CaffèEuropa.it si è trasferito su Reset.it

Caffe' Europa
258 - 31.07.04


Cerca nel sito
Cerca WWW
Università senza perdersi
Martina Toti


Tullio De Mauro e Francesco De Renzo, Orientarsi nell'Università - Edizione 2004, Il Mulino, pp. 309, Euro 12.00

Vi è mai capitato di cercare immagini tra le clip-art del vostro computer? Se lo avete fatto, sapete che una delle più comuni, quella in cui tutti, prima o poi, ci siamo imbattuti, è un crocevia con tanto di segnali che indicano a un omino le varie direzioni possibili. L'icona viene identificata con varie parole-chiave: "orientamento", "orientarsi", "scelte", "decisioni". Facciamo finta che l'omino della clip-art sia un uomo vero, piccolo - ben inteso - per ragioni anagrafiche. Mettiamo infatti che abbia 18 o 19 anni. Appena uscito - o uscita, nel caso si tratti di una donnina - dalle superiori, e con un grande bisogno di una guida. Tullio De Mauro e Francesco De Renzo, da sedici anni, gliene offrono una adatta al caso: Orientarsi nell'Università.

Il punto di partenza dell'Edizione 2004 è proprio quel dedalo di strade fra le quali bisogna saper riconoscere - a 18, 19 anni - le precedenze, le vie senza uscita, quelle tortuose e quelle meno. Ci sono soprattutto tanta praticità e realismo nella guida di De Mauro e De Renzo. Iscriversi o no all'Università? Dove: quale ateneo, quale facoltà? Cosa: quale corso di laurea? Come: ci sono test di ammissione, corsi preparatori, o l'immatricolazione è aperta? Perché: per ottenere un impiego qualificato, una preparazione culturale elevata? E soprattutto, ne vale la pena - per i costi, la durata dei corsi, l'impegno richiesto?

Il libro - precisano gli autori - "è concepito come un percorso di orientamento per conoscere i singoli aspetti della realtà universitaria: dalle classi di laurea esistenti alle prospettive di occupazione che offrono; dalla durata degli studi alla natura del nuovo impegno." Ma non è solo questo: "vi sono anche informazioni sulle possibilità di studio all'estero, sulle associazioni studentesche, sulle borse di studio, sugli esami e sulla prova finale". E soprattutto, come ogni guida che si rispetti, il testo è strutturato in modo da consentire una rapida consultazione a seconda delle proprie necessità: nell'introduzione gli autori non mancano, infatti, di indicare possibili percorsi tematici.

La riforma del 2001 - che ha portato con sé una lunga scia di dibattiti, non ultimo quello tra Pietro Citati e Guido Martinotti, che ha coinvolto direttamente il nostro sito - ha cambiato la struttura dell'università italiana, perciò si può aver bisogno di conoscere i nuovi corsi di laurea triennali e quelli biennali, le classi di laurea e le discipline fondamentali (Percorso 1: capitoli 1, 5, 15). Oppure - dati alla mano - si può essere interessati alle prospettive occupazionali per i laureati e ai relativi tempi di inserimento nel mondo del lavoro (Percorso 2: capitoli 2, 5, 10, 14,15). Poi c'è la vita universitaria, fatta di lezioni, esami, piani di studio e tesi (Percorso 7: capitoli 2, 5, 6, 7, 8, 9) e ci sono gli spazi, i servizi e le strutture: biblioteche, mense, sale di lettura, attività ricreative, sport, borse di studio (Percorso 6: capitoli 2, 3, 5,12). Si può avere bisogno di conoscere l'elenco delle facoltà per sedi (Percorso 9) oppure delle possibilità di studio all'estero offerte dall'Unione Europea (Percorso 8: capitolo 11).

Insomma, scegliere la strada giusta per il proprio futuro è una sfida. "Avete alle spalle un intero mondo fatto di stabili relazioni personali, di amicizie, di regole formali o informali, di rapporti facili o difficili con compagne e compagni o insegnanti. Davanti a voi avete un altro mondo, retto da regole in gran parte diverse. Un mondo che impone delle scelte". Eccolo: il dedalo di strade, l'incrocio. Ed ecco l'importanza di avere una guida che aiuti "studentesse e studenti a raccogliere al meglio e vincere questa non facile sfida. E' una loro sfida personale, certamente, ma che la vincano al meglio è interesse dell'intera società italiana che, nel confronto europeo, soffre di un numero troppo scarso di laureati."

 

 

 

 

Vi e' piaciuto questo articolo? Avete dei commenti da fare? Scriveteci il vostro punto di vista a
redazione@caffeeuropa.it