezione di Elena Kagan alla Corte Suprema.

    Fine del bipolarismo? Ultima digressione - America 2012
    Cosa può fare Cameron? Come si prospetta l'accordo Tories-LibDem?

    La Kagan e le assunzioni "di minoranza" - FiveThirtyEight
    Disinteresse per le donne e le minoranze razziali? Arrivano le prime critiche alla futura presidentessa della Corte Suprema.

    I più celebri dissidenti del mondo - Foreign Policy
    Una selezione di personalità da tutto il mondo celebri per il loro impegno civile.

    Le patetiche politiche di Obama per il Medioriente - The Daily Beast
    Il deciso disappunto di Reza Aslan sugli annunciati "colloqui di prossimità" tra Israele e Palestina.

    Tories & LibDems - The Independent
    I conservatori annunciano progressi nei colloqui col partito di Clegg.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 10-05-2010
  92. TRA HUNG PARLIAMENT ED EQUIVOCI MEDIATICI - I NOSTRI PREFERITI - 07/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    I risultati delle elezioni inglesi - FF
    In un thread de Il Post su FriendFeed, i commenti in tempo reale sulle elezioni inglesi tra ieri e oggi.

    Hung parliament - Guardian
    Il "parlamento impiccato". Le elezioni britanniche prefigurano una situazione di stallo.

    I media dadaisti - Certezzeinforse
    I giornali si muovono ai confini della realtà o la influenzano distorcendola?

    Lezione imparata? - Boing Boing
    Cinque link in cinque righe per sottolineare il "granchio" delle proiezioni pro-Clegg.

    Incertezza - Los Angeles Times
    Il riassunto dell'avventura elettorale inglese del LAT.

    La reazione di Clegg - Guardian
    Il pieno e netto disappunto dei Lib-Dem nelle dichiarazioni rese dallo stesso Clegg.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 07-05-2010
  93. DI TORIES, DOW JONES E NEWSWEEK - I NOSTRI PREFERITI - 06/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Once wife and mother - Nashvillescene
    La storia di Gaile Owens, prima donna condannata a morte nel Tennessee in duecento anni.

    Il New Tory Cameron è figlio di Blair - Andrea Romano
    Anni e anni di Labour hanno lasciato un segno profondo anche sui conservatori.

    Il Dow Jones e le elezioni inglesi - Guardian
    E' possibile ottenere degli "exit poll" realistici semplicemente osservando gli indici di borsa?

    La mappa delle elezioni inglesi - Economist
    Una mappa interattiva basata sulle precedenti elezioni inglesi.

    Who killed Newsweek? - The Daily Beast
    Meacham, editore di Newsweek, affronta pesanti critiche interne ed esterne al suo management.

    La stampa internazionale su Facebook - Pandemia
    Una interessante classifica sull'uso di Facebook da parte di giornali internazionali.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 06-05-2010
  94. OBAMA, EMERGENZE, SCONTRI TV- I NOSTRI PREFERITI - 05/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Cosa Bush potrebbe insegnare a Obama - The Daily Beast
    Imparare dalle catastrofi già avvenute. McKinnon, dopo Bush, "consiglia" Barack Obama.

    La doppia sfida di Obama - Washington Post
    Un tentativo di attentato e un disastro ambientale. Occasioni di ulteriore crisi o di rivalsa?

    Chi vota chi - Francesco Costa
    Il rapporto tra l'elettorato inglese e i giornali misurato nel tempo.

    Nuovi modelli di business per le news on-line - Pandemia
    Il video del panel sul futuro delle news al festival internazionale di giornalismo di Perugia.

    Elezioni inglesi: il terzo modello - FiveThirtyEight
    La terza via matematica per il calcolo dei seggi in base al voto.

    Sallusti vs. D'alema - Alessandro Gilioli (FF)
    In seguito a un post del blog Piovono Rane, si apre su FriendFeed una discussione sullo scontro tra D'Alema e Sallusti a Ballarò.




     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 05-05-2010
  95. I NOSTRI PREFERITI - 04/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Storie di oro e di fango - Webgol
    A un anno e un mese dal terremoto de L'Aquila, un e-book gratuito di una giovane reporter riporta il focus tra le rovine.

    La fine della politica europea prima ancora di nascere - Jonkind
    Quale crisi viene prima? Economica o politica? Da Maastricht alla Grecia, storia di un'avventura malriuscita.

    "Can WHCD get any bigger?" - Politico.com
    Sarà mai possibile superare la Cena dei Corrispondenti della Casa Bianca di quest'anno? 

    Murdoch si trastulla col socialismo reale - Boing Boing
    Da vero tycoon reazionario, Murdoch dispiega il suo impero mediatico nello spinning di Cameron e dei conservatori inglesi.

    L'ascesa dei conservatori - FiveThirtyEight.com
    Le rilevazioni di FTE vedono incrementare il numero dei seggi conservatori in Inghilterra.

    La scintilla di Brown - Guardian
    Michael White sul il discorso del leader del Labour a Citinzens UK, che "risolleva gli animi e rinforza le linee guida del partito".  

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 04-05-2010
  96. Perchè l'Italia non sa discutere del burqa?

    di Flavio Iannelli

    Sanzioni amministrative come principio di integrazione. E' ovviamente un ossimoro. La multa di cinquecento euro comminata a Novara nei confronti di una donna mussulmana rea di aver indossato il burqa (il velo integrale) in un ufficio pubblico, mostra come l'approccio italiano al problema sia il più farraginoso attualmente reperibile in Europa; e nemmeno ci si può limitare alle aporìe implicite in questi provvedimenti senza allargare il cono visivo sulla situazione Europea.
    Non riuscendo evidentemente ad essere decisionisti come in Belgio, dove è intervenuto direttamente il parlamento, o analitici come in Francia, dove nove anni di quotidiane e accese discussioni interne stanno lentamente portando verso un provvedimento statale sulla falsariga di quello belga (ma già si parla di un profilo più severo, soprattutto nei confronti di chi "obblighi" la donna a portare il burqa), l'Italia si abbandona -prassi ormai consolidata- a un pilatismo statale dalle conseguenze feudali. Delegare a regioni, comuni, enti, fino ad arrivare al singolo individuo sembra essere l'unico grande verbo. Così se dopo Novara, la quale ha deciso in tutta autonomia per la sanzione amministrativa, Vercelli -ad esempio- dovesse decidere per sanzioni di natura detentiva, o se invece Catanzaro propendesse per ignorare semplicemente il problema e affidarsi a eventuali Ronde Per la Difesa Del Meridione, a quanto pare la posizione dell'esecutivo -e di tutti i gestori della cosa pubblica- sarebbe quello di nicchiare, facendo leva -dove faccia più comodo, soprattutto a livello elettorale- sulla diffidenza e sulla paura del cittadino comune (come è già capitato a Treviso).
    Se questo atteggiamento appare ormai scontato ai più, ci si chiede invece se proprio in questo periodo, che nelle menti di qualcuno dovrebbe corrispondere al grande valico della stagione riformista, sia il caso di fornire quest'ultima come vera immagine del federalismo prossimo venturo: un pulviscolo di autocrazie incapaci di confronto e mediazione, tutelate nel loro agire quotidiano dalla totale assenza di un controllo centrale da parte dello Stato.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 04-05-2010
  97. I NOSTRI PREFERITI - 03/05/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa.

    I conservatori ostaggio della City - Guardian
    Clegg: la dipendenza dalla finanza è quadruplicata. Lo scontro Clegg-Cameron.

    Quaranta predatori della libertà di stampa - RSF
    Reporters sans frontières pubblica un elenco di stati "canaglia" in rapporto alla libertà di stampa. "New entry" la Cecenia, ma c'è anche l'Italia.

    Anteprima P.I. - Manteblog
    La stampa italiana sbarca in massa su Facebook. Come le grandi testate usano i nuovi media.

    Mockus, un verde per la Colombia? - Giornalismo partecipativo
    Allievo di Habermas, "Beppe Grillo creolo". Gennaro Carotenuto racconta il nuovo outsider della politica sudamericana.

    Freedom of the press Survey - FreedomHouse
    Il report annuale 2010 sulla stampa mondiale di Freedom House.

    Il labour risponde agli scienziati - Guardian
    Insigni personalità scientifiche pongono alla politica dieci domande su scienza e ricerca.

     

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 03-05-2010
  98. I NOSTRI PREFERITI DEL 30/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    La situazione intellettuale - Bookcafe
    Sommario di un lungo articolo di N+1 composto di tre saggi sulla situazione della sfera intellettuale della rete.

    Perché l'Arizona ci riguarda - Il Post
    Foreign Policy utilizza la legge Bossi-Fini come supremo esempio negativo di leggi sull'immigrazione.

    Il primo anno di Obama: poteva andare peggio - Dissent
    Michael Walzer spiega perché secondo lui la delusione nei confronti dell'amministrazione Obama sarebbe eccessiva.

    Travaglio sul PD e replica di Bersani - FriendFeed
    In un thread di Diego Bianchi (Zoro), un'accesa discussione sul confronto Travaglio-Bersani ad Annozero.

    Umberto Eco: l'Europa come l'Italia - Giornalettismo
    Alcuni estratti dell'intervista rilasciata da Umberto Eco a El Paìs sulla situazione in italia e sul rischio di "berlusconizzazione" dell'Europa.

    L'ipocrisia dei Tea Parties sull'immigrazione - The Daily Beast
    La destra incolpa Obama di aver costruito uno stato di polizia, ma perché allora non ha nulla da dire sull'Arizona?



     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 30-04-2010
  99. I NOSTRI PREFERITI - 29/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Kaboom - Francesco Costa
    Gli sconvolgimenti relativi alle elezioni inglesi non cessano di sorprendere.

    Controllo dell'immigrazione e Governance - Open Democracy
    La stretta sull'immigrazione da parte dell'Arizona è un passo indietro ed è disfunzionale, secondo Saskia.

    Labour Danger - FiveThirtyEight.com
    Le previsioni sul vantaggio del Labour per quanto riguarda i seggi sono davvero così scontate?

    Il calcolatore di seggi elettorali - BBC News
    In relazione all'articolo precedente, un ottimo strumento messo a disposizione dalla BBC per calcolare il numero di seggi in base al voto.

    Ma quale crisi dell'immigrazione? - The Daily Beast
    Il contrappunto di Bryan Curtis ai fatti dell'Arizona. Frontiere "porose" o classica propaganda neo-con?

    Segnali di vita da non disperdere - Senzamegafono
    Le idee di David Cohn e il crowdfunding sembrano poter attecchire anche in Italia. Un'analisi sulle "teste di ponte" del giornalismo professionale on-line.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 29-04-2010
  100. I NOSTRI PREFERITI - 28/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Contact Us - Giornalaio

    Un buon esempio dall'America. Il giornale locale Telegram si fa notare anche all'estero per la sua foltissima e dettagliata pagina di contatti e per quella delle correzioni.

    Internet spiegata a Umberto Eco - Il Post/Manteblog

    Mantellini polemizza con Eco sul divario tra stampa cartacea e web.

    Ma il governo ha capito cos'è la mafia? - Jonkind

    Paolo Landi, sul suo blog e su Macchianera.net, chiede conto al governo dei dati sulla lotta alla mafia.

    I sei momenti topici dell'audizione di Goldman Sachs al senato USA - The Daily Beast
    Da Blankfeind che nega tutto al turpiloquio di Levin, i migliori momenti in sei video.

    Un nuovo movimento per il clima in Bolivia - The Nation
    Naomi Klein e l'anti-vertice sul clima di Cochabamba.

    Contro Slow Food - Il Post.it
    Prima Limes e poi il Post si chiedono quali e quanti siano i limiti politici e strutturali dell'associazione di Carlo Petrini.
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 28-04-2010
  101. I NOSTRI PREFERITI - 37/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Storia di una stretta di mano - Foreign Policy
    Tutta la storia del conflitto mediorientale in una bella galleria di foto con didascalie.

    Chiude il loft del PD - Espresso on-line
    Marco Damilano tira le fila dei tre anni di attività del "laboratorio" romano del PD.

    Saviano bloccato dal Governo Berlusconi? - Nouvel Observateur
    Il giornale francese ipotizza retroscena politici per l'annullamento del viaggio di Roberto Saviano in Francia.

    Le elezioni di casa tua - Guardian
    Il Guardian, in occasione delle elezioni generali, organizza una originale copertura nazionale dei votanti tramite Twitter e invita tutti a sottoscrivere l'iniziativa.

    Dieci cose che L'Huffington Post ha fatto bene - Zemanta
    L'ex CEO dell'HP Betsy Morgan elenca dieci ragioni fondamentali per il successo del più letto tra i giornali just-on-line.

    Strategia della paura - Francescocosta.net
    L'ultimo videospot dei laburisti. Dati, tasse, fmaiglie e una buona dose di retorica. 



     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 27-04-2010
  102. I NOSTRI PREFERITI - 26/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Mappa semplificata del dibattito sul giornalismo futuro - Liquida
    Schegge di un dibattito infinito, direttamente dall'IJF di Perugia.

    Il "capolavoro" rischia di scomparire - El Cultural
    Mario Vargas Llosa si mostra scettico sull'era dell'editoria digitale.

    Elections - New York Times
    La mappa dettagliata della politica americana.

    IJF 2010 - Il Cannocchiale
    Tutti i video del Festival di Perugia.

    Gli "Eco-manifesti" in esclusiva - Independent
    I video in esclusiva di Brown, Cameron e Clegg che spiegano i loro progetti di politica ambientale. 

    Perché non volano le rondini delle riforme - Il Sole 24 Ore
    Riotta sul conflitto interno al PDL e sulle scarse possibilità dell'attesa "stagione riformista".
     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 26-04-2010
  103. I NOSTRI PREFERITI - 23/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    In fondo, in fondo, in fondo - Malvino
    La lettura dello scontro Fini - Berlusconi di Luigi Castaldi...

    Berlusconi, Fini o niente? - Il Post
    ...e quella di Filippo Facci.

    Il secondo dibattito inglese e i combattimenti - Guardian
    La parte del dibattito incentrata sull'Afghanistan non convince l'audience collegata alle forze armate.

    Novità per l'informazione on-line - Apogeo
    Quattro nuovi progetti di editoria web in poco tempo. Qualcosa si muove?

    Fact Checking, quando i conti non tornano - Giornalaio.com
    Il New York Times torna in attivo? Ma è davvero merito della pubblicità web?

    Il meglio del giorno - Pandemia
    Il meglio della giornata dal Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia secondo Luca Conti.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 23-04-2010
  104. I NOSTRI PREFERITI - 22/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Caffè Europa e Reset

    I leader inglesi si preparano per il secondo dibattito - BBC News

    Clegg, Brown e Cameron si preparano per il secondo testa a testa, incentrato sulle politiche internazionali.

    Il vigile urbano interiore - Leonardo
    Il famoso blogger/giornalista Leonardo sul tema della comunione e del divorzio dopo le polemiche su Berlusconi.

    Le sei cose più strane scritte sul vulcano islandese - Atlantic
    L'Atlantic riporta sei tra le più grottesche uscite della stampa e della rete riguardo l'eruzione del vulcano.

    Commenti in diretta sulla Direzione Nazionale del PDL - Il Post
    Quasi duemila commenti (in continuo aggiornamento) nel thread dedicato su FriendFeed.

    Clonare Irene Tinagli - Lo Spazio Della Politica
    Chi saranno gli opinion makers del futuro?

    Il double standard dei Media su Obama e il golf - The Daily Beast
    Mark McKinnon, sul suo blog, analizza la disparità di trattamento di Obama tra media nazionali e stranieri.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 22-04-2010
  105. I NOSTRI PREFERITI - 21/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Caffè Europa e Reset

    Gli appunti di Clegg - Guardian

    Le tecniche di spin usate dal lib dem Clegg nel dibattito elettorale ritrovate sul retro di un taxi.


    Giulio Ferroni e il romanzo di Veltroni - Il Post
    Il narcisismo culturale dei leader della politica in un'analisi del critico letterario Giulio Ferroni.

    Carta e Web: il futuro è farsi adottare dai lettori - Il Sole 24 ore
    La rivoluzione dell'informazione in un articolo di Luca De Biase.
     
     
    IFJ - Scene digitali
    Il liveblogging (1) (2) (in aggiornamento) di Vittorio Zambardino dal Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia.
     
    Gb, battaglia elettorale sul clima e l'ambiente - Iam
    Liberali, laburisti e conservatori si contendono il primato sulla politica "verde".
    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 21-04-2010
  106. I NOSTRI PREFERITI - 20/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Caffè Europa e Reset

    Salvate la Miosfera - Repubblica.it

    Una satira onnicomprensiva di Stefano Benni, dalla nube al mondo in dissoluzione.

    Lunga vita al romanzo, parla Ian MacEwan - Internazionale
    Ian MacEwan racconta a Daily Beast perché è ottimista sul futuro del romanzo.

    Perché tifo per la nube - Antefatto.it
    Una polemica apocalittica di Massimo Fini.

    Intervista a Gianluca Neri e Luca Sofri - Wired.it
    Due delle figure più celebri del web italiano in un'intervista doppia dedicata al lancio dei loro due nuovi progetti.

    Dopo il dibattito, i liberali inglesi volano nei sondaggi - Boing Boing
    Ma i seggi in parlamento? Le contraddizioni del sistema di voto e la discussione nei commenti.

    John McCain e la moneta dell'immigrazione - Salon
    Venuta meno la necessità di tenere un profilo "liberal", McCain torna a occuparsi dei temi cari ai neo-con.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 20-04-2010
  107. I NOSTRI PREFERITI - 19/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Obama si blinda contro la stampa - Dagospia
    I rapporti tra Obama e la stampa della Casa BIanca, nonostante le buone premesse di inizio mandato, si fanno sempre più tesi.

    Nascono "Il Post" e "Blognation" - Macchianera
    Un nuovo quotidiano on-line, modellato sull'Huffington Post e curato da Luca Sofri, e un nuovo aggregatore. Networks & News diventano grandi?

    Random Guardian - Guardian
    Citando il meccanismo del fenomeno Chatroulette (e sulla scorta di Wikipedia), il Guardian sperimenta la sua "random page".

    Clinton risponde a Limbaugh - Athlantic

    Bill Clinton risponde all'accusa di Rush Limbaugh, secondo il quale l'ex-presidente avrebbe "preparato il terreno per un clima di violenza" (video).

    Non un dibattito storico - Prospect Magazine
    Cosa c'è di davvero innovativo dietro i facili entusiasmi mediatici relativi al dibattito politico inglese?

    In USA we don't trust - Huffington Post

    La fiducia dell'elettorato americano nella capacità del Governo di risolvere i problemi nazionali è al 20%.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 19-04-2010
  108. I NOSTRI PREFERITI - 16/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    All'economia USA non basteranno 15 anni per riprendersi - Comedonchisciotte.org
    In un’intervista a RussiaToday, l’economista ed analista geopolitico William Engdahl, frequente contributore a “Eurasia”, parla della crisi greca, del coinvolgimento delle grandi banche statunitensi, del futuro dell’eurozona e del ruolo geopolitico dell’Europa.

    Il disamore tra Sarkozy e i francesi si concretizza - Le Monde
    Due terzi dei francesi sarebbero contrari alla ricandidatura di Sarkozy per il 2012.

    Sperimentare un TG senza cronaca nera - Luca Conti (FF)
    Sul social network FriendFeed, un dibattito sulla proposta di Alessandra Mussolini.

    Worm, Il coverage dei debate inglesi - Spindoc
    Nell'ambito del dibattito Clegg - Brown - Cameron, una nuova tecnica interattiva per la copertura e il gradimento in real-time.

    Il rating del dibattito politico in Inghilterra - Guardian
    Un pubblico di quasi dieci milioni per l'impressionante feedback del dibattito inglese.

    Federalismo con Gran Visir - L'Espresso
    Michele Serra rivolge la sua "satira preventiva" contro l'idea del presidenzialismo all'italiana. 

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 16-04-2010
  109. I NOSTRI PREFERITI - 15/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Next Big Thing in English: Knowing They Know That You Know - New York Times
    Le neuroscienze come nuovo possibile orizzonte della critica letteraria.  

    Journalism in the digital age: trends, tools and technologies - Guardian
    Come i giornalisti usano i social networks.

    Intervista su Jesus L. - Leonardo
    Mitomania, parodia, religione e fantapop in una visionaria intervista-fiction  di uno dei più celebri blogger italiani.  

    Tea Partiers Release Document of Principles - The Athlantic
    Il movimento attivista conservatore dei "Tea Parties" rilascia il proprio "manifesto".  

    Ian MacEwan - Keep Gordon Brown - The Daily Beast
    Lo scrittore Ian MacEwan sostiene Gordon Brown sottolineando le inadeguatezze del rivale Cameron (video).

    Berlusconi 2.0: parla Palmieri - Piovono Rane
    Il Presidente del Consiglio valuta un'ennesima "discesa in campo", questa volta sui social networks.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 15-04-2010
  110. I NOSTRI PREFERITI - 14/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa

    Un nuovo fronte popolare - Dissent
    L'eccessiva prudenza di Obama ostacola il vero fronte progressista?

    Altre possibili nomine, interne ed esterne - Time
    Sunstein e gli altri candidati per la Corte Suprema.

    Una serata con Tariq Ramadan - New yorker
    Il discorso di Tariq Ramadan alla Cooper Union raccontato da George Packer.

    Le ragioni ritrovate del pensiero critico. Intervista a Slavoj Zizek - Micromega
    Un'intervista con il filosofo sloveno in occasione dell'uscita del suo libro «Dalla tragedia alla farsa».

    Il business è il messaggio? - Luca De Biase
    Una nuova interazione tra la produzione e la fruizione del giornalismo.

    Dodici foto di Benedetto XVI - Buzzfeed
    Da un tweet di Internazionale.it, una galleria di foto "particolari di Benedetto XVI.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Reset il 14-04-2010
  111. I NOSTRI PREFERITI - 13/04/2010

    Articoli, discussioni e segnalazioni delle redazioni di Reset e Caffè Europa


    Dawkins vuole l'arresto del Papa - Times On line
    Il celebre divulgatore "ateista" pianifica un' "imboscata" legale per Benedetto XVI.

    Sheila Blackford e Alan Schroeder sui dibattiti - SpinDoc.it
    Per la prima volta nella storia d'Inghilterra, un dibattito a tre per le elezioni generali.

    Riforme per il regime e disaffezione dei cittadini - Eddyburg
    Stefano Rodotà e Ilvo Diamanti sulla crisi della democrazia in Italia.

    Perché Dylan non si esibirà in Cina? - The Atlantic
    James Fallows analizza le contradditorie motivazioni del tour scomparso di Bob Dylan.

    La mia prima volta con l'IPad - The Daily Beast
    Il romanziere Jay McInerney sul nuovo prodotto della Apple.

    Q&A - Willamgibson.com
    Domande e risposte in libertà allo scrittore William Gibson.

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 13-04-2010
  112. Negli Usa il Papalgate ha un'aria familiare

    Affinità (molte) e divergenze (poche) tra il caso pedofili in Vaticano e il Watergate di Nixon. Secondo la rivista Atlantic sarebbero molti i punti in comune tra lo scandalo che affossò il presidente Usa e quello che sta costringendo Benedetto XVI a continue parate e risposte.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 02-04-2010
  113. Senza parole

    Secondo Monsignor Tarcisio Bertone, attuale segretario di Stato vaticano, è molto difficile aprire un processo canonico ai danni di padre Murphy, il prete americano che per più di vent'anni avrebbe abusato e violentato 200 ragazzini sordi in una scuola di Milwaukee.  L'ostacolo sarebbe la difficoltà a provare il delitto, dice Bertone, «e per la difficoltà che hanno i sordomuti a fornire prove e testimonianze senza aggravare i fatti, tenuto conto della loro menomazione e del tempo trascorso».
    E' difficile commentare in maniera sensata affermazioni come questa.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 31-03-2010
  114. Rimpiangere la lottizzazione?

    Non che non ne avessimo un'idea, ma leggerli nero su bianco i dati (file pdf) dell'Agcom su «Pluralismo politico/istituzionale in televisione» tra il 14 e il 20 marzo 2010 fanno impressione.
    Sulla Rai, negli ultimi giorni di campagna elettorale il Pdl è stato presente il 60,07 per cento sul tg1 e "solo" il 50,26 sul tg3. Al contrario, per il Pd si va dal 19,59 del tg minzoliniano al 27,81 di quello che un tempo era chiamato Tele-Kabul.
    (file via Gilioli)

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 26-03-2010
  115. I pozzi avvelenati della democrazia

    Per comprendere lo sfondo nel quale la vicenda raccontata da Gad Lerner nella lunga, lunghissima intervista in copertina su Prima Comunicazione si dovrebbe leggere il nuovo libro della filosofa Franca D'Agostini, Verità avvelenata. Una diagnosi cruda di quel che non funziona nel dibattito pubblico italiano, un lungo elenco di mali che affliggono lo spazio che dovrebbe garantire la libera competizione tra argomenti e ragioni.

    I nuovi sofisti, falsi democratici, sono gli spin doctor, avvelenatori dei pozzi della democrazia che intossicano l'aria col gioco della retorica. Il rimedio? Armarsi degli strumenti della dialettica socratica e decostruire uno per uno i tranelli e le trappole sparse nella comunicazione pubblica.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 25-03-2010
  116. A chi parla Bagnasco?

    Di tutte le reazioni all’uscita del cardinale Angelo Bagnasco sulla centralità della questione aborto nel voto di domenica e lunedì, non mi pare di aver letto una cosa, semplice ma decisiva. L’Italia una legge che disciplina l’interruzione di gravidanza ce l’ha da decenni. Dirsi contro l’aborto significa dirsi contro una legge dello Stato. La 194 non è una proposta di Bonino e Bresso da contrastare ma una legge in vigore. Ovviamente, nessun politico avveduto può permettersi di seguire alla lettera le affermazioni del presidente della Cei nel merito. Se ne apprezza lo spirito, si dice, il richiamo ai valori. Ma «aborto? no grazie» non lo dice nessuno (ricordate lo zero virgola di Ferrara?). Tutti sanno che la legge ha funzionato, ha ridotto gli aborti clandestini confinandoli quasi solo a quelle fasce della società che non hanno per varie ragioni accesso alla sanità pubblica (clandestini, immigrati ecc.).
    E allora? Che battaglia è quella dei vescovi italiani? Il messaggio indirizzato contro due donne (e quest’aspetto non è secondario) candidate nel Lazio e in Piemonte è un ingresso nell’agone politico senza che nessun politico possa aderirvi direttamente. È il tentativo di esercitare una pressione di un potere non politico sull’agenda della politica e al tempo stesso un’abile mossa di comunicazione che prova a togliere d’impaccio un’istituzione millenaria come la Chiesa romana in grave difficoltà con la vicenda dei pedofili.


     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 23-03-2010
  117. Il femminismo ha fatto bene ai maschi?

    Il femminismo ha aiutato gli uomini o le donne? Se lo chiede Prospect in un botta e risposta pubblicato nelle ultime settimane sul sito della rivista dei progressisti inglesi.

    Jim Pollard sostiene che il movimento femminista abbia favorito marxianamente un modello sociale patriarcale, nel quale il modello economico è bene o male lo stesso. Laurie Penny gli ribatte che no, che non è vero che i maschi sono quelli che hanno avuto la meglio. Certo l'invenzione della categoria astratta dei “maschi” non ha giovato al femminismo. Solo un'alleanza tra uomini e donne può generare una trasformazione in meglio dei ruoli di genere codificati.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 20-03-2010
  118. Il manifesto tecnologico di David Cameron

    Proprio come il centrodestra in Italia. David Cameron lancia il Conservative Technology Manifesto, il programma per un nuovo modello economico in Gran Bretagna. Obiettivo: creare la rete a banda larga più veloce in Europa e creare 600mila posti di lavoro.
    Qui il documento in pdf.

     

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 16-03-2010
  119. Per non dimenticare

    Quasi 700 prime pagine dai quotidiani di tutto il mondo. Per non dimenticare una giornata storica.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 06-11-2008 [1 commenti]
  120. Da MySpace alla Casa Bianca

    Va bene, quando si tratta di politica e di elezioni, la tv è ancora la padrona della bilancia dei voti; il web non avrà la stessa capacità di spostare consensi, ma di sicuro in queste presidenziali americane si vedono cose bellissime. Come questo MyDebates, frutto di un accordo tra MySpace e l'organizzazione no profit che organizza i dibattiti presidenziali.

    Si può vedere a quale candidato si è più vicini, si possono fare domande, si può partecipare alla community, si possono vedere tutti i faccia-a-faccia televisivi della campagna elettorale: semplice, efficace, funzionale, graficamente gradevole. Ci piace.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Mauro Buonocore il 07-10-2008
  121. Gli eccessi di una campagna elettorale

    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 26-03-2008
  122. You tube: battaglia elettorale a suon di canzoni. Ecco "No, you can't"

    In tempo di elezioni il web (americano) si fa terreno fertile di contenuti politici in cerca di forme nuove.
    L'ormai nota carrellata di star che supportano Obama cantando il suo Yes we can si fa parodia che colpisce John McCain: i repubblicani sono descritti come portavoce di una cultura che nega e che vieta, e il candidato presidente canta: No, you can't.
    (Il tutto ripreso da Mario Adinolfi)



    Continua a leggere >>

    Scritto da Maurobuonocore il 21-02-2008
  123. Il virus della laicità

    Di nome e di fatto.
    Secondo le leggi del marketing virale, impazza nei blog italiani il video che ha come protagonista Paola Cortellesi che mette in guardia sui rischi della laicità

     



    Continua a leggere >>

    Scritto da Alessandro Lanni il 21-02-2008
  124. Caffè Europa si rinnova: ecco tutte le novità 

    Care lettrici e cari lettori,

    Caffè Europa cambia volto e apre uno spazio tutto dedicato alle vostre opinioni.

    Volete aggiungere il vostro commento a quello che leggete tra le righe delle nostre pagine?

    Ora è più semplice che mai, basta poco:

    registratevi, vi arriverà in e-mail la vostra password,
    andate alla pagina di log in,
    inserite la vostra e-mail e la password ricevuta;
    a quel punto, in ogni articolo di Caffè Europa,
    potrete lasciare il vostro commento
    che in pochi secondi apparirà online.

    Le altre novità della nuova veste grafica di Caffè Europa:

    il blog per segnalazioni, riflessioni, curiosità e spunti dalla redazione;

    multimedia, uno spazio dedicato ad approfondimenti video;

    feed Rss, gli aggiornamenti della rivista in tempo reale sul vostro computer;

    rassegna e newsletter: rimangono gli appuntamenti in e-mail con la rassegna stampa quotidiana, con gli aggiornamenti di Caffè Europa;

    i nostri archivi: articoli, interviste, parole e ragionamenti che da dieci anni hanno riempito le nostre pagine non vanno persi e rimangono a diposizione dei lettori.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Caffeeuropa il 08-02-2008 [2 commenti]
  125. Web2.0, una risorsa per politica e democrazia?

    Il divario tra politici e democrazia ha la dimensione di un abisso.
    E se l'età media dei senatori dell'ultima legislatura è di 59 anni, apice di un trend tutto in salita (o in vecchiaia) negli anni più recenti, non c'è da meravigliarsi se le opportunità offerte dalla tecnologia, e in particolare dalle applicazioni del web detto 2.0, sfuggono alla percezione dei politici italiani.

    Sono parole di David Orban, amministratore delegato di Questar (società che realizza prodotti software) e consulente su questioni tecnologiche e internettiane per soggetti diversi, tra cui anche Barack Obama.
    Intervistato da Marco Montemagno nella trasmissione Reporter diffuso, Orban ha raccontato come Obama abbia messo intorno a un tavolo una ventina di esperti web da tutto il mondo, tra cui nomi eccellenti come Tim O'Reilly (inventore della formula 'web2.0') e Lawrence Lessig, per farli discutere di integrazione tra l'internet e la politica. Soprattutto: il web può aiutare la democrazia?
    L'incontro tra tecnologia e creatività applicate alla politica ha prodotto otto principi cardine per ispirare una democrazia caratterizzata da trasparenza e connessione tra cittadini.
    Tra questi: la necessità che i dati siano elaborati in forma viva, cioè che abbiano unn formato che sia utilizzabile dalle macchine, in modo tale da essere agilmente diffusi, liberamente consultabili, aperti, accessibili.
    Quanto è distante questa America dall'Italia che mangia la mortadella e stappa bottiglie di spumante in Senato?
    Anni luce, direi.



    Continua a leggere >>

    Scritto da Maurobuonocore il 01-02-2008
  126. Purtroppo.... (cronache dalla palude)

    Commento di Guido Martinotti all'articolo Coro unanime: questa politica è indecente

    .... purtroppo le scene alle quali abbiamo assistito non sono aliene dalla comune esperienza. Gli sputi in faccia al "traditore" (infame, cornuto, assassino) sono molto vicini all'esperienza che l'italiano medio ha, guidando per ore al giorno l'automobile e vedendo per ore al giorno la televisione. I giornali (o almeno alcuni di loro) si dilettano della gaffe su Neruda Continua a leggere >>

    Scritto da Caffeeuropa il 01-02-2008
  127. Reset n. 105, in edicola e in libreria

    Il primo numero del 2008 di Reset festeggia i cento anni del pragmatismo, riflette sul postsecolarismo, spera nella letteratura, apre un dibattito sul ruolo dell'ateismo nella sfera pubblica e molto altro.
    Ecco un sommario di tutto quello che ci potetet trovare. Continua a leggere >>

    Scritto da Caffeeuropa il 30-01-2008
  128. L'Europa in una stanza

    400 persone, 27 stati membri, 20 lingue diversi. Per la prima sondaggi informati arrivano dimostrano di essere uno strumento utile per la nascita di una vera opinione pubblica europea.

    Continua a leggere >>

    Scritto da Caffeeuropa il 16-10-2007
Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti alla Rassegna Stampa

Tea Party
La rivolta populista e la destra americana
Giovanni Borgognone, Martino Mazzonis

Avanti popoli!
Piazze, tv, web: dove va l'Italia senza partiti
Alessandro Lanni

>> Tutti i libri di Reset
MULTIMEDIA
video
M.A.R.E.

video
Lo Tsunami in Giappone

video
Roma-13 febbraio - Se non ora quando?

video
Se non ora, quando? Mobilitazione nazionale donne

video
Rom: guerra ai poveri. Il confronto tra Italia ed Europa

video
Niqabitch per le strade di Parigi

video
Steve Jobs: "Siate affamati, siate folli" (prima parte)

video
Sergio Chiamparino e Nichi Vendola sul futuro della sinistra

video
Umberto Eco su Ipazia: luci e ombre

video
Filosofia e Web: il futuro è scritto

video
2009: I banchieri, Obama e il climate change

video
Tutto il mondo in una canzone

Reset

 Reset n. 128, novembre - dicembre 2011


>> I NOSTRI ARCHIVI